Mesi

me: /reads a story w disability bc i am gullible and want to be represented in media

me: /gets fucking SMACKED in the face with the inevitable “disability cure” trope

the story: :))))))))))))))))))))))))))))))000

me: /never learns

5

modmad has helped me so much lately and said a lot of very kind things and I don’t have a way with words to express how grateful I am and how enormously much it means to me and I just aaahhh I’m sorry you are amazing and I love you and thank you so much again from the bottom of my heart.

(They are already advertising the Nutcracker at every metro stop where I live, therefore it’s definitely not too early to post this.)

7

some people have been wanting a guide to drawing Arthur and Mesi so these are some general notes (although they ended up being more about movement and form rather than anything… helpful… oops)

I guess it’s kind of a breakdown of how their action matches their personality and design more than anything else but hey it was a good change of gear for me \o/

Potranno passare ore, giorni, settimane, mesi e anni, a volte potrà anche sembrare che vada tutto bene e che il tuo pensiero fisso non sia più lui, ma quando pronunceranno il suo nome o quando lo rivedrai o quando rivivrai qualcosa che ti ricorderà lui, avrai di nuovo quel colpo al cuore, quelle farfalle nello stomaco, quel sorriso incondizionato, che anche a distanza di tempo solo lui sarà in grado di far scaturire.
—  misentobellalostesso

Perchè per ingrassare bastano dieci minuti di una bella mangiata e per dimagrire ci vogliono settimane di duro lavoro?
Perchè basta un attimo per perdersi e servono poi ore per ritrovare la strada?
Perchè ci vuole un secondo per spezzare un rapporto e mesi per riallacciarlo?
Perchè è sufficiente distrarsi appena per rompere un oggetto che non si ricomporrà mai più?
Perchè ci vuole un attimo a morire ed una vita intera per vivere?

Odio rileggere vecchi messaggi.
Dovremmo cancellarli subito dopo averli inviati, così che non ci possa mai capitare di rileggerli, mesi dopo, con il cuore in gola, pensando: “ERAVAMO TUTTO QUESTO” mentre ora non siamo più niente…
Io non ce la faccio piú a guardarti da lontano, ad essere gelosa di ogni ragazza che ti parla, a non sentirmi abbastanza bella per te e sono distrutta, triste perché é da mesi che va cosí e io non ne posso davvero piú.
—  Me (ariannamusicismycure)
Odio i ritardatari.
Ma non intendo quelli che arrivano con mezz'ora di ritardo. Io arrivo sempre tardi agli appuntamenti, lo sai.
Intendo quelli che se ne rendono conto troppo tardi.
Quelli che feriscono e poi chiedono scusa quando ormai non serve più a niente.
Quelli che tornano all'improvviso quando c'hai messo mesi per dimenticarli.
Quelli che ogni volta ti guardano con gli occhi di chi vorrebbe qualcosa da te e ogni volta ti accorgi che quella cosa non sono i sentimenti.
—  Antonio Dikele Distefano