annunciazione

Federico Barocci (Federico Fiori, Urbino 1528/35 – 1612)

Annunciazione

1582-84, Pinacoteca Vaticana

olio su tavola trasportato su tela, cm. 248 x 170

-

Mo te cerca de immagginate ‘a scena. ‘A vergine Maria sta a casa sua, e tutt’a ‘n tratto je piomba n’angelo ‘n soggiorno così de punto in bianco senza manco bussà. A una già je sarebbe pijato er coccolone ma diciamo pure che lei nun se scompone. St’angelo je fa: “Marì ciò na bella notizia. Tra un nove mesi giorno più giorno meno farai un regazzino”. Carcola che Maria ancora manco era sposata. E anfatti joo dice all’angelo, je fa “Oddio me pare un po’ improbbabbile dato che ancora co er fidanzato mio Giuseppe nun… cioè sì quarche bacetto ma gnente de più che io sò na regazza onesta”. “Nun te preoccupà” je fa l’angelo, “ce penserà ‘o Spirito Santo. Tu nun devi pensà a gnente, manco ar nome, che già amo deciso noi, e se chiamerà Gesù”. E poi giù a spiegaje come e quarmente sto bambino crescerà e sarà er Fijo de Dio eccetera eccetera.

Mo io me immagino na qualunque regazza che je dicheno na robba così per lo meno je pija no scompenso e sbianca, pe nun dì magari sviene e deveno da chiamà l’ambulanza. Ma tu vedi ner quadro che Maria tranquilla, come gnente fosse, soride e nun fa na piega e fa un gesto come a dì “Ecchime qua, io sò pronta”.

E tutta ‘a scena è carma e tranquilla e dorcissima, l’angelo bello appunto come n’angelo, Maria bella pure lei, na bella casetta, tutto se svorge seconno i piani e nun ce sò rimostranze o dubbi o domanne o ricorsi ar Tar.

Perché er pittore te vò fa vedè che Maria è nun solo na donna eccezionale ma n’esempio de umirtà e disponibilità, che er piano che ‘a Provvidenza ha pensato pe lei l'accetta senza batte cijio. E tutti li cristiani, se sottintende, dovrebbero da fà così. Solo che qui nun se fa cenno a tutte ‘e sofferenze che sta donna dovrà sopportà compreso vedè su fijo in croce, né ar fatto che si segui ‘a volontà de Dio naa vita è probabbile assai che nun saranno tutti rose e fiori. Ma qui no, è tutto fatto de zucchero, soffice come un cuscino, quasi che Barocci te desse un par de occhiali rosa pe guardà er monno.

E devi pensà che era l’epoca daa Controriforma, caa Chiesa cattolica ce teneva un botto a ribadì li concetti sua e fà vede che era mejo dii Protestanti, e pe fallo usava metodi dorci e metodi meno dorci, er bastone e ‘a carota. Barocci è 'a carota. E’ come si te dicesse “Viè co noi, semo l’unici giusti, nun te preoccupà. A te ce pensamo noi, tu fai quello che te dimo e vedrai che sarai ricompensato. Si no drento sta vita, naa prossima, che t’amo riservato un posto in prima fila in Paradiso”.

Annunciazione con i Santi Ansano e Massima. Nelle cuspidi: i profeti Geremia, Ezechiele, Isaia e Daneiele (1333) by Simone Martini 

The panel, signed and dated, was for the altar of Saint Ansanus in Siena’s Duomo, where it remained until the late 1500s. St. Maxima is attributed to Memmi, Simone’s brother-in-law and partner. The scrolls allude to the Incarnation.

Non è che qualcuno vorrebbe adottarmi?

Non faccio la pipì a terra (o comunque, se dovesse capitare, pulisco io), quando tornate a casa vi faccio le feste (vi appendo anche gli striscioni e i palloncini colorati), e vi lavo anche le maglie di lana a mano e le faccio uscire come nuove (nel senso che le rovino e poi ve le ricompro nuove).

CURIOSITA’

Nell'arte sacra medievale e rinascimentale, il gatto è inserito come simbolo del maligno. Lo si ritrova spesso nei Cenacoli accanto a Giuda. In questo caso fugge all'arrivo dell'arcangelo Gabriele nell'Annunciazione di Lorenzo Lotto a Recanati.

Nell'immagine: Lorenzo Lotto, “Annunciazione”, Recanati, Pinacoteca Civica, dettaglio