aniello's

Day 44 - Kishon had work so I ran errands with her mom. We drove by a bunch of the places I used to go to when I lived here, which was really weird to see ha. Then we picked up Dache and went to lunch at Aniello’s. So good! Afterwards, we walked down Market Street and saw all the cute shops. Later, Kishon got off work and we went to a haunted house with her friends.

instagram

Замутил новый мэшап🎵 всем приятного🎧 и конечно же спасибо за внимание✌️😉 #aniello #jackal #pando #powermove #nickysmiles #mashup #colorsound #cls072 #dj #jackinhouse #electrohouse #futurehouse #house #trap #music (в Капитанская)

‘Broad City’ Star Paul W. Downs Boards Female-Driven Sony Comedy

Broad City” actor Paul W. Downs will star in an untitled female-driven comedy for Sony.

Lucia Aniello is directing from an R-rated script that she co-wrote with Downs. The duo will also produce the project with Matt Tolmach and Dave Becky. The logline is under wraps, beyond the fact that the film combines elements of “Weekend at Bernie’s” and “The Hangover.”

Aniello and Downs are also executive producers on “Broad City.” She directed the pilot and several episodes on the series, which has been renewed by Comedy Central for a third season.

Aniello and Downs began developing the female spinoff of Sony’s “21 Jump Street” in April.

Sony picked up rights to the spec script in an auction. Aniello and Downs are repped by UTA, 3 Arts and Ziffren’s PJ Shapiro.

The news was first reported by Deadline.

Related storiesStars of ‘Portlandia’ and 'Broad City’ on Getting Injured for Laughs (VIDEO)Female '21 Jump Street’ Spinoff in the WorksQ&A: 'Broad City’s’ Abbi and Ilana on the Season Finale, Sex and 'The Daily Show’

Get more from Variety and Variety411: Follow us on Twitter, Facebook, Newsletter

Sony Wins R-Rated Spec Comedy Auction With ‘Broad City’ & ’21 Jump Street’ Spinoff Scribes Aniello & Downs

EXCLUSIVE: Sony won a heated bidding battle late Friday and closed a deal for an untitled R-rated comedy spec script by Lucia Aniello & Paul W Downs. She is attached to direct a female-driven comedy described as The Hangover meets Weekend At Bernie’s, and he is set to co-star. They will produce through their Paulilu banner with Matt Tolmach and Dave Becky.

Aniello directed the pilot and multiple episodes of the Comedy Central series Broad City, in which Downs plays the role of Trey, and they are co-exec producers on the show. Sony is already in business with the duo, as they are working on a spinoff franchise of 21 Jump Street. Sony went hard after this one. The spec, titled Move That Body, is on a fast track and a good potential addition to Tom Rothman’s slate. The studio is on the hunt for franchises, and the hope is that this could grow into one.

I’ve heard that Fox, Universal, Paramount and MRC were all in on an auction brokered by UTA, 3 Arts and Ziffren’s PJ Shapiro, all of whom rep Aniello & Downs.

Related stories‘Independence Day’ Sequel Gets A TitleCAA’s David “Doc” O'Connor Taking Over At MSGLisa Kudrow & Michael Patrick King Discuss 'The Comeback’s 9-Year Break & Season 3: The Show Has “Its Own Timeframe”

Get more from Deadline.com: Follow us on Twitter, Facebook, Newsletter

youtube

I found a thing

Nova notícia publicada em Jornal Manchete Digital Brasília - Notícias em Brasília

New Post has been published on http://noticiasembrasilia.com.br/noticias-distrito-federal-cidade-brasilia/2015/06/28/catolicos-celebram-o-dia-do-papa-em-brasilia/

Católicos celebram o dia do Papa em Brasília

image

O governador participou da missa em ação de graças na Catedral ao lado da mãe e da esposa

O governador Rodrigo Rollemberg, a mãe, Teresa, e a esposa, Márcia, participaram, na manhã deste domingo (29), da missa em Ação de Graças pelo Santo Padre, o Papa Francisco, na Catedral Metropolitana de Brasília. A celebração comemorou o dia do Papa e foi presidida por dom Giovanni D’Aniello, núncio apostólico, e concelebrada por dom Sergio da Rocha, arcebispo de Brasília.

