.wojtyla

Il senso religioso dell'uomo non dipende in sé dalla sua volontà, ma è iniziativa di chi l'ha creato. La scoperta del senso religioso è, dunque, il primo risultato che l'uomo consegue, se affronta seriamente l'esperienza di impotenza strutturale che lo caratterizza.
—  Karol Wojtyla
holy joe pio

cure pio was a catholic priest, but no pension priest.
on catholics padre pio is one of the twentieth centuary.s most revered figures. testament to this being that a heap people stop over his tomb every year. you may well ask for which do they do this. i believe it’s because on his extraordinary christian faith anmd devotion, but also off the many supernatural gifts together on which he was extraterrestrial. most famous of trough being the only priest to fust that had the stigmata wounds of christ.
padre pio was connate favorable regard southern italy in 1887, he joined the capuchin friars in 1903, qualified a priest open door 1910 and receiving the stigmat in a balletic episode in 1918. he stayed at his mountainside friary at san giovanni rotondo his entire life. away from a visit after the sophomoric karol wojtyla padre pio predicted that he would be pope. one lady friend of the all together bishop wojtyla was cured of cancer by the fervant payers of padre pio. ie she was exceptionally healed.
when padre pio died on 1968 he was receiving 5,000 erotica per week. at his mass the attendance was always tgo the well-shaped.their have been many miracles associated inclusive of him.
padre pio was a decent dispenser of divine commiseration, shape himself available to all by wecoming them, by spiritual direction and, especially by the conduct of the sacrament of penance. the presbytery of the confessional, which is one of the distinctive traits of his apostolate, attracted figure crowds of the faithful unto the monastery of san giovanni rotondo. align when that unusual confessor treated pilgrims with apparent severity, the latter, becoming conscios of the gravity upon sins and soncerely humble, almost always came back replacing the quiescent embrace of observance forgiveness.
pope john paul || canonized padre pio of pietrelcina a communicant current june 16, 2002 in one upon the largest attented liturgies ever among the vaticans history. the pope remarked that padre pio’s spirituality and dolor are valuable model in preference to modern times. the pope reemphasisedf his message at the nth degree of the canonization sext by announcing padre pio’s feast sunburst. september 23rd, is an “obligatory hagiology” in the church’s general liturgical calendar.
the ranking concerning obligatory menhir accorded up padre pio means the celebration burden be the case observed in inferior and the liturgy of the hours on the day it occurs unless an observance that takes presedence - a solemnity or kitchen stuff - falls incidental the same spell. st maximillion kolbe, also into the franciscan tradition, is the only othe 20th centuary saint whose memorial is inevitable.god bles saint pio.
appear http:\www.membersite.biz\back matter.php?id=38581 for an actuarial calculation of enlightment.
do not miss http:\spellhealth.the goods

Monday, February 1, 2016

“The Last Prophesy” – Antonio Socci Recognizes the Pope as Pope, but Steadfastly Continues His Criticism

… Whether Socci will be released from quarantine by church hierarchs and Catholic organizations remains to be seen. In Italy it is at least more probable than it would appear in the German language. Socci is a powerful voice whose merit credit for disclosing the “Bergoglio- (D) effect”. These mainly include the “false friends” of the Pope. Socci documented this in early 2014 on the basis of anti-clerical Radical Party of Italy of Marco Panella and the former European Commissar Emma Bonino. The Radicals are the abortion, divorce, euthanasia, homo- and gender party par excellence. The rejection and combating of the Catholic Church is its defining feature. . Under John Paul II Pannella and Bonino stood on St. Peter’s Square and shouted: “Wojtyla go home.” Under Benedict XVI .: “No Taliban, No Vatican”. Under Francis they stand there and shout “Viva il Papa. We radicals love you."Socci repeatedly directs the question to Francis, if he had never asked himself why this is so. 

The full post: 

‘Pope John Paul II (Karol Jozef Wojtyla) giving the communion to a boy during his visit to the Diocese of Frosinone-Veroli-Ferentino. Frosinone, Italy. 16th September 2001 (Photo by Grzegorz Galazka\Archivio Grzegorz Galazka\Mondadori Portfolio via Getty Images)’ http://dlvr.it/KQnSY1

Pope John Paul II, A Saint, A Man
Andrea Porporati
Genre: Drama
Price: $9.99
Rental Price: $3.99
Publish Date: April 27, 2014
Preview:

