annunciazione

Annunciazione con i Santi Ansano e Massima. Nelle cuspidi: i profeti Geremia, Ezechiele, Isaia e Daneiele (1333) by Simone Martini 

The panel, signed and dated, was for the altar of Saint Ansanus in Siena’s Duomo, where it remained until the late 1500s. St. Maxima is attributed to Memmi, Simone’s brother-in-law and partner. The scrolls allude to the Incarnation.

«Io lo sapevo che il mondo è anche questo, perché mai mi sono limitata a saperlo, io sapevo che le componenti magiche del mio mondo erano privilegiate dalla mia superstizione, sapevo che si possono variare le componenti, ma l'esperienza della variabilità non è stata per questo meno simile a un'annunciazione. Chi dubita che si possa bere l'acqua anche attingendola dal fiume con la mano, che si possa vivere e sopravvivere a una temperatura diversa? Queste sono cose conoscibili con l'intelletto. L'annunciazione è d'altra natura. Io dunque ho assistito a una predica che nessuno ha pronunciato o tenuto sotto il tetto di un tempio, alla predicazione del deserto e di leggi non formulate, ho visto modi di bere, di masticare, di camminare e di dormire che sotto una crosta sottile di intelligenze d'altro tipo aspettavano la loro ora, aspettavano il mistico incontrarsi di inspirare, espirare, camminare e riposare, l'alleluia della sopravvivenza nel Nulla […]»

Ingeborg Bachmann, Il libro Franza, Adelphi [trad. Magda Olivetti, Luigi Reitani].

Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 – Roma 1680)

La Verità

1646-52, Roma,Galleria Borghese

Marmo di Carrara, h 280 cm, base cm 17

-

L’artisti all’epoca de Bernini nun è che se svejaveno ‘a matina e decideveno “vabbè va oggi dipingo n’Annunciazione” bensì lavoraveno pe un cliente che je chiedeva de fà na robba specifica. Qui però ciavemo l’eccezzione che conferma ‘a regola. Anfatti sta statua Bernini se l’è fatta pe sé, tanto che aa morte sua je fu trovata appunto drento casa.

Dovete sapè che Bernini a meno de cinquant’anni aveva già avuto na cariera brillante e lavorava pe er fior fiore daa società, incluso er papa Urbano VIII Barberini che fin da giovane l’aveva impiegato in mille progetti prestigiosi e ovviamente ben pagati; e Bernini che a ste cose ce teneva se n’annava tutto fiero e impettito pee strade daa città, che saa sentiva popo calla.

Senonchè a na certa er papa more, e ar sojo de Pietro viè eletto Innocenzo X daa famija Pamphili coll’acca, e ‘a famija Pamphili coll’acca e quella Barberini senza ereno acerime nemiche. E quinni ecchetela tiè che Bermini cade in disgrazia: er papa nun ‘o chiama più e preferisce dà lavoro a Boromini, che era rivale de Bernini. Voo immaginate Bernini quanto ce sformava; e ve immaginate puro tutti l’antri artisti de Roma che faceveno ‘a fame perché Bernini qua Bernini là tutto Bernini pareva che si nun era Bernini gnente se poteva scorpì o costruì, tipo quanno ‘n attore diventa famoso e pare che si nun ce sta lui nun se pò fà un firm, insomma tutti l’antri finarmente fanno “Ooooooh!” e tireno un sospiro de sollievo e se fregheno ‘e mano che finarmente, scomparso Bernini daa scena, vedi te che nun ponno pure loro beccà quarcosa. E come sempre accade, pure quanno ad esempio un gran personaggio finisce male, tutti a dì “eeeh l’avevo sempre detto io, che nun me convinceva”, puro quelli che fino ar giorno prima staveno lì a leccaje er culo.

Insomma tutti a parlà male de Bernini, che nun era bono, che er papa l’aveva smammato perché aa basilica de San Pietro aveva combinato chissà quali casini, e così via.