“É uma alegria muito grande, como católico, celebrar este dia em homenagem ao Papa Francisco. Um papa que tem renovado a igreja, trazendo temas fundamentais para o futuro da humanidade, como o meio ambiente”, disse o governador.

A celebração ocorreu hoje, mas o dia do Papa é amanhã, 29 de junho, porque é a data em que a igreja católica celebra a festa de São Pedro, o escolhido por Jesus para ser o chefe dos apóstolos. Durante a missa desta manhã, foi oferecido o Óbolo de São Pedro — ajuda que os fiéis oferecem ao Santo Padre às carências da igreja católica e às obras de caridade em todo o mundo.

O controlador-geral do Distrito Federal, Djacyr Cavalcanti de Arruda Filho, além de autoridades do governo federal e representantes do Judiciário, também participou da celebração.

Via:: df.gov.br

Aniello Di Meglio: "Paolino attento sarò l'elemento di rottura"

Aniello Di Meglio: “Paolino attento sarò l’elemento di rottura”

Dalla sua voce traspare tutta la sana emozione che è ancora ben presente in lui dopo una giornata intensa fatta di conferme e ufficialità. Aniello Di Meglio è davvero felice e soddisfatto di essere stato nominato consigliere comunale a Barano, nella sua Barano. Una felicità che abbiamo visto dipinta sul suo volto nelle foto scattate appena dopo l’ufficializzazione del suo ingresso in Consiglio,…

View On WordPress

Capodrise, domani l'inaugurazione di un nuovo presidio dell'Associazione Ultimi

Continua l’impegno dell’Associazione Ultimi per la legalità e contro le mafie, fondata da don Aniello Manganiello e presieduta dal giornalista Andrea Manzi. Dopo l’apertura, nei mesi scorsi, del presidio di Casapesenna / S. Cipriano di Aversa, domani – venerdì 26 giugno alle ore 20 – sarà inaugurato il presidio di Capodrise, in via Francesco Rao, per poter liberare un territorio devastato negli ultimi decenni da una criminalità spietata e insidiosissima.
Le attività in programma riguarderanno l’assistenza ai ceti più deboli, la formazione dei giovani e la denuncia diffusa e irriducibile della illegalità. Sono previsti, inoltre, centri di orientamento per i ragazzi in età post scolare per l’avviamento al lavoro.
Dopo i saluti del fondatore del presidio Giuseppe Iannello e del responsabile Angelo Scianna, la serata sarà chiusa dagli interventi di don Aniello Manganiello e di Andrea Manzi, che illustreranno i programmi futuri dell’Associazione Ultimi che vanta già decine di presidi in tutta Italia.

5

GoDEEP #COMETE

GoDEEP incontra Paolo Aniello, MARE culturale urbano, Milano

MARE è un progetto culturale fondato sulla convinzione che l’arte e la cultura siano attivatori di consapevolezza, benessere e crescita per ogni individuo, leve di sviluppo sociale ed economico e che per questo non possano essere relegate a una funzione accessoria o di solo intrattenimento. I tre princìpi su cui MARE si fonda sono: rigenerazione urbana, da realizzare insieme ai soggetti che già operano sui territori attraverso interventi che spaziano dall’efficientamento del sistema infrastrutturale, al recupero di spazi abbandonati e in disuso, all’ampliamento di un’offerta di servizi e opportunità nuove rivolte e pensate per la comunità. Innovazione culturale: mettere la cultura al centro di un disegno il cui valore sia il risultato di scambi, confronti e incontri tra persone e visioni diverse, tra linguaggi e pratiche artistiche, anche attraverso una forte integrazione con il territorio. Inclusione sociale attraverso un intervento di rigenerazione urbana e offerta culturale: MARE è un luogo che fa della condivisione e circolazione dei saperi la sua forza, dell’attivazione di una filiera produttiva nell’arte performativa e visuale il suo motore, della profonda relazione con le urgenze e le emergenze sociali del territorio il suo acceleratore.

