amabil

Ne sono certa, ci incontreremo di nuovo e ricorderemo quello che è stato, chi eravamo, cosa volevamo e cosa ci facevamo bastare. Forse piangeremo, noi che non abbiamo pianto mai, perché a volte si piange di più a ritrovarsi che a perdersi. Si piange più di sollievo che di paura.
—  Amabile Giusti, C'è qualcosa nei tuoi occhi.
Estoy bien, soy una flor, una flor con moretones, pero una flor. Una rosa pálida y hermosa.
—  Amabile Giusti, Treintañera (y a mucha honra).

Io, penso che si veda, sono la persona meno sociale che ci sia. Non so tenere i rapporti, non so telefonare, invitare, ricambiare gli inviti, curare le amicizie. Mi scoccio subito. Mi accendo di curiosità e innamoramenti improvvisi, e allora divento amabile, ma dura poco. Mi annoio in fretta, e torno a chiudermi nei miei pensieri.
—  Daria Bignardi
Me gustaría protegerlo. No sé bien qué significa eso, pero creo que el sentimiento que tengo se ha enriquecido con otra faceta: ya no sólo es pasión, no es sólo complicidad, me siento inundada por una ternura para la que no estaba preparada. ¡El amor es realmente un buen lío! Crees que está completo y en cambio no termina nunca, es un maldito pozo sin fondo.
—  Amabile Giusti, Treintañera (y a mucha honra).  

vedo in spirito la mia donna: 
profondo e freddo come il tuo, il suo sguardo, bestia amabile, 
penetra tagliente come fosse una freccia…

Avem timp  - Octavian Paler

Avem timp pentru toate.
Sa dormim, sa alergam in dreapta si-n stanga,
sa regretam c-am gresit si sa gresim din nou,
sa-i judecam pe altii si sa ne absolvim pe noi insine,
avem timp sa citim si sa scriem,
sa corectam ce-am scris, sa regretam ce-am scris,
avem timp sa facem proiecte si sa nu le respectam,
avem timp sa ne facem iluzii si sa rascolim prin cenusa lor mai tarziu.
Avem timp pentru ambitii si boli,
sa invinovatim destinul si amanuntele,
avem timp sa privim norii, reclamele sau un accident oarecare,
avem timp sa ne-alungam intrebarile, sa amanam raspunsurile,
avem timp sa sfaramam un vis si sa-l reinventam,
avem timp sa ne facem prieteni, sa-i pierdem,
avem timp sa primim lectii si sa le uitam dupa-aceea,
avem timp sa primim daruri si sa nu le-ntelegem.
Avem timp pentru toate.
Nu e timp doar pentru putina tandrete.
Cand sa facem si asta - murim.
Am invatat unele lucruri in viata pe care vi le impartasesc si voua !!
Am invatat ca nu poti face pe cineva sa te iubeasca
Tot ce poti face este sa fii o persoana iubita.
Restul … depinde de ceilalti.
Am invatat ca oricat mi-ar pasa mie
Altora s-ar putea sa nu le pase.

Am invatat ca dureaza ani sa castigi incredere
Si ca doar in cateva secunde poti sa o pierzi

Am invatat ca nu conteaza CE ai in viata
Ci PE CINE ai.

Am invatat ca te descurci si ti-e de folos farmecul cca 15 minute
Dupa aceea, insa, ar fi bine sa stii ceva.
Am invatat ca nu trebuie sa te compari cu ceea ce pot altii mai bine sa faca
Ci cu ceea ce poti tu sa faci
Am invatat ca nu conteaza ce li se intampla oamenilor
Ci conteaza ceea ce pot eu sa fac pentru a rezolva
Am invatat ca oricum ai taia
Orice lucru are doua feţe
Am invatat ca trebuie sa te desparti de cei dragi cu cuvinte calde
S-ar putea sa fie ultima oara cand ii vezi

Am invatat ca poti continua inca mult timp
Dupa ce ai spus ca nu mai poti
Am invatat ca eroi sunt cei care fac ce trebuie, cand trebuie
Indiferent de consecinte
Am invatat ca sunt oameni care te iubesc
Dar nu stiu s-o arate
Am invatat ca atunci cand sunt suparat am DREPTUL sa fiu suparat
Dar nu am dreptul sa fiu si rau

Am invatat ca prietenia adevarata continua sa existe chiar si la distanta
Iar asta este valabil si pentru iubirea adevarata
Am invatat ca, daca cineva nu te iubeste cum ai vrea tu
Nu inseamna ca nu te iubeste din tot sufletul.
Am invatat ca indiferent cat de bun iti este un prieten
Oricum te va rani din cand in cand

Iar tu trebuie sa-l ierti pentru asta.
Am invatat ca nu este intotdeauna de ajuns sa fii iertat de altii
Cateodata trebuie sa inveti sa te ierti pe tine insuti

Am invatat ca indiferent cat de mult suferi,
Lumea nu se va opri in loc pentru durerea ta.
Am invatat ca trecutul si circumstantele ti-ar putea influenta
personalitatea
Dar ca TU esti responsabil pentru ceea ce devii
Am invatat ca, daca doi oameni se cearta, nu inseamna ca nu se iubesc
Si nici faptul ca nu se cearta nu dovedeste ca se iubesc.
Am invatat ca uneori trebuie sa pui persoana pe primul loc
Si nu faptele sale
Am invatat ca doi oameni pot privi acelasi lucru
Si pot vedea ceva total diferit
Am invatat ca indiferent de consecinte
Cei care sunt cinstiti cu ei insisi ajung mai departe in viata
Am invatat ca viata iti poate fi schimbata in cateva ore
De catre oameni care nici nu te cunosc.

