Persing

Un altro giorno

Esiste forse nella vita una sofferenza più grande del dover sopportare se stessi, alzarsi ogni mattina e dire: «È iniziato un altro giorno, bisogna trascorrerlo tutto, devo sopportare anche questa giornata»? Dunque non è soltanto questione di agire, di creare…
E’ anche per questo che sono contrario al lavoro. Non bisogna nemmeno scrivere. L’unica cosa importante è aver sempre davanti agli occhi questi problemi insolubili e vivere come Epitteto o Marco Aurelio. Allora non si è più nelle vicende vissute, ma nella contemplazione. I nostri contemporanei hanno perduto la facoltà di contemplare le cose. Hanno disimparato l’arte di perdere tempo in modo intelligente.
Se dovessi fare un mio bilancio, dovrei dire che sono il risultato delle mie ore perse. Non ho esercitato nessun mestiere e ho sprecato tantissimo tempo. Ma questa perdita di tempo è stata in realtà un guadagno. Soltanto l’uomo che se ne sta in disparte, che non fa come gli altri, conserva la facoltà di capire veramente qualcosa. Non sarà per niente moderno quello che sto dicendo, ma tutta l’Antichità è vissuta con questa idea. Oggi non è più possibile. E’ una posizione che non ha più senso per il mondo d’oggi. Ma questo mondo comunque perirà, non ci sono dubbi in proposito.

Emil Cioran

Stamattina, dopo che è finita la notte degli Oscar, ho bevuto il caffè e mangiato la torta di mele, poi ho preso due brioches e gliele ho portate, abbiamo fatto una passeggiata nel bosco e siamo andati a pranzo sul lago di Iseo.
Nel pomeriggio sono andata dai miei e c'era mia nipote che mi ha fatto sentire suonare il violino - ha 6 anni e ha appena iniziato, ma le piace molto e mi ha fatto vedere come si tiene l'archetto e quali sono le note. Abbiamo fatto merenda io, lei e mia madre e ora sto aspettando che torni mio padre da lavoro per salutarlo e tornare a casa. Stasera ho in programma di andare a dormire presto per recuperare le ore perse.

SUOMI AAKKOS-KYSSÄ PASKA KOSKA HEI MIKS EI
  • Ahdistus: Ahistaako?
  • Big Brother: Katoitko ikinä BB:tä?
  • Cáffee: Kahvi vai tee vai kaakao?
  • Dieetti: Lihansyöjä vai kasvissyöjä?
  • Elastinen: Annatko musan soida kun kyseessä on "Anna Soida"?
  • Fanaatikko: Mihinkäs olet obsessoitunut tällä hetkellä?
  • Glögi: Juotko glögiä?
  • Halloween: Pitäskö halloweenia juhlia Suomessa kunnolla?
  • Iso: Suurin juttu sinun huoneessasi just nyt?
  • Juo: Lempijuomalaulu?
  • Kalle: TUNNETKO KETÄÄN, JONKA NIMI ON KALLE? ONKO SUN NIMI KALLE?
  • Lukutaito: Opitko lukemaan Aku Ankkojen avulla?
  • Meemi: Epäironinen lempimeemi?
  • Niinistö: Oliko Sauli lempihahmosi Itse valtiaat-sarjassa?
  • Oltermanni: Onko Oltermanni-tonttu sexi? ;-)))))
  • Pelle: Mitä mieltä pelle-tilanteesta?
  • Q: Keksi mulle suomalainen sana, joka alkaa q-kirjaimella
  • Rippi: Kävitkö ripin vai protun? Kävitkö mitään yleensäkkään?
  • Suomi: Itketkö, kun Maamme-laulu soi jossain olkoon lähellä tai kaukana?
  • Totaalikieltäytyminen: Pitäiskö miehiä pakottaa inttiin/sivariin?
  • Ufo: Uskotko alieneihin?
  • Vittu: Nauratko alapäähuumorille?
  • Wanha: Oliko kaikki paremmin Ennen Wanhaan™?
  • Xylitol: Lempipurkka?
  • Ystävyys: Luottamus ystäviin on ystävyyttä, Y/N?
  • Zombi: Ootko ikinä osallistunut Zombie Walkkiin?
  • Åland: Käyny ikinä Ahvenanmaalla?
  • Ärsytys: Pet-peeve?
  • Örinä: Pelkäsitkö Muumien Mörköä pienenä?

Forse questa
non é la tua generazione.
Forse questa
non é la tua giornata.
Ma non per questo
devi demoralizzarti,
o abbatterti.

Tutte le stelle brillano,
e continuano a brillare,
nonostante molte si sentano
di appartenere
ad un altro universo.