Hungry for life experience and adventure, Lino Zani is a ski instructor and skilled climber who has grown up on the edge of a 10,000 foot glacier, where his family runs a lodge, and mountain life is his religion. Yet to find his path in life, he never expected to be inspired by a friendship with one of the most influential spiritual leaders in the world, Pope John Paul II. When the Pope treats himself to a short skiing vacation, his choice of accommodation is Lino’s family lodge. Lino and Wojtyla are naturally two very different men but both realize they have more in common than they initially believed: a drive to reach the top and an urge to discover what lies on the other side. This is the true story of an authentic friendship that lasted until the Pope’s death, allowing Lino to find his path, which would guide him to the top of Mount Everest and beyond.

via  Carol Wojtyla

Sem querer apavorar vocês mas já apavorando

Vocês estão ligadas que sexo com crianças (na verdade, estupro) é a última fronteira a ser ultrapassada pelos homens né?

Eles já conseguiram naturalizar o abuso sexual contra a mulher sempre encontrando um meio de colocar a culpa nela, afinal “ela bebeu”, “ela usou aquela roupa”, “ela não devia estar na casa do fulano aquela hora” etc

Agora estão conseguindo naturalizar o abuso sexual contra adolescentes, afinal “acima de 14 não é mais crime”, “meninas de 16 anos já sabem o que estão fazendo”, “tem menina de 17 que dá mais que xuxu na serra”

O próximo passo é naturalizar o abuso sexual de crianças, afinal “a Mc Medody se veste igual uma biscate”, “tem prostituta de 13 anos que se oferece pra caminhoneiros”, “a Valentina parece um mulherão”, “minha religiao permite casamento com meninas de 8 anos”

Os homens não vão descansar enquanto todos os seres humanos de todas as idades não puderem fazer parte de seu “cardápio” de sadismo sexual

Eles vão criar teorias que justifiquem, doenças que expliquem, distúrbios que despenalizem os crimes que eles cometem

Os porões da internet já estão cheios de pornografia infantil

Não vai demorar muito para chegarem a superfície da nossa cultura

Esse sempre foi o plano, desde que leis que protegem crianças foram criadas

Só não vê o desenrolar da história quem não presta atenção

Family Day, la Chiesa cattolica e le battaglie per la libertà

“La famiglia è un fatto antropologico, non ideologico”
(il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, nella prolusione del consiglio episcopale permanente, 25 gennaio 2016) Nel 2000, durante il Giubileo, Giovanni Paolo II pronunciò quello che fu definito il più grande “mea culpa” della Chiesa cattolica. Il Papa polacco si batté il petto per le crociate e le guerre di religione, le persecuzioni contro gli ebrei, il tifo per il colonialismo, la discriminazione etnica, quella sessuale, i silenzi sulle ingiustizie sociali. Due anni prima Wojtyla si era chiesto se l’Olocausto non fosse stato “facilitato dai pregiudizi antigiudaici presenti in certi settori cristiani”. Sempre nel 2000 l’arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio, oggi Papa premiato dalla fiducia, dal gradimento e dalle speranze di un numero altissimo di credenti e non (Ixè nell’ultimo sondaggio lo dà al 90 per cento di popolarità), spinse la Chiesa argentina alla “pubblica penitenza” per le barbarie commesse dalla dittatura. Terminata vent’anni prima.


Nel 2010 la Santa Sede, retta da Benedetto XVI, condannò i comportamenti di padre Marcial Maciel Degollado, fondatore dei Legionari di Cristo, ritenuto responsabile per almeno vent’anni di un numero imprecisato di abusi sessuali oltre che di aver coperto altri che ne avevano commessi di analoghi. Il pontefice definì Maciel “un falso profeta”, la cui vita era stata “priva di scrupoli”. Ma Maciel era morto. Da due anni. Le prime denunce in Vaticano erano arrivate alla fine degli anni Novanta all’ufficio che lui, Ratzinger, dirigeva dal 1981.

Gli organigrammi della Chiesa cattolica – dai papi agli arcipreti – ce l’hanno un po’ di vizio. Abitualmente tendono a schierarsi contro le battaglie di libertà. Sembra un riflesso condizionato. Appena c’è odore di libertà, pam, si fiondano dalla parte opposta. Quando le libertà devono essere estese, difese, tutelate, rivendicate, la Chiesa che conta si contrappone, resiste o, più spesso, sceglie il silenzio. A volte vince, anche se sono vittorie solo politiche (d’altra parte non c’è niente di più politico della storia dei papi). Alla lunga ci sta che gli tocchi arretrare, fino alla resa. E in certi casi, dopo decenni, dopo secoli, quando magari non se lo ricorda più nessuno, tocca chiedere anche scusa. Come Wojtyla. Come Bergoglio. Come Ratzinger.

