Ninfe

John William Waterhouse (Roma, 1849 – Londra, 1917)

Ila e le Ninfe

1896, Manchester, City Art Galleries

olio su tela, cm 132,1 x 197,5

-

Ila nun è diminutivo de Ilaria come potresti pensà te, anzi è er nome de ‘n omo, anche si st’omo era l’amante de Ercole, quinni omo che va co omo, ma questo pii Greci era normale e dovrebbe esselo finarmente puro oggi, perché dopo più de dumila anni che volemo esse più aretrati dii Greci? Nun credo. Vero è che a vorte una vede un ber pischello e poi scopre che è ghei e allora rosica e dice “carne sprecata”, ma sprecata pe noi femmine, ma no pe chi soo gode, insomma l’importante è che uno o una sò contenti, e finchè due sò maggiorenni e sò d’accordo, viva l’amore.

Però pe dì che siccome Ila era no gnocco da paura, se ponno pure capì ste Ninfe che, stannosene ammollo nell’acqua tutto er tempo, ortre a venije i porpastrelli a spugnetta, se rompeveno pure li zebedei, e vedenno sto bono de Ila che se specchia ner lago, ‘o tireno giù e soo porteno via. Poro Ercole, quanto ce rimase male, se mise pure a piagne: e puro questo pii Greci era occhei, che perfino Achille piagne quanno j’ammazzeno l’amico Patroclo. Quinni è occhei annà omo e omo o donna e donna, e è occhei pe l’ommini de piagne. Vedi quant’ereno avanti i Greci.

Ma tornamo a Uoteraus, che n’era Greco, era Inglese. Che puro gl’inglesi cianno un problema cor fatto de potè piagne o esprime sentimenti in pubblico, ma questo in generale, omo o donna, ma vabbè nun annamo fòri tema. Uoteraus era un simbolista, e un sacco de vorte usa er simbolo dell’acqua insieme aa figura femminile, come qua.

Mo l’acqua è un simbolo de vita, che senza l’acqua nun se po’ vive anzi ‘a vita s’è popo sviluppata drento l’acqua iniziarmente; ma puro un simbolo de morte, che si viè un maremoto, no tsunami, o pure na tempesta mentre che stai in barca, cazzi tua. Quinni senza beve nun se pò sta, ma manco sott’acqua senza respirà: insomma come te metti sbaji. E così, puro ‘a donna, che in teoria è un simbolo de vita dato sì che partorisce li regazzini e cura e nutre eccetera eccetera, però all’omo, forse popo pe questo, je fa un pochetto paura, perché cià un potere che nun se pò controllà. ‘A donna fatale, quella che te fà partì a brocca che diventi scemo. ‘A madre possessiva che te rompe i cojoni fino a ‘o sfinimento. E qui ste ninfe sò un po’ come ‘e sirene de Ulisse, belle e affascinanti, ma aa fin fine, te dice Uoteraus, mejo stacce lontano.

Ma pe fortuna Uoteraus ha dipinto in un antro quadro pure ‘a povera Ofelia, che pe quoo stronzo de Amleto è impazzita e nell’acqua ce s’è buttata e c’è affogata. Quinni vedi che l’acqua nun è né maschio né femmina, e nemmeno l’amore, e purtroppo nemmeno ‘a morte, che ce fa tutti ugguali.

«Ora io mi sento male, ma non so quale sia la malattia: provo dolore, ma non ho ferite; sono triste, ma nessuna delle pecore è andata persa; brucio, ma siedo sotto una tale ombra! Quante spine mi punsero più volte, e non piansi. Quante api mi colpirono con i loro pungiglioni, e non smisi di mangiare. Questo dardo che colpisce ora il mio cuore è più doloroso di tutti gli altri mali. Muoio, care Ninfe: non potete salvate la fanciulla allevata tra di voi. Chi vi ricoprirà di corone dopo di me? Chi alleverà i poveri agnelli? Chi si prenderà cura del grillo canterino che inseguii penando molto, affinché mi facesse addormentare cantando davanti alla grotta? Io ora non dormo più a causa di Dafne ed il grillo canta invano». Tali cose pativa, tali cose diceva.
—  Longo Sofista
(la versione di greco più bella che abbia tradotto in questi due brevi anni al liceo. avendola appunto tradotta io, scusate per gli errori.)