Bernini cioo sapeva che questi parlaveno solo p’invidia: e quinni cominciò a scorpì sta Verità svelata dar Tempo, che ve dovete immagginà er Tempo come un vecchio coll’ali che da dietro arza quer velo e appunto svela ‘a nuda verità, ossia che Bernini è un genio: che sarebbe a dì che cor tempo ‘a verità viè sempre a galla, e ’e menzogne de chi parlava male se riveleranno pe quello che sò.

Ma sta statua Bernini manco fece in tempo a finilla che er papa nemico ridiventò amico quanno Bernini je scorpì ‘a Fontana dii Quattro Fiumi che sta a Piazza Navona; che però è n’antra storia e magari taa recconto n’antra vorta.

Federico Barocci (Federico Fiori, Urbino 1528/35 – 1612)

Annunciazione

1582-84, Pinacoteca Vaticana

olio su tavola trasportato su tela, cm. 248 x 170

-

Mo te cerca de immagginate ‘a scena. ‘A vergine Maria sta a casa sua, e tutt’a ‘n tratto je piomba n’angelo ‘n soggiorno così de punto in bianco senza manco bussà. A una già je sarebbe pijato er coccolone ma diciamo pure che lei nun se scompone. St’angelo je fa: “Marì ciò na bella notizia. Tra un nove mesi giorno più giorno meno farai un regazzino”. Carcola che Maria ancora manco era sposata. E anfatti joo dice all’angelo, je fa “Oddio me pare un po’ improbbabbile dato che ancora co er fidanzato mio Giuseppe nun… cioè sì quarche bacetto ma gnente de più che io sò na regazza onesta”. “Nun te preoccupà” je fa l’angelo, “ce penserà ‘o Spirito Santo. Tu nun devi pensà a gnente, manco ar nome, che già amo deciso noi, e se chiamerà Gesù”. E poi giù a spiegaje come e quarmente sto bambino crescerà e sarà er Fijo de Dio eccetera eccetera.

Mo io me immagino na qualunque regazza che je dicheno na robba così per lo meno je pija no scompenso e sbianca, pe nun dì magari sviene e deveno da chiamà l’ambulanza. Ma tu vedi ner quadro che Maria tranquilla, come gnente fosse, soride e nun fa na piega e fa un gesto come a dì “Ecchime qua, io sò pronta”.

E tutta ‘a scena è carma e tranquilla e dorcissima, l’angelo bello appunto come n’angelo, Maria bella pure lei, na bella casetta, tutto se svorge seconno i piani e nun ce sò rimostranze o dubbi o domanne o ricorsi ar Tar.

Perché er pittore te vò fa vedè che Maria è nun solo na donna eccezionale ma n’esempio de umirtà e disponibilità, che er piano che ‘a Provvidenza ha pensato pe lei l'accetta senza batte cijio. E tutti li cristiani, se sottintende, dovrebbero da fà così. Solo che qui nun se fa cenno a tutte ‘e sofferenze che sta donna dovrà sopportà compreso vedè su fijo in croce, né ar fatto che si segui ‘a volontà de Dio naa vita è probabbile assai che nun saranno tutti rose e fiori. Ma qui no, è tutto fatto de zucchero, soffice come un cuscino, quasi che Barocci te desse un par de occhiali rosa pe guardà er monno.

E devi pensà che era l’epoca daa Controriforma, caa Chiesa cattolica ce teneva un botto a ribadì li concetti sua e fà vede che era mejo dii Protestanti, e pe fallo usava metodi dorci e metodi meno dorci, er bastone e ‘a carota. Barocci è 'a carota. E’ come si te dicesse “Viè co noi, semo l’unici giusti, nun te preoccupà. A te ce pensamo noi, tu fai quello che te dimo e vedrai che sarai ricompensato. Si no drento sta vita, naa prossima, che t’amo riservato un posto in prima fila in Paradiso”.