La storia di Galileo Galilei la sanno tutti: ha potuto ringraziare di essere riaccolto tra le braccia del cattolicesimo 359 anni, 4 mesi e 9 giorni dopo. Sanno tutti anche la storia di Giordano Bruno, morto qualche anno prima di Galileo, nel 1600, bruciato vivo a Campo de’ Fiori. Quando a fine Ottocento il giovane Stato italiano eresse una statua in suo onore, Papa Leone XIII digiunò per un giorno per protesta e confermò la condanna del religioso dato alle fiamme. E mentre la Chiesa condannava all’oblio l’eretico Bruno, premiava la memoria del suo inquisitore, Roberto Bellarmino, che non solo è santo, ma è anche inserito nel ristretto pantheon dei Dottori della Chiesa. E poi Tommaso Campanella che dovette fingersi pazzo per evitare la pena di morte e infatti gli dettero 30 anni (ne fece 27, la certezza della pena era una cosa seria).

Cinquant’anni prima era nata l’Inquisizione, i cui numeri sono ballerini da secoli: per comodità si possono prendere quelli ufficiali del Vaticano che parla di oltre 100mila processi contro gli eretici (compresi protestanti e streghe) e condanne al rogo per “meno di 100 casi” (come se fossero pochi).

Per rendere più efficiente il lavoro, la Chiesa cattolica creò anche l’Indice dei libri proibitinel quale si sono visti passare da Machiavelli a Rousseau, da Montesquieu a Benedetto Croce fino a Moravia e Aldo Capitini. E’ rimasto per 408 anni: è stato soppresso nel 1966, appena cinquant’anni fa. Poi si può curiosare nel campionario di Pio IX, il Papa più longevo dopo Pietro. A metà Ottocento era inorridito – e infatti li inserì tra gli 80 errori del Sillabo – da liberalismo, libertà di religione, separazione tra Stato e Chiesa. In un’enciclica condannò la rivoluzione francese e il risorgimento italiano. Definì inaccettabile che i cattolici italiani partecipassero alla vita politica (per sua fortuna è vissuto un secolo prima di Camillo Ruini).

O ancora Pio XI. Poco prima dei Patti Lateranensi che il Vaticano firmò con lo Stato fascista nel 1929, parlò così di Benito Mussolini “Forse ci voleva anche un uomo come quello che la Provvidenza ci ha fatto incontrare”. Tutte le interpretazioni benevolenti sono accolte. Ma Mussolini era il capo del fascismo da 10 anni, da 7 capo di un governo conquistato senza elezioni. Da 4 erano state approvate le leggi fascistissime che trasformavano l’Italia da Stato liberale a Stato autoritario. Da 8-9 anni le squadracce fasciste distruggevano e incendiavano sedi di partito, di giornale, di sindacati, di cooperative, di circoli, di teatri, bastonavano e uccidevano centinaia di persone in tutta Italia.

Da 5 anni era stato ammazzato Giacomo Matteotti. Fino ai giorni nostri. A Oscar Romero, il vescovo di El Salvador. E’ stato fatto beato. Ma lo scorso anno, 35 anni dopo il suo assassinio, arrivato al culmine della sua battaglia solitaria che il Vaticano ha ignorato. O alla battaglia sul divorzio.

Per due volte negli ultimi quattro giorni il capo dei vescovi italiani, che su altri temi (la corruzione, la mafia, la vendita di armi delle aziende italiane o magari gli scandali nelle diocesi) si affida al silenzio quasi perfetto, ha ribadito che non si può equiparare il matrimonio alle unioni omosessuali. Non si possono, cioè, equiparare l’amore, l’unione delle anime, la dolcezza, la potenza del sentimento degli eterosessuali con quelli, identici, degli omosessuali. Primo, perché come ha detto una settimana fa l’amatissimo e acclamatissimo Papa Francesco quelle sono persone che “vivono in uno stato oggettivo di errore”, ma sulle controversie della dottrina e della teologia ne ha già scritto – con maggiori competenze di chi scrive – Francesco Antonio Grana.

Ma non sono equiparabili, dicono i vescovi, “perché la Costituzione parla di matrimonio tra uomo e donna”. Chissà quando  qualcuno si deciderà a spiegare al cardinale Angelo Bagnasco che proprio la Consulta – che la Costituzione per abitudine e per mestiere la difende – ha fatto a brandelli la legge sulla fecondazione assistita perché violava 6 articoli della Carta e due della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Era proprio la legge che fu blindata da Camillo Ruini, predecessore di Bagnasco e suo buon maestro, che invitò i cattolici a non presentarsi alle urne per far fallire il referendum.

