覽車

orca zozza, qua come mi muovo sbaglio. 

vorrei dire una cosa all’anon più in alto. non ti conosco, non ho idea della tua storia, posso solo provare dispiacere per quello che provi. 

in sette o otto mesi da quando sono tornato a scrivere credo di non aver dedicato più di sette o otto post alla mia relazione. non posso prometterti che non ne scriverò più, perché a volte (non molte, come detto) mi piace mettere qualcosa di semplicemente bello tra le solite lamentele da vecchiaccio, gli sproloqui sulla musica e qualche maldestro tentativo di ironia.

non aumenterò la frequenza di post di questo tipo, però, quello no.

quello che però voglio dirti è che non c’è alcuna intenzione di vanteria in quei post, non sono fatti per far star male la gente, solo per descrivere dei momenti. sono perfettamente conscio che una relazione è un complicato equilibrio che non è semplice mantenere, e vantarsene sarebbe quantomeno pericoloso. non ho un rapporto perfetto (non esistono), non faccio parte di una coppia di persone perfette (non esistono), e soprattutto non ho alcun titolo, intenzione o capacità di dire a nessuno come vivere la propria vita. non c’è malizia, davvero.

di te so solo che mi hai scritto, non ho né un nick né altro. mi spiace sia passato molto tempo da quando stavi bene. spero che tu possa trovare quello che cerchi, e che sia valsa la pena di attraversare un periodo del genere. so che non è semplice. per quanto possa valere la mia esperienza (nulla, davvero), ho avuto anche periodi di anni in cui sono stato solo. ho cercato di stare bene con me stesso, e se è servito a diventare la persona che è stata scelta quando è stato il momento, vuol dire che è andata bene così.

non sto dicendo che andrà bene per tutti. ogni giorno non faccio altro che sperare e lavorare perché vada bene per me. sto solo raccontando dei momenti che mi riguardano.

un abbraccio.

Questi due grafici di un team della Norwegian university of science and technology guidato da Diana Ivanova sulla produzione di gas serra nelle regioni d’Europa, spiegano meglio di mille parole la differenza tra ecologismo 1.0 e moderno. 

Il grafico in alto fa vedere il livello regionale di emissioni di co2 in Europa: tutta l’Italia del Nord si distingue in negativo. E qui si fermano i tanti ecoimbelli superstiti dello scorso millennio. 

Il secondo grafico invece dei colpevoli cerca le CAUSE: misura l'impronta media per famiglia di produzione di c02, indicando dove la produzione di gas serra venga GENERATA invece che che prodotta. Dove cioè si “compra” co2, magari poi prodotta altrove. E’ una mappa dei comportamenti più o meno virtuosi. E qui emerge che le verginelle inglesi, tetesche e finlandesi più i poveri greci, sono i più bravi a SPOSTARE  il problema, facendo sporcare agli altri per poi consumare loro. Ricorda quelli che l’auto elettrica pulita,  ma l’elettricità non è una fonte è solo un modo per trasportare l’energia, prodotta lontano lontano da mega centrali a idrocarburi o a carbone … 

Environmental Research Letters che ha pubblicato la ricerca commenta: «le regioni si concentrano sistematicamente sul mitigare l’impatto a livello territoriale, agendo ad esempio sullo smaltimento dei rifiuti o sui trasporti». Sono azioni che hanno sicuramente un effetto positivo sul piano locale ma che potrebbero semplicemente spostare le emissioni su un altro territorio. 

anonymous asked:

Allora in quale forma esistono magia e stregoneria? Chi fa i tarocchi ad esempio, è magia quella?

Si parla di magico impropriamente, come se fosse fuori dagli schemi naturali. Ma il magico obbedisce a leggi naturali quanto la fisica o la chimica; soltanto non è conosciuto e non è sondabile con le strumentazioni scientifiche.

