聖華

quindi: matcho (bell'italianismo no?) con una ragazza su tinder. sembra carina e con interessi simili ai miei e non la solita ragazza normie, perdipiù della mia zona. un unicorno, insomma. ci scriviamo, le do il numero, ma mi sembra di vedere che non è interessata. no, non è la mia insicurezza cronica a parlare, figuriamoci. fatto sta che smetto di scriverle, aspettando che mi scriva lei. non succede, ci metto definitivamente una pietra sopra. fast forward: ieri un mio amico che è a quanto pare suo amico mi ha detto che ogni sera si lagnava del fatto che io non le scrivessi. peccato, le piacevi, ma ora è troppo tardi perché è a roma e forse tornerà qua l'estate prossima. forse. tre cose: sono stupido, non colgo i segnali delle ragazze e non capirò mai se piaccio a qualcuna, tinder è il male anche se ti va quasi bene.

How should I write this?

A list of some of the most common Italian grammar doubts you might have (and even Italians have) when writing.

1- qual è VS qual’è
Sometimes it’s common to see the apostrophe among these two words, despite it is not a case of “elisione” (= you don’t write/say the last vowel in front of words starting with a vowel), but a simple “troncamento” (= the last vowel just drops - despite exceptions). In fact, the same happens in front of words starting with consonants (ex. qual buon vento!), and also tal, buon and pover act the same way.
Qual era too doesn’t need the apostrophe, but qual’erano does (in fact this is an “elisione”, as it originates from “quali” - in fact you can write it also as “quali erano”). [ X ]

2- celeberrimo VS celebrissimo
Celebre’s (=famous) superlativo assoluto [ X ]  is “celeberrimo” and not “celebrissimo”. It is one of the few adjectives (with aspro -sour- => asperrimo, for example) that uses the suffix -errimo and not the usual -issimo when turning into absolute superlative. 

3- meteorologia VS metereologia, aeroplano VS aereoplano 
The correct form is meteorologia, as this word originates from “meteora”; while the correct forms for all words air/plane-related start with “aero-” (from the french prefix that means “air”): aeroplano, aeroporto, aeronautica, aeromodellismo, aerosol, aerostato... The doubt originates with the habit of using the abbreviation “aereo” (from the latin aèreus) to indicate an avion, instead of saying the whole original definition “veicolo aereo” (air vehicle).

4- un po VS un po’ VS un pò
Ofc the only correct form is the one with the apostrophe, un po’, as it originates from a troncamento of the word “poco” and the apostrophe shows that a syllable got dropped at the end of it. [ troncamento’s exceptions need the apostrophe ]

5- è piovuto VS ha piovuto
Both are correct when you refer to rainfall (same goes for all the other verbs that express a weather condition). But use only the auxiliary verb “essere” if you mean it figuratively. Ex. Sono piovute critiche = criticism rolled in

6- Se stesso VS sé stesso
You might find it without the accent before the word (aggettivo dimostrativo) “stesso”, as for someone there is no chance to mistake it for “se” in this situation, while it’s good to use “” when it is used alone. Tbh, to avoid confusion, it’s probably better to use the accent version anyway. [ X ]

7- “C” VS “Q”
There are some words that might cause you problems on how to write them bc of their sound, and make you wonder if you have to put a “c” or a “q”. For example, these are all written with the “c”: evacuare (to evacuate), proficuo (profitable), scuotere (to shake), riscuotere (to cash in), promiscuo (promiscuous), scuola (school), innocuo (innocuous).
The only Italian word with the double “q” is “soqquadro” = in disarray.
If you have a water-related word, in general you have to use “cq” (as water = acqua, is written with both).: ex. sciacquare = to rinse.

