aereo

Voglio partire. Voglio prendere il primo aereo o il primo treno. Si insomma voglio partire, andare lontano da tutta questa gente, da ciò che conosco. Ormai tutto sta diventando, giorno dopo giorno, un peso troppo grande da sopportare.
Saliamo in macchina. Mi stringe ancor di piú la mano. 13.40. Avevo il volo alle 17.10. Quel volo mi avrebbe portata lontana da lei. Un'altra volta. Fino all'aeroporto lei era appoggiata sulla mia spalla. Ecco che arriviamo. L'ho stretta a me. Forte. Credo che le ho lasciato qualche costola che si era incastrata con la sua. L'ho vista che si allontanava da me. Pian piano. Mentre camminavo ogni tanto mi giravo. Credevo che ci fosse. Salgo sull'aereo con la certezza che lei è li che mi aspetta. E presto ci riabbracceremo. Questa distanza puó solo unirci di piu’. Vinceremo noi una volta per tutte. Promesso.
—  Daimieiocchifioriesceilmare.