Anche se si credono
sbagliate,
fuori posto,
perse,
per noi sono bellissime,
e non possiamo fare a meno
di guardarle
in silenzio.

Alessia alpi
(Volevoimparareavolare on Tumblr)

—  Scritta da me.
Ditele le cose.
Sputate le emozioni, fregandovene delle conseguenze. O farete collezione di persone perse.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
Questa separazione ci fa tanto male perché le nostre anime sono legate l'una all'altra. Forse lo sono sempre state e lo saranno sempre. Forse abbiamo vissuto mille vite prima di questa e in ciascuna ci siamo incontrati. E forse, ogni volta, siamo stati costretti a separarci per le stesse ragioni. Perciò questo è un addio che dura da diecimila anni e prelude a quelli a venire. 
Quando ti guardo, vedo la tua bellezza e la tua grazia e so che sono andate via via crescendo in ciascuna delle tue vite. So anche che in ciascuna delle mie vite sono andato alla tua ricerca. E cercavo proprio te, non qualcuna che ti somigli, perché la tua anima e la mia devono sempre riunirsi. E poi, per ragioni che nessuno di noi capisce, siamo costretti a dirci addio.
Vorrei dirti che tutto andrà benissimo, e giuro che farò il possibile perché ciò accada. Ma se non ci incontrassimo più e questo fosse un vero addio, so che ci rivedremo in un'altra vita. Ci incontreremo di nuovo, e forse il volere delle stelle sarà cambiato e potremo amarci tanto da compensare tutte le separazioni precedenti.
—  Le pagine della nostra vita (Nicholas Sparks) 
LETTERA AD UN’AMICA CHE NON DIMENTICHERO’ MAI

Ehi, ti scrivo questa lettera perchè non sono molto brava a parlare. So che è strano riceverne una da parte mia e, probabilmente, questa sarà la prima e l’ultima che riceverai dalla sottoscritta. Sta di fatto che ti ho scritto perchè è da tanto che vorrei farti una domanda, ovvero, cosa cazzo è successo fra me e te? Nel senso… come abbiamo fatto a diventare così estranee e diverse?

Una volta eravamo migliori amiche, ricordi?

Ma ora…ora cosa siamo?

E’ da tanto che mi chiedo perchè le cose siano andate così male fra di noi, ma non ho mai trovato una risposta e, a questo punto, vorrei la trovassi tu al posto mio.

Spiegami, parlami, dimmi qual è stato il problema, qual è stata la causa che ci ha ridotte così.

Non so come ti senti tu adesso ma io.. io sto male, mi sento distrutta, mi sento come se avessi perso una delle parti più importanti della mia persona perchè eri davvero la mia migliore amica.

Mi fa male sapere che fra di noi non c’è più lo stesso rapporto, che tu stia bene senza di me e io senza di te, che adesso non siamo più sedute insieme a spettegolare o ad organizzare qualcosa, che non ci rivolgiamo neanche più la parola, che non facciamo più colazione insieme allo stesso bar, che non usciamo più a fare compere ogni sabato pomeriggio e che è calato il silenzio fra di noi.

Mi si è davvero spezzato il cuore quando ho visto che hai trovato un’altra persona al mio posto perchè mi sono sentita presa in giro, come se mi avessi solo usata nel momento del bisogno.

Dimmi: è così?

Non avrò mai questa risposta perchè tu non riceverai mai questa lettera ma, qualunque essa sia, beh, sappi che mi sento tradita e sono ferita, delusa, a pezzi, sconfitta.

Vorrei insultarti, rinfacciarti tutto quello che ho fatto per te, urlarti contro che IO ero la tua migliore amica e non meritavo tutto questo.

Vorrei farlo però non sprecherò più tempo, ormai è troppo tardi e certe amicizie se si rovinano per niente evidentemente non erano destinate a durare.

Non ti auguro nulla di male, non mi interessa alla fine, sappi solo che prima o poi si perderà qualcosa nella vita e, spero che tu sarai preparata ad una qualsiasi perdita perchè il male che si prova è insopportabile.

Nonostante tutto questo rancore che porto dentro, ti ringrazio per i bei momenti che abbiamo passato insieme, per i momenti in cui mi hai consolata, per le risate improvvise e inspiegabili, per gli abbracci dati senza una ragione precisa, per le foto che sembravano non venir mai bene.

Ti ringrazio davvero per tutte queste belle cose e stammi bene.

Io sono cresciuta grazie alla perdita della tua amicizia perchè è proprio in questo modo che si diventa più forti.

Grazie davvero e addio, mi mancherai.

Ti vorrò per sempre bene

tua Cher Harold.