8- ne VS né
If you’re using it as a negation (usually a double one), then it needs the accent. If not, then use the version without the accent. 
Non vado né al mare né in montagna. = I’m going neither at the sea nor on the alps.
Te ne vai? = Are you going away?  [ X ] [ X ] 

9- ciliegie VS ciliege, spiaggie VS spiagge
The plural of feminine nouns ending with -gia and -cia (not -già or -cià) at the singular, keep the “i” when the “c” and the “g” are preceded by a vowel. When they are preceded by a consonant, they drop the “i”.
So you have to write ciliegie (ciliegia = cherry), camicie (camicia = shirt), acacie (acacia) but also spiagge (spiaggia = shore, beach), gocce (goccia = drop), facce (faccia = face).
Same happens with the group -scia (the “c” is always preceded by the consonant “s”) : coscia (thigh) -> cosce, fascia (band) -> fasce

10- perchè VS perché
Perché has to be written, as most of the words ending with -ché (dacché, sicché, affinché…)  with the accento acuto. [ X ]

11- sopratutto VS soprattutto, anzitutto VS anzittutto… **
Another common doubt is the one about doubles and words (it has to be written as a one word or not?). There are different situations according to each word, for example: dopotutto (that can be written as “dopo tutto” as well), oltretuttosoprattutto (needs a double t also in the middle) and anzitutto (that can be found as “anzi tutto” as well).

12- da VS dà, fa VS fà…
How it works: da is a preposition, is a verb (da’ is imperative mood); fa is the correct one, as is only used as a desinence for verbs (fa’ is imperative mood). [ X ]

13- a VS ad, e VS ed
It is madatory to add the letter “d” only if you put the preposizione “a” in front of words starting with “a” and the conjuction “e” in front of words starting with “e”. It is not mandatory if the words following “e” and “a” start with a different vowel. [ X ]

14- si VS sì
If you’re using it as a statement, you have to write “” (yes). Write “si” in any other situation. [ X ]

15- dasse VS desse, stasse VS stesse
Subjunctive is a tough mood to conjugate, especially at the imperfetto tense. Some verbs are even more difficult to conjugate [ x, x, x, x ]. In these examples, the correct third singular person of these verbs are che egli desse and che egli stesse, (with the “e”, despite these verbs ends in -are => this might be the reason of all the doubts).

16- apostrophe: yes VS no
In general, you use the apostrophe when you have an “elisione” (for example, in front of feminine nouns: ex. un’amica). It is used also to indicate the drop of part of a number as in a date: ex. Nel ‘15-’18 ( In the 1915-1918 years ).  [ elisione + troncamento’s exceptions X ] [ X ]

17- affianco VS a fianco, apposto VS a posto… **
If you mean “to the side”, the correct one is “a fianco”. Affianco is used mostly as a verb (1st singular person of “affiancare / affiancarsi” = place side by side, support). As for the other one, “a posto” means “sorted, in place” but also “tutto a posto = all is well”. Apposto is used as a past participle of the verb “apporre” = to put, to place.

18- entusiasto VS entusiasta
Enthusiastic in Italian is used with the ending in -a also with singular masculine subjects. Ex. Luca è entusiasta. Entusiasto doesn’t exists, but entusiasti (plural masculine) and entusiaste (plural feminine) do both (it changes the last vowel according to the subject’s gender only at the plural, basically).

19- accelerare VS accellerare
The correct form is the one with only one “l”, accelerare. Doubles are a tough matter in Italian though.

20- imparare VS insegnare
Despite in some Italian regional idioms these verbs are used as equivalents more or less, to teach = insegnare, to learn = imparare. Ex. Ti insegno a leggere. = I teach you how to read ; Imparo a leggere. = I learn to read.

21- accettazzione VS accettazione
In general, all the words with the suffix “-zio” and “-zione” only need one “z”: accettazione, gestazione, collutazione, attenzione, pozione….

22- scienza VS conoscenza
In the words with the suffix -scenza, you don’t have to put the “i” as it is not necessary before the “e” (”sc” is read with the correct sound anyway, basically as “sh” in “shame”). ex. conoscenza, adolescenza….
In the words with the suffix -scienza, or science-related, is good to keep the “i”. ex. coscienza, fantascienza, neuroscienza

23- eclisse VS eclissi
This word (eclypse) underwent a lot of changes since the past (ecclipsi, ecclissi, eclipsi, eclisse, eclissi, eclypsi, ecrissi): it has been considered a very specific, difficult and rare noun, used in the science field, and it evolved from Greek ( ékleipsis ) into Latin ( eclīpsis ) and then into Italian mostly through books.
Nowadays, the most common form used at the singular is eclissi, considered a feminine noun (l’eclissi -> elisione of la eclissi). To write eclisse is not considered a mistake btw, it is only less common. At the plural, the only correct choice is eclissi (le eclissi, plural, feminine).