In esoterismo si insegna che ogni oggetto, per il fatto che è osservato, percepito o posseduto, acquista le qualità ed entra in sintonia con chi l'osserva, lo percepisce o lo possiede. Quindi può anche donare le sue qualità in uno scambio che va oltre il conosciuto.
I cristalli, per esempio, si racconta che abbiano una proprietà, data dalla particolare struttura molecolare: sarebbero in grado di trasmettere la loro vibrazione, i movimenti e le scansioni dei loro atomi che, se entrano in risonanza con i nostri, ne esalterebbero la forza e la funzione.
Infatti sembra che la peculiarità di base del cristallo, sia quella di essere una forma in estremo equilibrio materiale, strutturale ed energetico ed il suo reale potere stia nella capacità di “riordinare” e riequilibrare secondo la propria struttura, qualsiasi forma di energia gli passi attraverso.
Esiste, poi, un simbolismo in grado di muovere forze inconsce che producono un nostro cambiamento di umore e di vitalità. In questo senso il cristallo rappresenta il piano intermedio tra il visibile e l'invisibile; un vero e proprio tramite fra cielo e terra.
Ho parlato dei cristalli perchè sono quei materiali che hanno da sempre affascinato l'uomo per la loro bellezza, ma il discorso vale anche per le pietre e i metalli in genere.
Se, a tutto questo, si aggiunge anche “una forma” che scateni suggestioni per il potere del simbolo, si può ottenere il miracolo della magia che non è nell'oggetto, ma nel pensiero dell'uomo che usa l'oggetto come un catalizzatore per la poca sufficienza della sua energia e immaginazione.

Quello che serve non sono i cristalli, gli amuleti o qualche rituale di magia per risolvere i nostri problemi.
Quello che serve è la fiducia in noi stessi, l'accettazione che siamo noi i promotori di quegli eventi che possono determinare la nostra felicità, come la nostra sofferenza. Serve rendersi attivi nei pensieri e nella scelta di coltivare le emozioni giuste che si possano armonizzare con il vissuto contingente e trovare il senso di quel rapporto con un mondo creduto esterno.
Se poi abbiamo bisogno di un appoggio, va bene; così come quando si ha mal di testa, possiamo anche aiutarci con un pillola antidolorifica. Ma il rimedio non è il cristallo o la pillola. Il rimedio è nella conoscenza della radice del nostro problema che ci avverte di una disarmonia, di un errore nei pensieri e nel comportamento.
Questi non vengono cambiati da nessun rituale e da nessun appoggio esterno, i quali possono anche riordinare le energie di quel momento, ma non cambiano ciò che siamo.


Certe cose sai bene come vanno a finire, sono storie scritte su pagine invisibili ma comunque scontate. È vero, nulla è certo, ma esiste quel sesto senso, che alcune persone sviluppano meglio di altre, che ci permette di sapere al di là di ogni ragionevole dubbio se siamo destinati al successo o al fallimento…
Ma è proprio di fronte alla sconfitta certa che si distinguono i coraggiosi dai codardi.
A scappare di fronte l'impossibile sono bravi tutti, restare a lottare contro i mulini a vento, benché sia un atteggiamento da perfetti coglioni, rappresenta il tentativo estremo di sovvertire i pronostici: molte volte è meglio sgretolarsi in polvere contro il muro del desiderio che restare una fredda pietra in attesa del logorio del tempo.
—  La morte

E poi un giorno ti accorgi che tutto intorno a te sembra diverso, eppure non è cambiato nulla. È solo cambiato il modo di vedere
le cose dentro e fuori te.
✨✨✨✨Buonanotte..N…✨✨✨✨

La mia dea

Sono innamorato di una dea. Una dea fredda nella sua perfezione, che col gelo negli occhi mi guarda e mi fa sentire infimo, perso in lei e nella mia incapacità di esserle adeguato. Le appartengo senza avere nulla in cambio, estasiato dalla sola possibilità di perdermi in lei, colpito e trattenuto a terra dal suo rifiuto. Eppure è vita, eppure è morte, eppure è quanto di più il mio cuore possa desiderare. Sono debole ma cerco la perfezione.

fogliecolorindaco  asked:

Sono tanto infelice, ormai da 9 anni. Sono sempre triste e non riesco a sorridere veramente. Sono appena venuta a sapere che soffro di depressione grave e questo mi ha reso ancora più infelice. Sa dirmi perché io sono infelice e tutti gli altri che mi stanno intorno no? Sono un po' invidiosa della loro felicità..

