2

SVC NEWS F1: un test a Fiorano con le Pirelli rain a febbraio
La Pirelli ha ottenuto dalle squadre una sessione di test con le full wet nella prima metà di febbraio e 25 giorni di test in stagione per lo sviluppo delle gomme 2018 ai quali si aggiungeranno una o due giornate di delibera dopo il GP di Abu Dhabi.
🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏁 🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🏆🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹
La Formula 1 Commission ha discusso l’opportunità di permettere un ulteriore test di gomme rain di uno o due giorni prima dell’inizio della stagione 2017. La proposta della Pirelli sarebbe stata recepita ieri nell’incontro di Ginevra che dovrà essere ratificato dal Consiglio Mondiale della FIA oggi.

In questo caso non verranno utilizzate le nuove monoposto, ma scenderebbe in pista la mule car della Ferrari, vale a dire la SF15-T del 2015 che è stata modificata nell'aerodinamica per i test di sviluppo delle gomme larghe nella seconda metà della stagione 2016.

La pista che potrebbe essere utilizzata dovrebbe essere quella di Fiorano: l’impianto della Ferrari può essere bagnato artificialmente permettendo un adeguato lavoro di comparazione fra i diversi run, potendo mantenere uno strato di acqua costante sul manto asfaltato. Il collaudo avverrà nei primi quindici giorni di febbraio.


C'è una rinnovata attenzione sulle prestazioni delle gomme da bagnato dopo il Gran Premio del Brasile quando i piloti si erano lamentati della tenuta delle full wet. Gli pneumatici larghi hanno anche un tempo di warm up più lento per cui sarà importante capire quali dovranno essere le modalità per il miglior utilizzo, considerato che sarà possibile partire da fermo anche in condizioni di pista bagnata.

I team sono consapevoli delle difficoltà della Pirelli che ha dovuto sperimentare e produrre gli pneumatici larghi senza disporre di macchine che avessero l’effettivo carico aerodinamico che è stato simulato per le vetture di nuova generazione.

La Formula 1 Commission, quindi, avrebbe approvato la proposta di effettuare 25 giorni di test esclusivamente dedicati allo sviluppo delle gomme Pirelli, ai quali aggiungere una o due giornate di delibera da fissare ad Abu Dhabi subito dopo la disputa dell’ultimo GP della stagione 2017.

È giusto ricordare che proprio in previsione del fatto che nella seconda parte della stagione il carico aerodinamico delle monoposto di vertice è destinato a crescere in modo sensibile, la Casa milanese ha già approntato delle gomme back up (con caratteristiche tecniche in grado di resistere a sforzi maggiori) che potrebbero essere introdotte se e quando ce ne fosse il bisogno.

Nei test svolti nel 2016 il miglioramento prestazionale che sarebbe emerso dalle gomme larghe è valutabile fra 1 e 1,5 secondi.
#sebastianvettelclub #scuderiaferrari #F1

Shareholders approve Liberty Media F1 takeover-related proposals

External image

Sport

Shareholders approve Liberty Media F1 takeover-related proposals

Liberty Media Corp said its shareholders voted to approve funding and changes related to the takeover of Formula One (F1) racing car series. Liberty Media had proposed to issue new shares to fund the acquisition of the glamor sport and rename its media group to “Formula 1 Group.” Both were approved at Tuesday’s special shareholder meeting, Liberty said in a statement.

Liberty Media Corporation Announces Receipt of Required FIA Approval in Connection with Pending Acquisition of Formula 1

ENGLEWOOD, Colo.–(BUSINESS WIRE)–

Liberty Media Corporation (“Liberty Media”) (NASDAQ: LSXMA, LSXMB, LSXMK, BATRA, BATRK, LMCA, LMCK) announced today that it has received the requisite consents and approvals from the Fédération Internationale de l'Automobile (“FIA”), the governing body of Formula 1, in connection with its pending acquisition of Formula 1, and that the closing conditions related to the FIA have now been satisfied. The acquisition is expected to close this month.