** I tought it would have been nice to add some more doubtful words, even just for curiosity. So, I put a list under the keep reading link:

Keep reading

Sono stanco, capo. Stanco di andare sempre in giro solo come un passero nella pioggia. Stanco di non poter mai avere un amico con me che mi dica dove andiamo, da dove veniamo e perché. Sono stanco soprattutto del male che gli uomini fanno a tutti gli altri uomini. Stanco di tutto il dolore che io sento, ascolto nel mondo ogni giorno, ce n'è troppo per me. È come avere pezzi di vetro conficcati in testa sempre continuamente. Lo capisci questo?
—  Il miglio verde

è da mezz’ora che provo a scrivere un post su come io non abbia nessuno con cui sentirmi importante è che è colpa mia eccetera ma non riesco e forse è perché non voglio nemmeno pensarci perché è una cosa tremenda. fine

Innamorati di chi ti fa sentire speciale. Innamorati di chi ti pensa. … Innamorati di chi ti scrive, …Innamorati di chi fa così o colà.
Eh, quante ne ho lette sull'amore…
Io dico semplicemente: INNAMORATI!
Ricorda che l'amore è anarchico, non sceglie, non misura, non calibra, non segue regole prestabilite, non ha “canoni” fissi, non è esigenza, non è un patto razionale tra noi e le nostre necessità.
Pertanto, AMA. Ama e basta, ama più che puoi, fino ad impazzire, ama senza pensare alle conseguenze, senza calcolare i pro e i contro, ama fino a trascendere il tuo stesso ego, e sarai un essere umano LIBERO. ❤ Cit Dora Dolce)

anonymous asked:

è un po' difficile osservare un tipico esemplare di genderfluid, questo perché se togli a questa persona tutte quelle cose superficiali che ne dovrebbero determinare il genere non rimane che un uomo o una donna. Il punto non è "critichiamo gli studi di genere allora non esiste genere e tu uomo devi vestirti da uomo",il punto è quanto consistente sia un discorso di questo tipo. Nel momento in cui posso dire "sono un drago" e non sono ammesse critiche altrimenti è xenofobia allora c'è un problema.

Il problema del political correct è un altro tema piuttosto spinoso e non propriamente legati a questo. Ma anche riducendo il numero di generi a maschio, femmina, gay, lesbo, geder fluid e Saviano, il compito di una società sarà sempre quelli di proteggere le sue minoranze. Altrimenti, e qua torniamo a cecio alla biologia, riduciamo la varianza e il passo successivo è l'estinzione nonché la noia.

Il 2017 verrà ricordato come l'anno in cui in Italia è tornato normalissimo dirsi fascista, elogiare il fascismo e sostenere che chi è antifascista è anti-italiano.

mattinota  asked:

Non di tumore, ma anche io ho perso la persona a me più cara, e io non ho potuto fare niente. Solo stare a guardare. Quindi posso capire il tuo stato d'animo adesso.

No, non lo puoi capire, che cazzo. Ho già fatto questo discorso. Voi NON potete capire. Quindi smettetela di venire a scrivermi quei “ti capisco” pieni di pena e compassione, perché non ne ho bisogno e sopratutto perché voi non capite cosa sto attraversando ora. Io accetto veramente tutto quello che mi dite per non farmi sentire sola, lo apprezzo moltissimo. Ma nessuno può capire come mi sento io ora, quanta ansia, quanta paura, quanto terrore ma sopratutto quanta rabbia. Perché ogni dolore è personale, è come se tu avessi una maglia arancione ed io rossa, tu non puoi venire a dirmi che abbiamo la maglia uguale, perché non è così. E non mi importa quanto tu ci creda, non sarà mai come pensi, non sarà mai come dite. La mia maglia resta rossa e la tua resta arancione. Io non voglio qualcuno che mi dica che mi capisce, no, perché significherebbe che sta passando la stessa mia merda e questo mi farebbe star male ancora di più. Vorrei che qualcuno mi dicesse che è una merda, che questo fottuto mondo ti uccide e non ti degna nemmeno di un funerale, che ti butta in una fossa comune e poi va avanti, che la vita è una carogna, che le malattie sono delle maledette che portano via ogni cosa bella ed ogni persona, che qualcuno mi dicesse che anche se non vedo la luce del sole, c'è. Ed è proprio sopra di me. Che anche se le persone codarde si sono tirate indietro davanti a questo problema più grande di chiunque ed hanno smesso di starmi accanto, io posso combatterlo comunque. Perché ho scalato milioni di montagne, ho attraversato tempeste infinite, ho fatto chilometri a piedi senza stancarmi, ho combattuto i mostri più forti e sono ancora fottutamente in piedi.
Voglio qualcuno che mi dica che quando le cose diventano più grandi di me, io devo diventare più grande di tutto.


