LA-Fashion-Blogger

[Seven 'til Midnight Presents: Rockalicious Blogger Challenge] ft. Naughty Nurse

[Seven ‘til Midnight Presents: Rockalicious Blogger Challenge] ft. Naughty Nurse

Happy EARLY Halloween! It’s that fun time of the year and aren’t you all curious to see what I dressed up as this year? Thanks to Seven ’til Midnight, I was one of the bloggers to participate in their Rockalicious Blogger Challenge. Bloggers were asked to dress up in one of their costumes from the Rockalicious line. This was a fun one! Thanks to my friend Karen Capalaranfor once again taking…

View On WordPress

Happy Birthday Kier!

One of the best parts about blogging is meeting other young women that have the same interests as me. I’ve made some amazing friends over the past two years of blogging and one of them is Kier. Her personality is as colorful as her outfits. Kier darling you always push me to be better, expect more for myself and stand up for what I believe it. Thank you for being so genuinely awesome.  Thank you…

View On WordPress

Lipstick, Heels, & Late Nights

Lipstick, Heels, & Late Nights

My sister couldn’t have picked out a better shirt for me. Three words that describe something about me. I love lipstick, heels, and late nights. Most of my late nights do consist of working on projects, rather.

I loved the shorts because they fit comfortably and I finally was able to find a decent pair that covered my entire booty while staying high-waisted at the same time.

This outfit would…

View On WordPress

ragazza genere fashionbloggerz con la parlantina da *ho appena bevuto tre frappuccini con una spruzzatina di cacao*
salvatemi da lei per favore. per favore.

e poi saró io ma avevo questa convinzione che ci fossero degli standard.
per spiegarmi, ho sempre pensato a queste donne come indivuidi filo-divini incarnanti ogni singola qualitá imposta dalla societá (pelle perfetta, altezza, statuarietá, capelli lunghi fino al culo a mandolino ottenuto dopo N ore di palestra, …)
e quindi nel mio disprezzo per il genere mentalmente frivolo c’era anche una sorta di suggestione visto e considerato che appartengo al genere femminile e noi nasciamo necessariamente con un'autostima rasentante l'esistenza per quanto riguarda l'aspetto estetico/il confronto con altre donne

e invece no. lei è semplicemente una tipetta addirittura un po’ più bassa di me, con l’acne, la riga del fondotinta, i capelli non abbastanza lunghi, gli occhialoni, una tazza di plastica vuota in una mano e un'iphone nell'altra. per carità, lei si atteggia esattamente come lo stereotipo culturale che io avevo immaginato, ma guardandola nella realtà è tutta solo una sua illusione (probabilmente fomentata da un eccessivo uso di photoshop)

l'unica conferma di genere in lei sono i vestiti decisamente troppo costosi visto e considerato che li produrranno sicuramente nella stessa fabbrica dove producono quelli di h&m, o comunque in quella affianco. 


ora non provo piú suggestione, ma tristezza davanti a quanto l’industria è penetrata in noi, a tal punto da trasmettere l'idea che possedere un certo genere di cose possa rendere automaticamente chiunque un semi-dio ai vertici della scala sociale.

Io a questo punto ci ero già arrivata da mo’, il problema è che non lo avevo mai capito fino a che non mi si è gettato così in faccia. voglio dire, capivo che certe persone erano legate a questa visione delle cose come mezzo per elevarsi, dato che conosco persone con tale concezione; il problema è che non mi ero resa conto che questa convinzione fosse presente indirettamente anche in me, perché in fondo se idealizzavo la figura della fashion blogger era solo per certe caratteristiche comuni del genere in cui credevo anche io. 

e dopo questa illuminazione posso solo dire:
va bene lo ammetto, odio il capitalismo