Forward-Looking Statements

This press release includes certain forward-looking statements within the meaning of the Private Securities Litigation Reform Act of 1995, including statements relating to the proposed acquisition of Formula 1 and its expected timing and other matters that are not historical facts. These forward-looking statements involve many risks and uncertainties that could cause actual results to differ materially from those expressed or implied by such statements, including, without limitation, the satisfaction of conditions to the proposed acquisition of Formula 1. These forward looking statements speak only as of the date of this press release, and Liberty Media expressly disclaims any obligation or undertaking to disseminate any updates or revisions to any forward-looking statement contained herein to reflect any change in Liberty Media’s expectations with regard thereto or any change in events, conditions or circumstances on which any such statement is based. Please refer to the publicly filed documents of Liberty Media, including its most recent Annual Report on Form 10-K and Quarterly Reports on Form 10-Q, for risks and uncertainties related to Liberty Media’s business which may affect the statements made in this press release.

About Liberty Media Corporation

Liberty Media operates and owns interests in a broad range of media, communications and entertainment businesses. Those businesses are attributed to three tracking stock groups: the Liberty SiriusXM Group, the Braves Group and the Liberty Media Group. The businesses and assets attributed to the Liberty SiriusXM Group (Nasdaq: LSXMA, LSXMB, LSXMK) include Liberty Media’s interest in SiriusXM. The businesses and assets attributed to the Braves Group (Nasdaq: BATRA, BATRK) include Liberty Media’s subsidiary Braves Holdings, LLC. The businesses and assets attributed to the Liberty Media Group (Nasdaq: LMCA, LMCK) consist of all of Liberty Media’s businesses and assets other than those attributed to the Liberty SiriusXM Group and the Braves Group, including its interests in Live Nation Entertainment and Formula 1, and minority equity investments in Time Warner Inc. and Viacom.

View source version on businesswire.com: http://www.businesswire.com/news/home/20170118006087/en/

.bwuline {text-decoration: underline !important;} ;}
FIA approves F1 takeover by Liberty

Liberty Media’s purchase of Formula 1 has received unanimous approval from members of the FIA World Motor Sport Council, paving the way for the deal to be completed.
The deal results in the transfer of 100% of the shares in Delta Topco, F1’s parent company, to Liberty Media Group.
The prospective new owner, which will be renamed Formula One Group, made a detailed presentation of its strategy at the meeting.
Members were then given the opportunity to ask questions about the agreement, the working relationship with the FIA and the company’s plans for F1.
An FIA statement said: “Liberty, Formula One Group and the FIA intend to collaborate to create a constructive relationship that will ensure the continued success and the development of the FIA Formula One World Championship in the long term.
"The World Motor Sport Council’s decision confirms the FIA’s belief that Liberty, as a renowned media organisation with expertise in both sport and entertainment, is clearly well positioned to ensure the continued development of its pinnacle championship.
"The FIA holds a one per cent shareholding in Delta Topco [Formula 1’s parent company].
"As part of the sale by CVC to Liberty Media Corporation, and in line with the agreements between the FIA and the Formula One Group, the FIA will be dragged along in the sale process under the same conditions as CVC and all the other shareholders.
"The FIA looks forward to working with the new owners of the Formula One Group on further developing the unrivalled global spectacle that is the FIA Formula One World Championship for all stakeholders.”
Liberty hopes the acquisition will close before the end of the first quarter in 2017.

lifeuniversefuture  asked:

that WRC link makes me feel bad.. WRC can do livestreaming on a monthly fee watch online but Formula one and formula e don't. Hope it changes

I KNOOOOOOOW.

If Formula 1 offered the same streaming package as WRC or even MotoGP do, I would totally support it and pay $$$.

Instead we pay $$ for a shitty F1 app (*rolling eyes*)

For the reason mentioned above, I will NOT be posting or sharing any illegal links to WRC. There are many ways that you can follow it at little or no cost at all.