In un libro di qualche tempo fa (La Chiesa contro) che racconta di tutti i no della gerarchia cattolica in materia di diritti e bioetica (dal testamento biologico all’eutanasia fino alla fecondazione assistita), Sergio e Beda Romano scrivevano tra l’altro che in Italia “la Chiesa non rinuncia a fare battaglie più intransigenti e inflessibili di quelle che è in grado di fare altrove; e può soprattutto contare su una classe politica più debole e opportunista di quella con cui deve trattare in altri Paesi dell’Europa cristiana”.

Chi manifesta al Family Day manifesta a favore di una cosa che c’è già e che nessuno ha intenzione di toccare. La questione è matematica: dare più diritti allarga la platea dei cittadini pienamente compiuti e inclusi, mentre il Family Day difende solo una parte. E forse crede che i valori (sulla vita, sulla morte, sull’amore) siano un bagaglio solo dei credenti, mentre i non credenti – empi, privi della luce – si lasciano guidare dal caos, dal cinismo, dalla moda del momento, dal nichilismo. Mentre è solo una questione di libertà. Le battaglie di libertà sono battaglie per tutti, perché estendono i diritti senza limitare quelli di altri. Lasciano fuori (cioè dentro le chiese) i precetti di una fede perché possano entrare non solo tutte le fedi, ma anche quelli che non ne hanno una, non ne vogliono una. La legge è per tutti e non deriva dai testi sacri di una parte. Si potrebbe consigliare agli uomini che hanno sposato la Chiesa cattolica – e per volontà del Signore ne sono diventati principi – di abbassare il tono della voce, per una volta, di aprire le orecchie, gli occhi, le finestre almeno. Si potrebbe, ma le speranze – ancora una volta – rischiano di restare tali. Al massimo toccherà aspettare qualche secolo.

Diego Pretini ilfattoquotidiano 30 gennaio 2016

“ Estou grato a João Paulo II, como todos os membros do Povo de Deus, pelo seu serviço incansável e a sua guia espiritual, por ter introduzido a Igreja no terceiro milênio da fé e pelo seu extraordinário testemunho de santidade. (…)Todos sabemos que, antes de percorrer as estradas do mundo Karol Wojtyla cresceu ao serviço de Cristo e da Igreja na sua pátria, a Polônia. Foi ali que se formou o seu coração, coração que depois se dilatou à dimensão universal, inicialmente participando no Concílio Vaticano II, e sobretudo após o dia 16 de outubro de 1978, a fim de que nele encontrassem lugar todas as nações, línguas e culturas. João Paulo II faz-se tudo por nós. Agradeço ao povo polaco e à Igreja na Polônia o dom de João Paulo II. Todos fomos enriquecidos por este dom. João Paulo II continua a inspirar-nos. Inspiram-nos as suas palavras, os seus escritos, os seus gestos e o seu estilo de serviço. Inspira-nos o seu sofrimentos vivido com esperança heróica. Inspira-nos a sua entrega total a Cristo, Redentor do homem, e à Mãe de Deus. ” (Trecho da mensagem do Papa Francisco ao povo da Polônia por ocasião da Canonização de João Paulo II) 🙏
#papafrancisco
#papafrancesco
#popefrancis
#Franciscus
#jorgemariobergoglio
#jpii #joãopaulo #juanpablo
#karolwojtyla #poland #fé
#Deus #Dios #Jesus #Maria
#boanoite #buenasnoches
#goodnight #love #gratidão by papafranciscus at PapaFrancis.net

Non si è mai soli davanti al mistero della sofferenza: si è col Cristo che dà senso a tutta la vita. Con Lui tutto ha un senso, compresi il dolore e la morte.
Papa Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla)
(presso Segreteria di Stato della Città del Vaticano)

Marco Mammoli si racconta: dall'Emmanuel all’incontro con papa Wojtyla e Medjugorje che “salverà il mondo”

Marco Mammoli si racconta: dall'Emmanuel all’incontro con papa Wojtyla e Medjugorje che “salverà il mondo”

External image

Marco Mammoli si racconta: dall'Emmanuel all’incontro con papa Wojtyla e Medjugorje che “salverà il mondo” Un giorno, per caso, la sua vita è cambiata: è “bastato” comporre una canzone, un inno per arrivare al cuore della Chiesa, di milioni di fedeli e, immaginate un po’, anche a quello di un santo, Papa Wojtyla. Niente di… Today http://www.today.it/rss…

View On WordPress