*fiero

5

Venezia - 08

(abbiamo trascorso i primi giorni di agosto a Venezia, soli, a scattare foto, a camminare un sacco, a fare i documentari che a lui piacciono tanto, a mangiare muffin al cioccolato ogni mattina nel bar vicino casa. Antonio qui indossava la maglia che abbiamo tutti e due e il cappellino di cui andava tanto fiero.)

So I started reading Hammer of Thor and I just happened to notice a few similarities between Alex Fierro and I. I have green and black (its dark brown but shhhhh) hair, I am trans, I am a snarky little shit, I can and will cut you, and also I couldn’t help but see that Alex Fierro’s last name seems latino or hispanic (as I am), since fierro means iron in spanish.

Now, I’m not saying that I’m Alex Fierro

but i aM ALEX FIERRO

Perché, quando ti ho accanto, il mondo sembra meno bastardo. Vorrei dirtelo ma non parlo e poi mi perdo infondo al tuo sguardo, così fragile, così fiero, così semplice, così vero, da lasciarmi senza respiro.
—  Gemelli Diversi
Consejos para los signos.

Aries: Cálmate, no tienes porque ponerte tan fiero por todo. 

Tauro: Tranquilo, lo perfecto es aburrido, diviértete un poco. 

Géminis: Piensa antes de hablar, tienes buena intención, pero lástimas a los demás. 

Cáncer: Eres sensible, pero a veces exageras demasiado.

Leo: No alejes a los que te quieren por tu orgullo. 

Virgo: Eres muy inteligente, pero deja de ser tan sarcástico. 

Libra: Eres equilibrado, pero deberías valorarte mucho más a ti mismo.

Escorpio: No te ofendas tanto, no es tan grave, tal vez no debas mantener en secreto todo lo que sientes.

Sagitario: Tienes mucho potencial pero a veces muy desaprovechado. 

Capricornio: Te harías millonario si te pagarán por pensar, pero el problema es que a veces piensas demasiado para nada.

Acuario: Demuestra un poco más o acabarán por creer que estás vacío. 

Pisics: Deja de asumir que los demás saben por qué sufres, habla un poco más, quizás lo entiendan mejor. 

Ho pensato che forse, se scrivessi la verità su di me, potrei stare meglio e magari trovare il coraggio di dirti una cosa importante.
Spiegartelo mi viene difficile, non ho paura di dirtelo di per se, ma ho paura di renderti meno fiero di me.
Si, lo so, sembra una sciocchezza, dopotutto mi hai cresciuto tu, mi hai fatto sentire il bambino più felice della terra e non sarò mai grato per questo e sappi che non ho paura di te, dopotutto sei mio padre.
Mi hai sempre fatto domande, per tua curiosità e per parlare di argomenti da uomini, sulle ragazzine della mia classe sin dalle medie, su chi mi piacesse, su chi fosse solo una amica ecc.
Io ti rispondevo con ciò che tutti dicevano, ma che non ho mai pensato: Eleonora, la ragazza dagli occhi stupendi, Emma, dal seno più prosperoso, Angelica che sembra quasi una modella ecc.
Papà, ancora non riesco a dirtelo, anche se non sto parlando, anche se sto solo scrivendo e tu non sei qui vicino a me, non riesco ancora a dirti la verità.
Una parte di me spera che; se mai tu dovessi leggere questa lettera, non possa ancora capire ciò che voglio realmente dirti, un'altra parte di me invece, lo urlerebbe al mondo intero.
Papà, io sono attratto dai ragazzi, papà, sono gay.
Mi sento stupido nel dirtelo, ma mi sento già meglio.
Scusami se ti ho ferito, posso capire, non sono ciò che realmente t'aspettavi, ma non posso nemmeno negarmi ciò che sono.
Dio, mi sento libero, mi sento volare.
Il solo pensiero di avertelo detto, anche se attraverso una lettera e anche se tu devi ancora leggerla, mi fa sentire come se finalmente avessi capito chi sono in questo mondo.
Eppure ho il timore di vedere la tua reazione non appena leggerai questa lettera, spero tu arriva fino alla fine e se non dovesse essere così, per favore, dimmi qualcosa, qualsiasi cosa, ma non ti sentire ferito.
Sei il miglior padre che io potessi mai avere, anche se non mi accetterai per ciò che sono, io ci sarò sempre per te.
Se mai non mi vorrai più, lo capirei, ma sappi che ci sarò sempre per te, come tu ci sei sempre stato per me.
Voglio dirti un'ultima verità e probabilmente dopo di questa, mi sentirò ancora più libero.
Sono innamorato.
Non ha importanza il suo nome, non ha importanza di dove sia, non ha importanza niente, ciò che voglio che tu sappia è che: sono felice.
Mi viene sempre incontro quando sono giù, mi fa sentire a casa con un solo abbraccio, parlare con lui mi fa sentire meglio e va pure bene a scuola.
Avete tante cose in comune, ti piacerebbe…
Scusami, forse sto fantasticando troppo, sto vivendo un mondo che magari tu non accetti e che forse non accetterai mai.
Forse non arriverai nemmeno a leggere questa parte, perchè ti sarei fermato prima.
Se stai leggendo invece e mi stai accettando per ciò che sono allora ti prego continua, altrimenti fermati ora, ridammi la lettera e prenditi il tempo che ti serve.
Solo, non mi odiare, non mi accetterei più.
Papà, questo è il momento di darmi la lettera indietro o di continuare.
Sono gay, sono innamorato di un ragazzo stupendo e… Papà, ho fatto l'amore con lui.
L'ho detto…
Ora sono io terrorizzato, mi sto confidando con te, sto dicendo la verità a te, sono qui per te, per dirti che… Papà, ti voglio bene.
Grazie per ciò che m'hai dato in questi anni e ora, è giusto che tu conosca tua figlio per ciò che è elementare.
Ho fatto l'amore con lui, è stato intenso, ci guardavamo nei occhi come due non esperti della materia e come due bambini che stavano diventando due uomini, assieme in un unico gesto.
Se ora sei arrivato a questa parte della lettera, ti prego, fai qualcosa, tirami uno schiaffo per non averti detto la verità, dammi un abbraccio per farmi sentire più umano, piangi, come sto facendo io in questo momento.
Papa, ho solo bisogno di sentirmi dire che va bene così, che non sei arrabbiato e che rimango sempre il tuo bambino.
Papà, scusami, ti voglio bene.
—  ricordounbacio
¿Esperarte?