Mercedes keeps 2018 options open with Bottas

Valtteri Bottas only has a one-year guarantee with the Mercedes Formula 1 team because it wants to keep options open for 2018 when big names are available, says Toto Wolff.
The driver market is set for a big shake-up at the end of 2017 when a host of contracts - including past champions Sebastian Vettel and Fernando Alonso - expire.
Although there has been no official confirmation from Mercedes about the length of Bottas’s contract, it is understood he has a one-year deal with options for an extension if he performs well.
Speaking to respected Finnish F1 commentator Oskari Saari on the Formulacast podcast on Wednesday, Wolff was keen to emphasise that Mercedes had faith in Bottas for the long term.
But he wants the team to be able to consider all its options for 2018, which he said Bottas had accepted when agreeing to move over from Williams to replace Nico Rosberg.
“We wouldn’t have chosen Valtteri if we thought that he was not good enough to continue with the team,” said Wolff in response to a question about Bottas’s one-year deal.
“But as a matter of fact, the market is very dynamic at the moment.
"Next year options open - young drivers, Sebastian, Fernando, Valtteri, many of them. So it is about understanding that, and Valtteri does.
"Equally we have great faith and confidence in him that he can stay with us for a long time but now we need to see how the season goes.”

FINANCIAL DEAL WITH WILLIAMS

In a separate interview with Gazzetta dello Sport, Wolff also confirmed that there had been a financial contribution to Williams to help ease Bottas’s exit and the return of Felipe Massa.
“Obviously we couldn’t make requests without giving anything in return,” he said. “Claire Williams is a really capable businesswoman - like her father Frank.
"But we didn’t only speak about business.
"For example, Williams needed a driver with experience, and it was necessary to get Massa to return.
"So now we are all satisfied - and obviously we have financially contributed to the return of Felipe.”

3

SVC TECH NEWS: FERRARI 2017 - PARTE 2: la sospensione anteriore sarà idraulica
🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁🏁
Dopo avervi parlato del muso della Ferrari 2017 che sarà diverso (ovviamente) ma non troppo da quello utilizzato dalla Ferrari nella stagione 2016 di Formula 1 (protuberanza centrale ma più corta) è ora di concentrarsi sulla sospensione anteriore che rimarrà la soluzione a puntone, voluta da Allison, sull'anteriore della Ferrari 2017. Con l'allontanamento di James Allison, colui che ha voluto fortemente il ritorno della sospensione push rod sull'anteriore della vettura, in molti pensavano che Ferrari potesse fare nuovamente un passo indietro andando a rispolverare la tanto chiaccherata ma amata da Simone Resta soluzione pull rod. La risposta è negativa. Sull'anteriore della Ferrari 2017 verrà confermata la soluzione a puntone (push rod) vista anche sulla per niente vittoriosa Ferrari SF16H.

Tecnicamente una sospensione push-rod presenta un puntone che lavora in compressione, esso trasmette il moto e collega la parte inferiore del portamozzo al bilanciere, chiamato anche rocker, che comanda il gruppo molla (ammortizzatore o barra di torsione, ammortizzatore). Al contrario una versione pull-rod presenta un tirante il quale lavora in trazione ed aziona il gruppo molla (ammortizzatore o ammortizzatore barra di torsione).

Il tutto trova disposizione nel classico schema a triangoli sovrapposti. Da qualche anno è ormai prassi generalizzata installare due gruppi molla (barra di torsione) ammortizzatore anteriormente e posteriormente, mentre in passato si sono viste in pista anche soluzioni con monoammortizzatore, interconnessi ad un terzo elemento, componente preposto al controllo dell’altezza e dell’inclinazione della vettura rispetto al suolo. Un terzo elemento ereditato dalle vetture Indy (tanto per ribadire che non è la sola Formula 1 ad esportare idee e tecnologia…) introdotto per la prima volta in Formula 1 da Alan Jenkins nel 1994 sulla Arrows. A ciò si aggiungono le sempre utili barre antirollio, dalle dimensioni sempre più ridotte.

