Divertimento

Passi le serate a bere e fumare con gli amici, a ridere a crepapelle, fino alle lacrime, fino al mal di pancia.
Serate indimenticabili in cui sei la persona più felice del mondo, dove i sorrisi non sono sforzati, dove le lacrime sono solo di gioia.
Serate passate a ballare al chiaro di luna, con la musica a palla che ti trapassa la mente, i pensieri.

Poi il divertimento finisce e si torna a casa.
E il silenzio regna.
E i brutti pensieri ti soffocano.
E tu piangi.

La vita è un luna park.
Essenzialmente le persone si dividono in due grandi categorie: i coraggiosi e i cacasotto.
Ci sono quelli entusiasti che non vedono l'ora di provare tutto, e quelli che si fanno trascinare dagli amici. Quelli che salgono sulla giostra più alta e quelli che li guardano da sotto invidiando il coraggio che a loro manca.
C'è chi corre sempre e cerca la giostra più veloce; chi invece vuole prendersela comoda e godersi il panorama, quindi sale sulla ruota e aspetta.
Ci sono quelli che quando tornano a casa sono pieni di rimpianti, avrebbero voluto fare di più. Ma i migliori sono quelli pieni di rimorsi, che tornano a casa con la nausea per le troppe montagne russe, peró non si pentono di niente.
Sta a te decidere come affrontare tutto questo e far valere il prezzo del biglietto.
—  Katnip9812
Sapete, ho una voglia matta di compiere follie.
Ho voglia di scappare di casa e di andare in giro per il mondo, addormentarmi a notte fonda sotto le stelle e svegliarmi la mattina insieme al sole, alle prime luci del mattino, godendomi l'alba.
Ho voglia di ridere, ridere fino alle lacrime, fino a che ne ho la forza e piangere di gioia, non per tristezza.
Ho voglia di vestirmi stravagante, di mettermi quei jeans troppo corti e troppi attillati che non posso permettermi e di abbinarli a quella magliettina troppo scollata, troppo corta dove mi sporge la pancia e sentirmi bella.
Ho voglia di prendere il treno e andare da lui, presentarmi sotto casa sua e urlargli che mi manca. Voglio abbracciarlo e farlo innamorare di me, farlo mio.
Ho voglia di piangere e di urlare in qualsiasi momento della giornata, fregandomene di chi si gira a guardarmi, di chi si preoccupa, di chi mi deride.
Ho voglia di essere invitata ai festini a ballare con una bottiglia di birra in una mano e una sigaretta nell'altra, ubriacarmi fino a vomitare anche l'anima per scordarmi di quanto cazzo sia sola.
Ho voglia di scoprire il mondo, di scoprire me stessa, di fare quello che voglio quando voglio.
Ho voglia di sognare cose belle e di farle diventare realtà, anche se sono cose impossibili e irrealizzabili.
Ho voglia di divertirmi e di tornare a casa felice, senza farmi paranoie, sentendomi la ragazza più felice del mondo.
Ho voglia di questo io.
«Sposami»
«No»
«Come no?»
«Vuoi sposarmi?»
«Sì»
«Ahah attaccati»
«Vaffanculo»
«Va bene sposiamoci»
«No adesso non voglio più»
«Visto? Ti mettevo alla prova»
«Gne»
«Chiedimelo di nuovo»
«Vuoi sposarmi?»
«Resterai sveglio con me quando di notte non riuscirò a dormire?»
«Sì»
«Mi lascerai guardare i cartoni animati?»
«Li guarderò con te»
«Mi sopporterai quando mi arrabbierò perché premi il dentifricio dal centro?»
«Sì. Ma continuerò a premerlo dal centro»
«Quando sarò di buon umore e saltellerò in giro per casa come una stupida sarai felice con me?»
«Ti dirò che sei scema, ma sarò più felice di te»
«E quando sarò triste?»
«Ti farò ridere»
«Mi dirai sempre tutto anche le cose più insignificanti?­»
«Niente è insignificante»
«Mi aiuterai a scegliere i vestiti?»
«Va bene»
«Tu mi ami»
«Sì»
«Perché?»
«Perché sì»
«E mi amerai anche domani?»
«Sì»
«E anche il giorno dopo?»
«Sì»
«Chiedimelo di nuovo»
«Vuoi sposarmi?»
«Voglio sposarti»
—  Da qualche parte su internet