Mi dispiace della tua situazione. Però spero che ti possa curare in modo che la tua infelicità non ti impedisca di riuscire a vedere le cose con la prospettiva giusta.
Davvero credi che le persone che ti circondano siano felici alla pari di quello che dimostrano?
Credimi, non è così. La vita è un adattamento continuo e la lotta per ottenerlo, non è mai facile.
Camminiamo su un terreno che è insidioso solo se c'è l'affanno di conferme a quello che si crede di conoscere, ma che può diventare scoperta se c'è apertura e si riesce a mantenere la capacità di meravigliarsi.
Se ottieni questa, avrai superato la tua depressione.
Infatti la serenità che ne può derivare è come quella del bambino che sta scoprendo il mondo ed è in grado di gioire delle piccole cose senza lasciarsi confondere dalle grandi.
Il segreto è lasciare che tutto fluisca senza porre nessuno ostacolo. Sarà la nostra sensibilità a saper distinguere quello che è necessario da quello che non lo è.
Così la vita si rivela ai diversi livelli che ciascuno di noi è in grado di percorrere.
Mi raccomando, fatti curare e abbi pazienza.
Un abbraccio.

Siamo pieni di ideali
su ciò che è perfetto,
che è bello
e che è elegante,
ma quello che è più accattivante
è che io sono ciò che nessun altro è…
Buon giorno
Kissss 😘

anonymous asked:

Sai, tutti i vestitini che ti metti nelle foto e che sponsorizzi sono davvero stupendi e li vorrei tanto pure io, ma ogni volta che li vedo non riesco a fare altro che pensare che siano belli solo addosso a te :(

Oh, ti ringrazio ma non è assolutamente così, è che hanno dei bei tagli e quindi generalmente stanno bene a tutti. Io non sono magra, ma bella paffutella, eppure sono davvero carini anche addosso a me. Te li consiglio tanto, sia quelli di romwe che quelli di shein.
Grazie.

Ma tu davvero pensi
che amore sia
tormentarsi la notte
perché non arriva un suo messaggio
e cominciare a chiedersi dov'è e con chi
e non dormire fino a che non ti scrive
che è a casa?
Amore è leggerezza.
Davvero pensi
che amore sia
sapere tutti i pensieri e tutti i sogni
e imparare a memoria il passato e programmare intensamente il futuro,
pretendere di conoscere ogni dettaglio
ogni desiderio più intimo?
Amore è intuizione.
Ma tu davvero
ma davvero davvero
pensi che amore sia
stare insieme tutto il tempo
ogni momento
non separarsi neanche un attimo
perché insicuri
deboli
protettivi?
Amore è tenersi le mani anche lontani
è rispondere a telefono a qualsiasi ora
solo perché ti va tanto
di parlare un po’.
Tu pensi
che amore
sia chiedersi continuamente
mi ami?
Ti amo?
Ci amiamo, si?
Amore è dubbio
ma dubbio lieve
dubbio ch'è un sollievo
ch'è consolazione
d'essere l'uno per l'altro
certezza sicura.
Pensi dunque
che amore sia
chiudersi in una gabbia d'oro
e non vedere neanche più il mare
e non innamorarsi più di niente?
Amore è
cercarsi tra la gente
e trovarsi in altri occhi
e non costringersi
a non vedere più nessuno sguardo
perché amore non è proibire
è accettare
non è sperare
è sognare
non è sapere ma è credere
e non è obbligo, ma fiducia.
Amore è equilibrio e follia
e non è appuntamento fisso
è aspettarsi sempre e comunque
in qualsiasi caso.
Amore è scegliere
e per scegliere c'è bisogno
d'avere un sacco di opzioni
se no che si sceglierebbe?
Amore è stare
in un modo o nell'altro
sempre dentro a qualcun altro
e dentro a un altro riconoscersi
ecco
amore non è mica perdersi,
amore è ritrovarsi.
—  Marzia Sicignano
-Gli hai detto che sei ancora innamorata di lui?
-No.
-Ma tu, sei ancora innamorata di lui?
-Certo che sono ancora innamorata di lui.
-Ma come?
-È passato solo un mese.
-È passato più di un anno.
-Non dipende da me.
-Sì invece.
-Ma no. Sono innamorata di lui, lo amo, non dipende da me.
-È una cazzata.
-Ma è così.
-Come ci riesci?
-A fare cosa?
-Ad amarlo ancora.
-Non lo so. Probabilmente perché non avevo mai amato nessuno quanto lui.
-Ma con tutto quello che è successo…
-Con tutto quello che è successo l'ho amato ancora di più. Lo amo di più ogni giorno, se è possibile.
-Dovresti odiarlo.
-Perché?
-Ti ha distrutta.
-Ma mi ha anche resa più felice di chiunque altri. E se anche alla fine ho scelto di andarmene questo non cambierà mai.
—  mailmiocuoredipietratremaancora.tumblr
Andare a letto con qualcuno è molto semplice. Ci si incontra, si parla, giochi di sguardi, discorsi che intrigrano, qualche parola in più. Spogliarsi è semplice, toccarsi è naturale. Finisci ti rivesti e vai via. Puoi farlo con chiunque. Amare davvero qualcuno è diverso i discorsi che si fanno non intrigano e basta, non ci si spoglia solo dei vestiti. Puoi dirgli che hai bisogno di un abbraccio,che sei preoccupato per qualcosa, dirgli le tue paure, raccontare dei sogni che fai, confidargli un segreto. Puoi fargli spazio tra le tue paure e le tue parole, fargli spazio nella tua vita ed entrare nella sua. Puoi prendergli la mano e dirgli che insieme siete tutta la forza che occorre. Puoi svegliarti la mattina e accorgerti che vi siete addormentati parlando, e che l'odore che pensavi venisse fuori dal tuo sogno in realtà era il profumo del suo bagnoschiuma. Amare è una cosa diversa. Sicuramente non è da tutti, indubbiamente non è per tutti.
—  il cercatore d'amore
volevo dirti
tante cose,
ma tante,
tante davvero,
ma poi ti penso,
e ci ripenso,
che vorrei dirti
tante cose,
tante davvero,
ma rimango in silenzio
aspettando chissà cosa,
chissà come,
chissà perché,
chissà “se”.
chissà se guardi il tramonto
e pensi
“e lei dov'è?”
“perché non c'è?”
ma io ci sono
e tu no
—  gliocchituoilosanno