La collocazione dei gruppi molla (barra di torsione) ammortizzatore è una delle differenze più evidenti tra le soluzioni push rod e pull rod. Il push rod ha la necessità di collocare i gruppi prima citate sopra le gambe del pilota vincolandoli alla scocca e collocandoli longitudinalmente o appena divaricati. Questa soluzione si è sposata sempre molto con i cosiddetti “musi alti“, in voga in Formula 1 sin dai primi Anni 90, sulla scia della rivoluzionaria Tyrrell 019. Il bisogno di liberare la parte inferiore del muso è necessaria se si vuole far affluire un quantitativo maggiore d’aria e se si vuole soprattutto un flusso meno perturbato diretto verso il fondo vettura. E’ per questo motivo che dagli Anni 90 i vari tecnici avevano abbandonato progressivamente la soluzione pull rod all’anteriore in favore del migliore push rod.

Inoltre il push rod consente sicuramente interventi di regolazione rapidi e meno complicati; è sufficiente infatti smontare la parte superiore della carrozzeria del muso per accedere ai gruppi molla ( barra di torsione) ammortizzatore, operazione che, al contrario, richiede molto più lavoro per un pull-rod.

Dal canto suo il pull rod ha il pregio di ingombri assai ridotti, tanto per il tirante (la cui sezione è assai più sottile di un puntone push rod) che per l’altezza generale dell’intero sistema, quindi con conseguenti benefici sul baricentro della vettura. Il pull rod infatti consente di disegnare una aerodinamica assai pulita, affusolata e rastremata. È per tale motivo che Newey dalla Red Bull RB5 ha optato per un pull-rod posteriore: aerodinamica più pulita, flusso d’aria meno perturbato diretto alla base dell’alettone posteriore, fiancate più basse in corrispondenza del retrotreno e Coca Cola più rastremata con baricentro leggermente più basso. Il tutto, senza intaccare l’efficienza del fondo vettura e dell’estrattore.

In definitiva è meglio il push-rod o il pull-rod?

Non esiste una risposta esatta e definitiva. Entrambe le tipologie sono affidabili, funzionali, redditizie, equivalenti. Come spesso accade, la scelta dell’uno o dell’altro schema dipende solo ed esclusivamente dalla volontà e dalle valutazioni del progettista. E, come spesso accade quando si parla di tecnica dell’auto, non esistono dogmi, ma solo alternative.

Per quanto riguarda la Ferrari 2017, entrando più nel dettaglio, era stata presa in considerazione anche l'installazione della sospensione pull rod all'anteriore (i progetti sull'anteriore portati avanti nella seconda metà del 2016 erano due) per sfruttare i minori disturbi aerodinamici del tirante rispetto al più “spesso” puntone della push rod. Ma la conferma di quest'ultima versione è passata anche da un importante lavoro atto a minimizzare gli effetti negativi dei bracci della sospensione sul flusso diretto verso la parte centrale della vettura, zona veramente nevralgica per le vetture 2017 ossia la parte che contiene i bargeboard. Oltre a questo motivo, la scelta di mantenere lo schema push rod deriva anche dal fatto che i tecnici italiani sentono ancora lo spauracchio di tornare ad una soluzione che con carichi così elevati cedeva sia negli elementi stessi delle sospensioni che nei loro punti di ancoraggio alla scocca. Un comportamento che ai tempi di Alonso non si è riusciti a notare troppo nelle simulazioni ma che creava parecchi grattacapi ai piloti in pista con una vettura poco precisa sullo sterzo come se i cedimenti creassero problemi negli angoli delle ruote. E poi c'è anche un motivo di comodità nell'inserimento dei componenti, principalmente il terzo elemento nonchè le barre di torsione che trovandosi nella parte alta risultano più facili da maneggiare.

FERRARI 2017: la scelta è ricaduta su una sospensione idraulica simile Mercedes 2016.
La sospensione anteriore della Ferrari 2017 assomiglierà molto a quella montata sulla Mercedes W07 o sulla Force India VJM09 ossia una sospensione con inerter idraulico, un qualcosa che la SF16-H non utilizzava.
#sebastianvettelclub #scuderiaferrari #F1 #668