ENZO GRAGNANIELLO LaFeltrinelli Roma - martedi 24 giugno 2015

ENZO GRAGNANIELLO LaFeltrinelli Roma – martedi 24 giugno 2015

@egragnaniello In occasione della recente uscita del suo nuovo album “Misteriosamente”, Enzo Gragnaniello incontrerà il pubblico a LaFeltrinelli di Roma mercoledì 24 giugno, ed eseguirà dal vivo alcuni brani accompagnato dalla sua band: Piero Gallo alla mandolina, Aniello Misto al basso e Marco Caligiuri alla batteria. (more…)

View On WordPress

GoDEEP #COMETE

COMETE
Incontri pubblici su arte, istituzioni, immaginazione del possibile
 

COMETE #1
Lunedì 22 giugno, ore 21
Paolo Aniello, MARE culturale urbano, Milano

MARE è un progetto culturale fondato sulla convinzione che l’arte e la cultura siano attivatori di consapevolezza, benessere e crescita per ogni individuo, leve di sviluppo sociale ed economico e che per questo non possano essere relegate a una funzione accessoria o di solo intrattenimento. I tre princìpi su cui MARE si fonda sono: rigenerazione urbana, da realizzare insieme ai soggetti che già operano sui territori attraverso interventi che spaziano dall’efficientamento del sistema infrastrutturale, al recupero di spazi abbandonati e in disuso, all’ampliamento di un’offerta di servizi e opportunità nuove rivolte e pensate per la comunità. Innovazione culturale: mettere la cultura al centro di un disegno il cui valore sia il risultato di scambi, confronti e incontri tra persone e visioni diverse, tra linguaggi e pratiche artistiche, anche attraverso una forte integrazione con il territorio. Inclusione sociale attraverso un intervento di rigenerazione urbana e offerta culturale: MARE è un luogo che fa della condivisione e circolazione dei saperi la sua forza, dell’attivazione di una filiera produttiva nell’arte performativa e visuale il suo motore, della profonda relazione con le urgenze e le emergenze sociali del territorio il suo acceleratore.


COMETE #2
Martedì 23 giugno, ore 21
Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi/ Ateliersi, Bologna
Giorgina Pilozzi / Angelo Mai Altrove Occupato, Roma

Un dialogo tra due dei più importanti centri di produzione artistica e culturale indipendente in Italia, le loro idee, le loro trasformazioni.

Ateliersi è un collettivo di produzione artistica che opera nell’ambito della arti performative e teatrali. Si occupa di produzione artistica (spettacoli, performance, scritture, progetti editoriali, formazione) e della cura della programmazione culturale dell’Atelier Sì. L’Atelier Sì – in Via S. Vitale 69, a Bologna – è la sede del gruppo, atelier di sperimentazione e produzione, e anche spazio pubblico che ospita artisti e presenta opere offrendo un confronto di pensieri e esperienze estetiche. La creazione di Ateliersi si compone di opere teatrali e interventi artistici in cui il gesto performativo entra in dialogo organico con l’antropologia, la letteratura, la produzione musicale e le arti visive per favorire una comunicazione del pensiero capace di intercettare inquietudini e prospettive che coagulano senso intorno ai sovvertimenti che si manifestano nel mondo.