Sei piena di dubbi
tutta dubbi e niente a posto
pensi
ripensi
e mica dormi tu
no, a te dormire non viene facile
che c'hai le cose per la testa tu
che c'hai le cose pure nel cuore tu
per te, dormire, è difficile due volte di più
il divano ti ci fa credere
ma poi ti metti a letto
e ti riaccendi
e ti giri da un lato
e ti giri dall'altro
litighi con il cuscino
e non sai mai quanto lenzuolo devi tenerti sopra,
senza è troppo freddo, sotto è troppo caldo,
lo sventoli con le gambe
come fosse la vela di una barca
perché tu non dormi mai
tu navighi
anche di notte

sei piena di dubbi,
le scelte che devi prendere
si vedono dalle unghie che ti mangi
più sono corte
più sono importanti
e poi ti attorcigli i capelli
cerchi la scelta giusta tra i boccoli che ti fai a mano
perché è attorcigliandosi i capelli
che si sciolgono i pensieri giusti,
a questo credi tu

piena di dubbi, di indecisioni
incertezze, insicurezze
ma poi una scelta la fai sempre,
ci pensi troppo ma alla fine
ti butti sempre
e non importa
se è la scelta giusta
o è quella sbagliata,
quello che fai tu
è sempre
meraviglioso.

Gio Evan

“Tu che prendi?”
“Penso prenderò una fetta di torta, tu?”
“Una coppa di gelato”
“Ti piace tanto il gelato, vedo”
“Sì. Invece a te no”
“Non è vero, e che preferisco quello confezionato”
“Siamo diversi in tutto”
“Lo so”
“Io vorrei andare a mangiare con te quello artigianale”
“E cosa cambia?”
“È più buono”
“Possiamo fare così, mentre tu compri quello artigianale io prendo quello confezionato. E poi andiamo a mangiarlo in qualche altro posto, insieme.
È semplice”
“Non è semplice”
“Perché?”
“Con te nulla è semplice.
Ma è una cosa bella, mi sono innamorato di te per questo”
“Già”
“E poi ti piacciono poche cose, su qualsiasi cosa, anche con le persone”
“Soprattutto con le persone”
“Anche se con te vorrei fare tante cose, anche quelle che non ti piacciono e tu mi dici sempre di no, sono fortunato ad averti”
“Perché?”
“Ti piacciono poche persone, giusto?”
“Giusto”
“Ma io ti piaccio, hai scelto me.
Nella tua complessità rendi tutto più importante”.

➖e lui mi ha reso felice in quella serata qualsiasi al bar ➖