albero della

L’ Albero della Forza.
Lo stesso Albero che compare in The Clone Wars.

Le cui piantine sono protagoniste della missione di Luke in L’impero a pezzi.

Delle due piante che Luke recupera, una viene piantanta su Yavin-4.
E la seconda pianta dov’è finita? Quella su Ach-to è la Madre di tutte?

Non trattenerti mai

quando vorrai cercarmi.

Se vedi mura di acqua,

ampi fossati d’aria,

siepi di pietra o tempo,

guardie di voci, passa.


Ti aspetto con un essere

che non aspetta gli altri:

solo per te c’è spazio

là dove io ti aspetto.


Nessuno può incontrarsi

lì con me eccetto il corpo

che ti conduce, come

un miracolo, in bilico.

Intatto, inalienabile,

un grande spazio bianco,

azzurro, in me non vuole

nient’altro che i tuoi voli,

i passi dei tuoi piedi;

non si vedranno mai

in esso altre orme.


E se a volte mi guardi

come a un prigioniero,

tra cose astruse,

o dietro delle porte,

pensa alle alte torri,

alle tremule cime

dell’albero, ben saldo.

Le anime delle pietre

che sotto sono all’opera

è sulla punta estrema

della torre che aspettano.


E loro, uccelli, nuvole,

non si sbagliano: lasciano

che passino al di sotto

gli uomini ed i giorni,

e vanno in alto,

sulla cima dell’albero,

l’apice della torre,

sicuri che lassù,

sulle frontiere estreme

del loro essere terreni,

è dove si consuma

ogni amore gioioso,

solitari ritrovi

della carne e le ali.


Pedro Salinas

Io voglio invece leggerezza,
libertà, comprensione
– non trattenere nessuno,
e che nessuno mi trattenga.
Tutta la mia vita
è una storia d’amore con la mia anima,
con la città in cui vivo,
con l’ albero al bordo della strada,
con l’aria.
E sono infinitamente felice.
—  Marina Cvetaeva
10

Alicudi - Giugno

Mentre ti aspetto sono un albero prima della primavera, sono il cielo plumbeo e carico di elettricità prima di un temporale, sono il mare inquieto quando si avvicina una burrasca. Penso alle cose piccole e inutili, le lampade, il cuscino, il vino nel frigo, il mio pensiero segue ovunque va la tua prossima presenza che scivola sulla casa come l’ombra delle nuvole sugli scogli. Guardo il mare infinito e vedo i tuoi occhi, penso al prossimo tramonto e vedo la tua pelle. Mi sorridi nel patio, mi chiami dalle stanze in cui il vento ti cerca seguendo i miei pensieri. L’amore non dovrebbe mai diventare un bisogno, un ricordo, un desiderio invincibile e inappagabile. Dovresti essere qui a riempire con la tua voce e il tuo profumo queste stanze vuote, dovresti essere qui ad accendere con il tuo sorriso questa prigione dei miei desideri, lasciando ovunque tracce del tuo passaggio, il tuo cappello, i tuoi sandali, la tua borsa dispersi a caso dalla porta fino alle mie braccia, come a prendere possesso del mio mondo, della mia anima che qui, in questo tramonto inutile senza di te, ti attende impaziente, insaziabile, inquieta. Desideri carnali tessono tra le varie stanze invisibili ragnatele per catturarti ma non so se tu sarai il ragno o la mosca.
Ti ho fatto regina e padrona dei miei pensieri ed ora la tua assenza trasforma questa attesa in un deserto infinito. Ho bisogno della tua anima come se fosse aria, acqua e luce e senza di te tutto quello che vedo è un deserto silenzioso e vuoto in cui mi muovo attendendo di vivere. Anche il mare ti aspetta perché senza di te le sue onde non sanno sorridere.

While I’m waiting you, I am a tree before spring, I’m the gray sky full of electricity before a thunderstorm, I’m the restless sea when the storm approaches. I take care of small and useless things, the lamps, the pillow, the wine in the fridge, but my thinking follows wherever your next presence slips into the house like the shadow of the clouds on the rocks. I look at the infinite sea and see your eyes, I think about the next sunset and see your skin. You smile me in the patio, call me from the rooms where the wind looks for you following my thoughts. Love should never become a need, a memory, an invincible and unapproachable desire. You should be here to fill up with your voice and smell these empty rooms, you should be here to light your smile with this prison of my desires, leaving traces of your passage, your hat, your sandals, your bag randomly dispersed from the door to my arms, as if to take possession of my world, my soul that here, in this useless sunset without you, waiting you impatiently, insatiable and restless. Carnal desires weave between the various invisible cobwebs to capture you but I do not know if you will be the spider or the fly.
I have made you my queen and master of my thoughts, and now your absence transforms this expectation into an infinite desert. I need your soul as if it is air, water and light, and without you all I see is a silent and empty desert where I move forward waiting to live. Even the sea awaits you, because without you its waves do not know how to smile.

anonymous asked:

Il mio stato è "Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie" Amo questa poesia perché quasi nessuno la capisce e comprendono l'Agonia dietro a queste parole. In pochi capiscono che io sono un po' come quelle foglie: staccato dall'albero della vita cado trasportato dal vento del dolore fino a quando silenziosamente mi accascerò a terra per poi non rialzarmi più. Dicono tenga tutto dentro, ma in fondo quale posto più adatto per svelare il proprio destino se non sotto gli occhi di tutti? 🍂

hai scritto proprio delle bellissime parole, lo sai?

4

SCREEN PRINTING PART 5

-patch mark of the beast- BUY:                                         https://www.etsy.com/listing/203975013/toppa-marchio-della-bestia-thelema?langid_override=0 

-patch Babalon seal- BUY: https://www.etsy.com/listing/203977793/toppa-sigillo-di-babalon-thelema-crowley?langid_override=0

-patch lilith-BUY:  https://www.etsy.com/listing/203980495/toppa-lilith-madre-oscura-thelema?langid_override=0

-patch anunnaki tree of life-  BUY: https://www.etsy.com/listing/203981411/toppa-anunnaki-albero-della-vita-magick?langid_override=0

—Θhpion Esoteric Tattoo—

Nei tuoi pensieri tutto il giorno, tu nei miei.
Gli uccelli cantano al riparo di un albero.
Sopra la preghiera della pioggia, un blu sterminato,
non il paradiso, che non va da nessuna parte, senza fine.
Perché mai le nostre vite si allontanano
da noi stesse, mentre rimaniamo intrappolate nel tempo,
in fila verso la morte? Sembra che nulla possa mutare
lo schema dei nostri giorni, alterare la rima
data da lutto in assonanza con diletto.
Poi sopraggiunge l’amore come un volo lesto di uccelli
dalla terra al paradiso dopo la pioggia. Un tuo bacio,
rievocato, sfila, come fossero perle, questa catena di parole.
Cieli immensi ci congiungono, unendo qui a lì.
Desiderio e passione nell'aria che pensa.

albero

1 [àl-be-ro] s.m.

L’ albero della vita affonda le radici nella terra della tua vitalità. I rami dell’ albero della vita crescono nell'energia consapevole dell’ anima. I fiori dell’ albero della vita sbocciano nell'energia amorevole del tuo cuore.