L’Angelo Mai è uno spazio indipendente per le arti, un luogo per la produzione artistica e per lo scambio di idee, un punto d’incontro per la creatività e per gli sguardi sul mondo.
La storia dell’Angelo Mai inizia alla fine del 2004 con l’occupazione di un ex convitto abbandonato nel centro di Roma, dove venticinque famiglie in emergenza abitativa e un folto gruppo di artisti lottano per il diritto alla casa e per il diritto agli spazi indipendenti per le arti e la cultura. Nasce così un laboratorio culturale che coinvolge e appassiona una larga parte della cittadinanza, diventando in breve tempo un riferimento importante nella città per artisti e non solo.
Uno spazio sperimentale per l'arte contemporanea, un crocevia di teatro, cinema, musica e idee disparate. Immediatamente l'Angelo Mai viene messo sotto sgombero e contemporaneamente parte una campagna di resistenza sostenuta da artisti differenti provenienti da tutta Italia e da migliaia di persone che l'Angelo Mai l’hanno vissuto e attraversato. L'Angelo Mai occupato viene sgomberato nel 2006 e rimane senza sede per tre anni, continuando comunque a programmare e produrre teatro, cinema e musica in maniera nomade nella città.
A fine ottobre 2009, l'Angelo Mai riapre altrove e riprende le sue attività in viale delle Terme di Caracalla 55a. È altrove come tutti i terzi paesaggi, quelle straordinarie zone residuali che riescono a sfuggire all’ineluttabile avanzata del cemento culturale in cui le comunità, o i singoli individui, si trovano a scantonare di continuo. 
È nomade nell’anima, come ogni essere umano in fondo è.


COMETE #3
Mercoledì 24 giugno, ore 21
Emiliano Campagnola, Ecovillaggio La Giostra e progetto SBAM_Costruire in Bambù

La Giostra è ecovillaggio per artisti e per chi vuole provare a vivere un’eutopia. Vuole tutelare e rivalutare il territorio ambientale e culturale della località La Giostra, a sud di Roma tra la Via Appia Antica e la Via Ardeatina. Organizza laboratori su teatro, permacultura, coworking, cohousing e architettura naturale, in residenze periodiche e autosostenibili.  Un “agri-teatro” in grado di fornire ospitalità in alloggi temporanei e una sala prove totalmente autosufficiente dal punto di vista energetico e alimentare. Il progetto SBAM_Costruire in Bambù è un workshop sperimentale sull’autocostruzione, a partire dal bambù riciclato dalla scultura Big Bambù del Museo MACRO di Roma.


COMETE #4

WHERE LIGHT AND DARKNESS CLASH
apertura al pubblico di GoDEEP, a cura di Motus e Andreco
Giovedì 25 giugno ore 19-23

con Simona Baro, Emiliano Battistini, Lucia Benegiamo, Carlotta Borasco, Dama, Iolanda Di Bonaventura, Viola Domeniconi, Julia Filippo, Francesca Fioraso, Diego Giannettoni, Francesca Giuliani, Kage, Biagio Laponte, Ileana Longo Goffo, Mattia Guerra, Valentina Marini, Francesca Macrelli, Federico Magli, Beatrice Monti, Filippo Moretti, Lucia Mussoni, Sara Oliva, Gianluca Panareo, Ondina Quadri, Caterina Paolinelli, Elena Ramilli, Sofia Rossi, Maria Giulia Terenzi, Michela Tiddia, Valentina Zangheri, Martina Zena.

GoDEEP apre gli spazi dell’ex-cinema Astoria con una germinazione di eventi artistici e di ricerca, fuori da ogni dinamica di spettacolarizzazione e consumo, per condividere l’incertezza e l’oscurità di un luogo che è oggi pura potenzialità, nube carica di pioggia secondo una delle tante definizioni delle Erinni…

Questo momento di riflessione comune nasce dalla necessità di concepire nuove istituzioni che non soffochino la ribellione, la disobbedienza, i gesti di immaginazione tesi a cambiarle. In questa prospettiva si colloca anche la scrittura e la condivisione del Black Manifesto, una dichiarazione di intenti che guarda alla futura gestione ibrida dell’Astoria. È un’attività di ricerca teorica centrata sulla ridefinizione e riutilizzo degli spazi pubblici come palcoscenici invisibili della contemporaneità, che si articola in una scrittura dal basso, visionaria, dalle punte utopiche, concepita per dare ascolto e partecipazione a chi solitamente fruisce dei luoghi senza mai viverli come propri, come “beni comuni”.