教会の見えるチャペルの鐘展望公園

Ho sbagliato.
Non sono riuscita ad amarti nel modo in cui volevi, nel modo di cui avevi bisogno.
Volevi attenzioni che non ti davo, parole che non dicevo.
Sono riuscita a distruggere quel piccolo pezzo di fiducia che ancora riservavi in me. Ora è troppo tardi.
Non sono mai riuscita a dirti di essere innamorata di te, t'ho detto “ti amo”, quella piccola parolina che oramai viene usata come gioco.
Ma mai, Mai. Sono riuscita a dimostrarti quanto mi facessi innamorare ogni giorno che passava.
Ho completamente perso la testa per te, ma ora l'unica cosa che ho perso sei proprio tu.
—  Raggio-di-luce-in-una-tempesta.

Se state per confrontarvi con qualcuno e avete il sospetto che quel qualcuno possa essere migliore di voi, cercate almeno di accertarvi che abbia qualche anno in più di voi, così potrete rifugiarvi nella speranza che a quell'età sarete anche voi come lui o lei, altrimenti preparatevi a precipitare nell'oblio della disperazione e dell’inadeguatezza.

Quando ci pensavo sentivo una mancanza, non mi mancavano quei momenti, mi mancavano i due che eravamo stati, che non siamo più stati capaci di essere. Così leggeri e semplicemente felici.
—  Fabio Volo
Qualcosa di profondo è cambiato all'interno di me. Non era il cuore, non era la mente. Dentro di me si era creato uno spazio nuovo che prima non esisteva. In quello spazio c'era un vuoto. Un vuoto inquieto, assetato, che richiedeva una presenza.
E quella presenza eri tu.
—  Susanna Tamaro
Se qualcuno mi avesse chiesto da dove arrivasse la mia sicurezza, perché proprio lei, non avrei saputo cosa dire. Non ne conoscevo il motivo, non lo sapevo, forse non l'avevo mai saputo.
L'unica certezza era che non avrei potuto scegliere nessun'altra. Era lei. Punto.
Dal momento in cui l'avevo incontrata era stato come se qualcosa avesse iniziato a parlarmi per la prima volta, qualcosa di profondo. Sembrava la risposta a una domanda che portavo dentro e non conoscevo. Una risposta nuova. La mia.
Da subito avevo avuto la sensazione che lei mi fosse indispensabile, che fosse indispensabile alla mia vita, anche più di me stesso. Non avrei più dovuto cercare altrove. Sentivo che con lei avrei rischiato, senza sapere esattamente cosa.
Non era la persona perfetta con cui mi sarei incastrato senza sforzi, a quella cosa non avevo mai creduto. Era un'appartenenza, andava al di là di noi, della nostra consapevolezza. Qualcosa di lei era già dentro di me, prima ancora di incontrarla.
—  Fabio Volo