Garrincha

I miei testi sono frutto di quel che vedo e di come lo vorrei modificare. Non è nonsense. Il senso c’è. Solo in pochi evidentemente sono in grado di capirlo. Mi dedico all’evocare sensazioni e dimensioni. Le dimensioni e le sensazioni che ho vissuto nella mia vita. E’ addolcire la pillola in un modo malato, ossessivo, esagerato, magari surreale o iperreale sì, ma non nonsense. Chi scambia l’Officina col nonsense commette un errore. Vedo i testi e la musica come un cinema. Proietto le mie immagini cariche di deliri, è un delirare, errare. Delirare drogastico, alcolico, giovane e saggio assieme. Parlo di come fuggire dalla Milano Città Mostro di Vestiti. Parlo di vandalismo. Parlo di come uccidere la noia. Se sono sconnesso è perché lo sono davvero.
—  Francesco De Leo
Charlotte (version 1)
Officina della camomilla
Charlotte (version 1)

Questa batte tutte le altre millemila versioni. Batte tutto.

Conquista con la sua semplicità e immediatezza. Il testo è di una dolcezza disarmante, evoca teneri frammenti di una storia d'amore che ha lasciato il segno. (almeno per come la vedo io)

Merita tantissimo.


Prima o poi ci tornerò sul letto di Charlotte. Tra coccole e coperte, tazze, latte e mandorla.                                                                                                     Prima o poi ci tornerò su quel letto di Charlotte. Esposti da borsette un po’ alla moda, la maglietta te la sfili apposta  per me.                                                    

E non sa quanti pugni che… peggio di una rissa in corso Como.                         E non sa quante sberle e manrovesci di buio e notte, vabbè, che poi notte sei te.

Prima o poi ci tornerò su quel letto di Charlotte, t'ho incontrata alla sua festa scema, guarda che lo sai.                                                                                     Prima o poi ti ricorderai, lo so che sono uno fra i tanti, avevo sciarpa e sigaretta, ero il tipo con la faccia triste perché…non ti vedo più .

E non sa quanti pugni che…peggio di una rissa in corso Como.                           E non sa quante cartelle che, ti spaccherai mica un polso?                                 E non sai quanti calci in bocca che mi dai. Lo sai e non lo sai.

Prima o poi mi capirai…credo mai.

Son le 10.00 amore dai andiamo a fare colazione! Da qui in Duomo si fa presto con il 12 se mai.                                                                                                   Oh ma un bacio me lo dai?                                                                                 Hai un po’ di nebbia sul cappotto.                                                                       Dalle colonne in San Lorenzo i punk stanno accendendo il fuoco.                     

Ma lo sai che quando sto conte si vedono le stelle sul soffitto e amore non mi fa più male la testa.                                                                                                 E chissà quante volte te lo dice il tuo ragazzo, l'altro tipo stronzo che hai incontrato alla festa.                                                                                             Adesso con lui, dove te ne andrai? Non credo da Tanagra, dopo Fiorucci e la Ricordi, le messagerie quanta fame che mi fa?                                                    Per il panzerotto di Lumini c'è troppa coda si sa, facciamo un frullato da Viel, quello in corso Buenos Aires.                                                                               E ti leccherai le labbra sporche di fragola e di panna, e ti leccherà le labbra sporche di fragola e di panna…ma soprattutto sporche di te.

Quanto ridevi stamattina, senza…(fin)                                               

L'alfabeto degli uomini senza gamba
L'Officina della Camomilla
L'alfabeto degli uomini senza gamba

Con l’Antartide nella faccia vado ad occupare una libreria, a suonare le pianole giocattolo dei libri, a comprare spara bolle egiziani.

Dopo la scuola serale il treno era sporchissimo, Leopardi è morto mangiando  un chilo di confetti ed anch’io ci sto ragionando A E I O U

Ma se muoio non potremo più andare in tandem. Io ho costruito un appartamento dentro a un Blockbuster.

Considerando che sei carina solo a testa in giù, potrei buttarmi nel buco dell’ascensore con il giubbotto pieno di coriandoli.                                        

Ma se muoio non posso più farti i disegni, se muoio ti porto i libri in 3D sugli insetti.                               

Ragazza che non viaggia scambia l’autobus con la candeggina, scoppia una rissa tra gli educatori davanti al palazzo monoblocco.                                    

Per seminare il panico nelle gelaterie mentre tu ti provi la febbre sul balcone.   L’alfabeto degli uomini senza gamba ripiegati sugli alberi, il vento sposta i lampioni e le biciclette pedalano da sole.

Con la musica elettronica, la musica elettronica quando strappo i fiori dall’aiuola… la musica elettronica, la musica elettronica quando strappo i fiori per te ci sono solo sacchi di spazzatura brillante, un bel pomeriggio allo stagno, le crostate di sottomarca.

(scomparsa da Youtube, la posto perché il mondo deve sapere di questa ennesima perla dell’Officina originaria, all’epoca in cui esistevano ancora i Blockbusters. Mi fa molto piacere constatare che non sono l’unica a suonare le pianole giocattolo dei libri oltre l’età indicata. Eshelle)

La primavera è un mostro
L'officina della camomilla
La primavera è un mostro

Credo che questa canzone sia sottovalutata.

Ha una bocca di ghiaccioli ed orrore
Colleziona le pagine dei dizionari
Deporta il buio delle sette meno un quarto
Distribuisce delizia al caso?
La primavera è un mostro
Il sole addomestica gli studenti
La primavera è un mostro
Ti allungherà le giornate
Così potrai soffrire il triplo
Lei è tornata sola
Passeggia convinta di essere in cucina
Ha una guerriglia londinese nello stomaco
E un cono d’ombra al fior di latte
La primavera è la stagione degli assassini
Delle mine anti-universitario
Dei cecchini da nascondere sui rami
E delle tenebre da nascondere nelle grotte
La primavera è una bestia di panchine
Dei parchi simili ai naufragi
La primavera mastica i barboni
E i gatti senza razza del Castello Sforzesco

(dovrei smetterla con l’Officina, ma non ce la faccio. Giuro che ascolto altra musica e anche bella)