¿Por qué esperar?
Si el reloj no deja de correr
Mi piel no para de envejecer
El mundo no parece mejorar

¿Esperarte a ti?,
¿O esperar por ti?
Pero tu tiempo no es el mio
Ni el mio el tuyo

No dejan de abrazarme los fantasmas
Recuerdo, haber deseado que esperaras más
Tan solo por un instante abrazarme
Ni yo tan vivo sin ti,
Y ni tu tan muerta por dejarme

Perece el deseo,
El frío corroe al corazón fiero
¿Esperar cuánto?, ¿un instante?
Nadie me lo aclara, y como no lo sé
Es esperar una eternidad

Quisiera poder convertirte en eso,
En alguien que merezca ser esperado
Pero el tiempo desvanece ya mis huesos
Y mi vida no alcanza para esperarte

Tal vez si lo merezcas
Y la eternidad solo sea un parpadeo
Pero mientras, mantente cerca
Hasta que al fin sea yo el que lo merezca.

Stanotte ho dormito nel tuo letto papà, ho messo la testa sul cuscino e nella mia testa è incominciato un replay di tutti i momenti trascorsi con te.
Non mentirò, non sei stato il papà modello, non ti ho mai visto all'uscita da scuola, la domenica non mi portavi a giocare al parco. Non hai mai detto quanto fosse bella la tua bambina, la tua principessa. Non ci sei mai stato agli incontri con i docenti a scuola, non mi hai mai detto quanto fiero tu fossi di me, di quella che sono diventata. Non mi hai mai abbracciato così di colpo e detto quanto mi volessi bene.
Ma sai cosa ti dico? Non importa papà.
Non importa papà anche se ci sono momenti che mi sono sentita così insicura per colpa tua. Non importa se ti sei fatto odiare per non avermi dedicato del tempo in più.
Non importa papà perché ho saputo accontentarmi di quel poco che ho vissuto, che a ripensarci cosi poco non è.
Hai sempre fatto di testa tua, non hai pensato alle conseguenze, te ne sei fregato, non hai ascoltato.
Hai sempre avuto un carattere forte tu, i piedi in testa nessuno te li ha mai messi, non ti sei mai fatto condizionare dalle idee degli altri, hai sempre avuto una tua opinione al riguardo. Sei sempre stato tu a decidere delle tue azioni, nemmeno a pregarti saremmo riusciti a smuoverti. Non ti ho mai visto mollare e non ho mai creduto che potessi vederti piangere.
Poi però un giorno ti ho visto piangere papà, mi sono sentita sprofondare, non avrei voluto vederlo mai.
Ci sono infiniti momenti che ricorderò e altri che non vorrò ricordare.
C'ero io con te papà, quando con aria scherzosa avevi chiesto al medico se fossi arrivato al “capolinea”. Da quel momento ho capito che qualcosa in te si fosse spezzato, non avevi più quella speranza che ti dava una spinta in più per combattere. Non scendevi più di casa, passavi tutta la giornata nel tuo letto ed uscivi solo per pranzare o cenare.
Una sera non ti sei sentito bene e io e la mamma abbiamo deciso di portarti all'ospedale.
Sai papà quella sera che ci hanno detto ? Ci hanno detto che non c'era più niente da fare, ma non te l'abbiamo mai detto.
Non potrai mai capire il dolore che avevo ogni volta che mi dicevi che ti volevi riprendere, che anche se la vigilia e il natale non lo avevi passato con noi, appena saresti uscito avremmo rimediato.