Ti ringrazio, davvero. Ma vorrei dirvi che venire a dirmi “ti capisco” non mi fa stare meglio e non mi fa sentire meno sola. Un abbraccio.

Resta single finché non trovi
una persona che ti fa sentire importante,
che spegne il telefono
quando è con te,
che non si preoccupa di ciò che
dicono gli altri,
che ti guarda negli occhi
quando gli parli,
che ti dimostra che sa ascoltare e
non solo sentire.
Resta single finché non trovi
una persona che
cucina per te con amore,
che ti parla di ciò che gli piace,
che non vede l’ora di arrivare da te
per raccontarti le sue giornate,
che vuole che sia tu la prima
a sapere le sue novità.
Resta single finché non trovi
la persona che
mollerebbe tutto pur di stare con te,
che non ha paura di rischiare,
che vuole starti accanto,
soprattutto quando ci sono
dei problemi da risolvere,
che ti dimostra di amarti davvero.
Resta single finché non trovi
quella persona
che ti scrive
“fammi sapere quando arrivi a casa, scrivimi”,
e rimane sveglio finché non gli scrivi.
Resta single finché non trovi
la persona che
ti presenterà con onore e
piacere alla sua famiglia,
che ti inviterà nelle grigliate estive con i parenti,
che non vedrà l'ora di trascorrere il Natale insieme a te e ai genitori.
Resta single finché non trovi
una persona in grado di chiederti scusa
quando sbaglia,
disposta a fare il primo passo
anche se non dovrebbe,
solo perché non sopporta l’idea
di stare senza di te
o non poterti parlare.
Resta single finché non trovi
una persona lungimirante,
che mantiene le promesse che fa,
che vuole includerti in tutte le sue attività
e che fa tanto affidamento
sul tuo parere,
tanto da cambiare i suoi piani.
Resta single finché non trovi
la persona che ti fa capire che
sei sempre al centro dei suoi pensieri,
anche quando lavora o
studia o
quando è in un posto meraviglioso senza te.
Resta single finché non trovi
una persona che è disposta ad insegnarti qualcosa e
che non vede l’ora di farlo.
Resta single finché non trovi
una persona che
vuole farti migliorare
in ciò che serve per te,
per la tua autostima,
per la tua crescita,
per il tuo orgoglio.
Resta single finché non trovi
una persona che correrebbe da te
anche alle quattro del mattino
solo perché glielo hai chiesto.
Resta single finché non incontri
davvero la persona
che vuole rimanere al tuo fianco
per sempre e continua a
dimostrartelo.
Resta single finché non trovi
la persona che
ti fa battere forte il cuore
ogni volta che la vedi
e che ti fa sentire sempre meglio.
Resta single finché non trovi
quella persona che ti fa camminare
dal lato sicuro
del marciapiede.
Resta single finché non trovi
quella persona
con cui faresti tutto,
anche ciò che non ti piace,
a condizione di stare con lui.
Resta single finché non trovi
una persona che non abbia paura
di sbandierare
in piazza
il suo amore per te.
Resta single finché non trovi una persona
che non cerca di cambiare lati
del tuo carattere.
Resta single finché non incontri quella persona
che senti di non voler lasciare
per nessun motivo.
Resta single finché non trovi
quella persona che ti porta
la colazione a letto
facendo un cuore
con dei biscotti.
Resta single finché non trovi
quella persona che non smetteresti
mai
di baciare.
Resta single finché non trovi
quella persona con cui smetti
di litigare e cerchi di risolvere
sempre le discussioni
a priori.
Resta single finché non trovi
quella persona con cui puoi parlare
di tutto e che ti parla
di tutto.
Resta single finché non trovi
quella persona che
ti fa notare
ciò che gli dà fastidio
senza tenersi le cose dentro.
Resta single finché non trovi
quella persona di cui ami
anche i difetti.
Resta single finché non trovi
quella persona che si ferma
a godere insieme a te
la brezza di vento che ti sfiora
la pelle durante
una passeggiata.
Resta single finché non trovi
quella persona che rimarrebbe
con te a guardare
le stelle per sempre.
Resta single finché non trovi
quella persona che
solo con un bacio nella fronte
ti migliora la giornata.
Resta single finché non trovi
quella persona che guarda
con te nella stessa direzione.
Resta single finché non trovi
quella persona che ti rende
meravigliosamente folle.
Resta single finché non trovi
quella persona che ogni giorno
non fa fatica a dimostrarti
il suo amore attraverso
i piccoli gesti;
perché non è una fatica,
è un piacere.
Fino ad allora,
resta single.
— 

