and fragile oro

Si divertiva a cambiare, la bambina!
Prima i vestiti, poi le scarpe, poi i capelli.
Occhi marroni, capelli color oro, carattere fragile, ma così fragile che riuscivi quasi a trasportarla dove volevi tu.
Quando dico che è facile da trasportare, non intendo nei luoghi, ma dico proprio nelle persone.
Agli occhi di tutti poteva sembrare una ragazza sicura delle proprie scelte, e invece con uno schiocco di dita lei rimuoveva tutto e tornava da chi prima l’aveva abbandonata.
Io ad esempio la conoscevo da appena tre anni, direte: Beh…tantini.
No invece, non erano abbastanza per conoscerla, e infatti io di lei non ci avevo capito un cazzo.
Perché gente, voi dovete capire una cosa:
Le persone che noi tanto riteniamo care, quelle che arrivano dal nulla e sembrano stravolgerci il mondo, quelle che ci scombussolano i sentimenti che forse fino a poco prima non credevamo più esistessero, sono quelle di cui forse dovremmo preoccuparci un po’ di più.
Perché alla fine voi vi siete mai domandati cos’avevano di tanto in più di quelle persone che prima ci avevano fatto soffrire? Vi siete mai chiesti perché tutto ad un tratto noi torniamo a credere a cose che avevamo giurato di non ricascarci più?
Io non sono o non voglio essere pessimista, però cazzo, ma tu come ti permetti ad entrare nella mia vita, insistere a farmi aprire, insistere a volerci esserci sempre per me, a prenderti i miei problemi e farli tuoi, ad asciugare le mie lacrime, a portarmi in giro, a confidarti se poi, l’unica cosa che sai fare, è andartene a fanculo da chi ritenevi falsa ed arrogante, puttana e stronza.
E ora? Sei falsa e arrogante anche tu giusto?
Le persone vi fanno credere che per voi ci saranno sempre, e noi poveri illusi ci crediamo fino al giorno in cui queste spariscono.
Che schifo l’amicizia quando trovi persone che la rendono tale.
Poi mi chiedono perché dico sempre che sto meglio sola.
Anche tu, ti sei aggiunta alla lista… quella NERA.
—  Iltuonomenelcuore.