Papà tu non sai quanto avrei voluto portarti a casa e tenerti con me per sempre e prendermi i tuoi dolori.
Non dimenticherò mai questi giorni.
Non dimenticherò quando mi facevi l'occhiolino mentre prendevamo in giro la mamma, non dimenticherò quell'abbraccio che mi hai dato la prima sera che ti abbiamo portato all'ospedale e nemmeno il tuo viso che si commuoveva, non dimenticherò quando mi dicevi “dammi un altro bacio”, non dimenticherò quando per la fretta sono arrivata tutta sfatta e tu mi hai detto che sono bella lo stesso anche senza quel trucco, non dimenticherò la mia mano nella tua e il mio viso sul tuo petto, non dimenticherò quando ti svegliavi ogni tanto per controllare se noi fossimo ancora lì, non dimenticherò mai i tuoi occhi che si posavano su di me mentre mi sorridevi, non dimenticherò quando mi volevi più vicina.
Papà non dimenticherò mai questi giorni perché sono stati i giorni più belli e più brutti della mia vita con te.
Non avremo più tempo per odiarci, non potrai più aiutarmi a cucinare, non potrò più sentirti mentre mi dici quale musica ascoltare, non avremo più tempo per recuperare il nostro di tempo perduto, non potrai più vedermi crescere, non potremmo più fare le nostre interminabili giocate a carte dove puntualmente mi stracciavi, non potrai mai più accorgerti del mio tatuaggio, non potrai accompagnarmi all'altare e non potrai esserci quando i tuoi nipoti ti chiameranno “nonno”.
Mi mancherai per sempre papà.
Mi mancherai la mattina quando litigavamo per chi dovesse occupare per primo il bagno.
Mi mancheranno persino i tuoi guai, i tuoi giorni no e i nostri litigi.
Mi mancherai quando indosserò un vestito corto e non potrò vedere la tua preoccupazione mista alla gelosia sul tuo viso.
Mi mancherai quando mi guarderò allo specchio e in me vedrò anche un po’ di te.
Mi mancherai quando vedrò la nostra cagnolina e mi ricorderò di quando non la volevi e poi sei finito per affezionartici.
Mi mancherai ogni volta che uscirò da scuola e non ci sarai più tu ad aspettarmi.
Mi mancherai ogni giorno, ogni minuto e in ogni secondo, perché senza te se ne è andata anche un parte di me.
Sei stato il mio guerriero papà, non posso prometterti di essere forte come te, ma ci proverò anche se questo dolore mi sta uccidendo, anche se mi sento spezzata a metà, anche se mi sento sul fondo di precipizio, lo farò per te.
E tu papà, te lo saresti mai aspettato che ti amassi così tanto ?
Sogni d'oro papà.
R. I. P.
—  Itss-hope (F.B.)
Mi provochi un amore che mi gela il sangue, mi scioglie le parole.
Il calore dei tuoi abbracci mi blocca tutti gli arti, però mi smuove il cuore.
Tu mi guardi e mi sorridi, io ti guardo e poi tremo.
Tu mi ami e me lo dici, io ti amo e sono fiero.
—  Arturo Sarli | romanticismotossico
La “mala” fama de los signos

Aries: Es muy agresivo.

Tauro:Es deamasiado testarudo.

Geminis: Es muy bipolar.

Cancer: Es muy quejica (quejon)

Leo: Es muy fiero.

Virgo: Es demasiado serio.

Libra: Es un creido/a.

Escorpio: Es un demonio.

Sagitario: Es un bocazas.

Capricornio: Es lo peor.

Acuario: Es un rarito.

Piscis: Es un lloron.