GIULIA GHIRONI- (via @queitaglisuipolsisporchi) NON TOGLIETE LA FONTE, CI TENGO TANTO. SE PRENDI, SCRIVI SOTTO IL MIO NOME.✨ Seguimi su Instagram se ti va: @giuliaaghironi ✨


“Resta single finché non trovi quella persona che ti fa camminare dal lato sicuro del marciapiede.”

A volte, l'unica ragione per cui non lasci andare ciò che ti rende triste, è perchè è stata l'unica cosa capace di renderti felice.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
Capisce perché la gente si tiene per mano. Aveva sempre pensato che fosse questione di possessività, un modo per dire: “Questa è mia proprietà”. Invece è un modo per mantenere il contatto. Un modo di comunicare senza parole. Un modo per dire “Ti voglio con me” e “Non te ne andare”.
—  Cassandra Clare.

Lettera ai giovani scritta da un operatore del 118 all’ indomani della notte di San Lorenzo:

Cari giovani, perlopiù minorenni, che spesso avete più cultura di quanta ne avessimo noi, certamente più avvezzi alla tecnologia, sembrate più svegli e conoscete già i trucchi della vita mentre noi, alla vostra età, credevamo ancora nelle favole e non avevamo idea di cosa fosse un smartphone; conoscete già a menadito i segreti del sesso e lo praticate senza darci più di tanta importanza, mentre noi, al massimo, ci emozionavamo del bacio con la lingua; fate tardi la notte perché noi genitori non abbiamo più il coraggio di non allinearci a chi non stabilisce l’orario improrogabile per tornare a casa, mentre per noi era un traguardo, raramente raggiungibile, accompagnare la fidanzata all'orario concesso occasionalmente a Cenerentola.
Nonostante tutto quel che avete e che sapete, bevete fino a ubriacarvi, fino a svenire e a vomitarvi addosso, sul vostro volto angelico, sulle unghie variopinte e sui capelli vigorosi e spesso lo fate solo perché siete in compagnia, perché quando i vostri genitori sgomenti giungono al pronto soccorso ci assicurano che a casa non bevete mai nemmeno il vino. Fumate, come ho fumato anch’io, ma quando ho cominciato io, per mia sfortuna, l’ignoranza era tale che si pensava non facesse poi così male, si fumava ovunque, non ci crederete, anche nel cinema e nei film, nel ristorante, nel treno, perfino in ospedale e, siccome non si sapeva che il fumo, anche quello passivo, provocasse il cancro, si fumava anche in presenza di bambini e donne incinte, e noi a sedici anni non potevamo che fumare per sentirci grandi e far colpo sulle ragazze, per essere uomini veri, per seguire l’esempio.
Ma noi eravamo stupidi, non lo sapevamo, voi invece lo sapete, per voi è diverso, ed è questo che non riesco a comprendere, mi fa impazzire di rabbia; siete colti, avete la tecnologia sempre a portata di mano, finalmente abbiamo capito che fumare e bere porta inesorabilmente alla morte e, peraltro, in modo atroce eppure vengo a prendervi ubriachi, incoscienti, pieni di vomito, vuoti di dignità e i vostri amici, che sono un po’ meno ubriachi di voi, intanto che vi soccorro, mi fumano intorno con l’aria da donne e uomini vissuti, come se nulla di grave fosse accaduto. Vi porterei con me, almeno una volta, quando inietto la morfina per lenire appena un po’ il dolore, perché per i malati di cancro ai polmoni dopo tante piacevoli sigarette o al fegato dopo quelle sbronze in riva al mare mentre cadono le stelle o nei locali dove scriteriati vi versano da bere sebbene siate minorenni, non vi è più nulla da fare.
Tra l’altro mentre l’ambulanza del 118 si sta prendendo cura di voi ubriachi perché lo avete voluto, qualcuno potrebbe avere un infarto e dover attendere un’ambulanza proveniente da un’altra città, ma questo è un altro problema. Cambiate, correggete i nostri errori, oltre i vostri, siate voi le stelle, ma senza cadere. Stanotte (ieri l'altro, ndr) quando, più che le stelle, ho visto voi cadere ubriachi, incoscienti e immersi nel vostro vomito, voi che siete le nostre stelle migliori, ho espresso comunque un desiderio. Esauditelo.