Am invatat ca si atunci cand crezi ca nu mai ai nimic de dat
Cand te striga un prieten vei gasi puterea de a-l ajuta.
Am invatat ca scrisul
Ca si vorbitul
Poate linisti durerile sufletesti

Am invatat ca oamenii la care tii cel mai mult
Iti sunt luati prea repede …

Am invatat ca este prea greu sa-ti dai seama
Unde sa tragi linie intre a fi amabil, a nu rani oamenii si a-ti sustine parerile.
Am invatat sa iubesc
Ca sa pot sa fiu iubit.

Non era fatta per i piccoli turbamenti,
i rancori meschini, le invidie dissimulate,
le opere di carità, gli affetti logorati,
la cortesia amabile o le considerazioni banali.
Era uno di quegli esseri
nati per la grandezza di un solo amore,
per l’odio esagerato, per la vendetta apocalittica
e per l’eroismo più sublime

Isabel Allende

Hay un tiempo para cada cosa. El dolor me ha servido, pero ahora quiero ser feliz. Voy a dibujar algo nuevo, tal vez un campo de girasoles, orgullosos de ser girasoles.
—  Amabile Giusti, Treintañera (y a mucha honra).

Non riusciva a pensare a una vita senza di lui, senza quelle emozioni abissali. Era come stare sul ciglio di un pozzo, dentro il quale poteva esserci di tutto, fiori e fiamme, erba e spine, cuscini di seta e un tappeto di lame, era come avere paura e allo stesso tempo volersi tuffare in quel buio, per capire, per scoprire
—  Odyssea. Oltre le catene dell'orgoglio
10

Bianca e la pelle di Siracusa, pelle di una dea nata dalla luce, verdi i suoi occhi come il mare che la circonda e su cui, molle e sensuale, lei si adagia. D’oro la riveste il sole nel morire, un omaggio infinito dal suo amante instancabile, alle sue forme perfette ed al suo amabile carattere. Le nuvole non si fermano mai su di lei per paura di nascondere la sua antica perfetta bellezza. Le ombre l’avvolgono lentamente la sera, cullandola con il vento caldo del mare. Tra queste antiche pietre, l’amore s’adagia e sogna cullato dalla luna che qui viene felice perché Siracusa riflette la sua magica luce più del mare e delle nuvole. Splende cosi di notte fin da quando l’uomo ha concepito il tempo che qui si è fermato per non offenderla e rubarle il suo prezioso immortale sorriso.

White is the Syracuse skin, the skin of a goddess born from light. Green are her eyes like the sea that surrounds it and on which, soft and sensual, she reclines. Gold covers it in the sun when it die, an infinite homage from his tireless lover, a present to her perfectly formed and her amiable character. The clouds never stop on her for fear of hiding its ancient perfect beauty. Slowly the shadows envelop her in the evening, rocking her with the warm wind of the sea. Among these ancient stones, the love lags behind and it dreams lulled by the moon happy because Syracuse reflects its magical light more than the sea or the clouds. So she shines at night ever since man has invented the Time, and the time  here has stopped for not offend her and steal her immortal precious smile.

Settembre se ne va camminando tra le vigne; le mani dietro la schiena, un rimario stanco nel petto.

Sei così vago, cuore, così amaro e indefinito, straziato dall'estate, ingannato da una rondine.

Sempre tragico e fatale, patetico e immortale, innamorato di un addio.

Settembre sono io, mia scura, romantica e amabile rondinella.

—  Luigi Mancini
Mi rifiuto di sottomettermi alla paura
che mi toglie la gioia della libertà,
che non mi lascia rischiare niente,
che mi fa diventare piccolo e meschino,
che mi afferra,
che non mi lascia essere diretto e franco,
che mi perseguita e occupa negativamente la mia immaginazione,
che sempre dipinge cupe visioni.
Non voglio alzare barriere per paura della paura.
Io voglio vivere e non voglio rinchiudermi.
Non voglio essere amichevole per paura di essere sincero.
Voglio che i miei passi siano fermi perché sono sicuro
e non per coprire la paura.
E quando sto zitto,
voglio farlo per amore
e non per timore
delle conseguenze delle mie parole.
Non voglio credere a qualcosa
solo per paura di non credere.
Non voglio filosofare per paura
che qualcosa possa colpirmi da vicino.
Non voglio piegarmi
solo per paura di non essere amabile,
non voglio imporre qualcosa agli altri
per paura che gli altri possano imporre qualcosa a me;
per paura di sbagliare non voglio diventare inattivo.
Non voglio fuggire indietro verso il “vecchio”
per paura di non sentirmi sicuro nel “nuovo”.
Non voglio farmi importante
perché ho paura di essere altrimenti ignorato.
Per convinzione e amore
voglio fare ciò che faccio
e smettere di fare ciò che smetto di fare.
Dalla paura voglio strappare
il dominio e darlo all’Amore.
E voglio credere nel Regno
che esiste in me.
—  Rudolf Steiner