—  Anonimo

Un anno fa rincontrai un ragazzo.
Uno di quelli da cui mamma ti dice di starci alla larga.
Uno bello,
un donnaiolo,
un testardo.

Non era più il bambino con cui giocavo a nascondino
anni e anni prima.

Dicevo,
rincontrai questo ragazzo.

Una come me,
con uno come lui…
Non trovo le parole.

Lui era bello,
spontaneo,
estroverso
ed io ero io.
Nonostante le voci che giravano
in giro nel mio paese,
decisi di frequentarlo ugualmente.
Inizialmente,
ero diffidente,
come se io e lui non ci conoscessimo.

insomma, non sono una che regala la propria fiducia al primo che mi ritrovo davanti.

Poi, però,
non so che è successo, ma qualcosa è cambiato. 

Era lui, che se mi sedevo distante, si avvicinava.
Se non lo volevo baciare, il bacio me lo rubava.
Che sapeva dire certe cose che…
Dannazione, quanto l’ho odiato. 
L’ho odiato quando mi guardava in un certo modo, sembrava innocente, sembrava che gli sorridessero gli occhi nel guardarmi.
L’ho odiato quando mi ha detto che ero sua. 
L’ho odiato quando mi ha dedicato canzoni, che adesso ho paura di ascoltare di nuovo.
L’ho odiato quando mi ha resa debole.
L’ho odiato quando non mi ha scritto, e quando invece poi l’ha fatto.

‘Ti penso sempre’ diceva.
L’ho odiato tante volte ed in tanti modi diversi.
Ma più di tutto ho odiato me stessa per non averci capito niente, quell'inverno.

Per essermi bevuta le sue parole, le sue promesse. 
‘Sei così orgogliosa’, diceva.
‘Quando si tratta di te, perdo sempre’, diceva.
‘Amo davvero, amo te, davvero’ diceva.

Ho creduto ai suoi occhi, ai suoi sorrisi. 
Mi sono odiata quando la gente mi mandava le foto di lui con un’altra.

Mi sono vergognata così tanto di me stessa, di aver provato sentimenti così forti per un’idiota, per una persona così falsa e meschina.

Mi sono odiata quando poi, ha scelto lei e ci sono rimasta di merda.

Quando mi diceva che lei non era nulla, mi rassicurava.

Non capivo perché.
Non capivo i suoi comportamenti.
Usciva con lei, ma fissava me. 
Mi chiamava, mi mandava messaggi.

Mi illudeva di essere qualcosa per lui.
Voleva che gli facessi vedere come si amava ‘veramente’ e l’ho fatto.
I miei insegnamenti, però, li ha usati con lei.

Alla fine è stata una cosa che non ho mai accettato.
Non so come, non so perché, ma ruppe qualsiasi legame o contatto con me.
Neanche un saluto.

Nonostante continuasse a fissarmi.
Nonostante i miei sentimenti, ruppe quel legame.
E io dovetti solo andare avanti.

Quel ragazzo mi insegnò quanto la gente potesse recitare bene, apparire sincera.
Da allora fatico ancora di più ad aprirmi
a fidarmi.

Scrissi tanti post, dedicandoglieli.
Alcuni dolci, altri feriti.
Li avevo resi privati lo scorso anno, ma questa sera sono andata a rileggerli.


Un anno fa, durante una sera fredda d'inverno, rincontrai un ragazzo, ma lui non rincontrò mai me.

—  Giulia Ghironi.
- (via @queitaglisuipolsisporchi) Se prendi le mie frasi taggami o aggiungi il mio nome, non costa nulla!🙅