Giuseppe Pellizza da Volpedo (Volpedo 1868 – 1907)

Il quarto stato

1901, Milano, Museo del Novecento

olio su tela, cm293 x 545

-

Oggi siccome che è Primo Maggio Festa dii Lavoratori famo un quadro famoso che parla popo de questo, e se intitola Er Quarto Stato.

Er quarto stato nun è quello in cui te riduci te dopo na serata in discoteca, bensì sarebbe uno dii strati in cui un tempo se usava divide ‘a società: che er primo – che mo nun ce sta più - sarebbe ‘a nobirtà, che ce devi nasce, e ciai tipo ‘e tere e pure un titolo, tipo barone, marchese, principe, così; er seconno sarebbe er clero, ossia li preti; e er terzo sarebbe tutto er resto, ossia er popolo, che in origine comprenneva n’ammischio de borghesi, commercianti, contadini, operai, artigiani e così via. Ma qui sto terzo stato se divide in due, che ‘a borghesia sta un po’ più su, che cianno quarcosa, tipo n’attività, un negozio, un posto fisso, du sordi; e invece er quarto e urtimo stato nun cià popo na mazza, e siccome l’unica cosa che cià in abbondanza sò li fiji, se chiama anche “proletariato”.

All’epoca de sto quadro, grazie ar socialismo finarmente pure ‘a gente de curtura nonché l’artisti inizieno a dà attenzione ai poveracci, nun solo come soggetto pittoresco dii romanzi oppure dii quadri detti “de genere”, tipo “anvedi che simpatici sti contadini che viveno in campagna, bello, beati loro, a contatto caa natura, e pure l’operai, bravi, sì magari sò persone semprici ma tanto vere, vabbè Ambrogio, rimonta in machina e annamo che ae sette ciò er torneo de brigge cor commendatore”; ma se cominceno a considerà come soggetto de diritti e de rivendicazioni politiche.

Er sor Giuseppe qua, ad esempio, pensava che l’arte deve da perseguì un dovere sociale, tipo de denuncia, o no scopo educativo pee masse. Che se uno ‘a pensa così, tanto de cappello, giusto: anche se devi sempre stà attento a nun fà un quadro de denuncia brutto. Ossia: si come artista dici na cosa giusta ma ‘a dici male, hai detto na cosa giusta, ma nun sei un bravo artista. Magari dovevi fà er politico. Cioè, parla de quello che te pare, basta che ‘o fai come arte comanna.

Ma tornamo a noi. L’autore, che era fijo de contadini puro lui, ‘o descrive così sto quadro: “L’avanzasse animato de un gruppo de lavoratori verso ‘a sorgente luminosa simboleggiante naa mente mia tutta ‘a granne famijia dii figli der lavoro”. Vedi che sti proletari sò in sciopero, e i due che avanzeno sò quelli designati pe parlà chii padroni (oggi sarebbe ‘a delegazione dii sindacati… vabbè); e ‘a donna, che forse è ‘a moje der pittore, tiene in braccio un regazzino e cor braccio libbero fa un gesto come dì “anvedi come stamo” (che oggi nun ce l’avrebbe più libero quer braccio perché lavorerebbe puro lei e quinni da na parte er pupo e dall’antra starebbe a controllà ‘e mail de lavoro o a risponne ar telefono).

E nun se scordamo che na vorta l’idea de diritti uguali pe tutti nun era così chiara; e i ricchi e i signori ‘i schifaveno parecchio i lavoratori, e pure er lavoro manuale, anfatti loro noo faceveno mai. E pure oggi tocca sempre stà attenti a quelli che lavoreno intorno a noi, magari in condizioni disagiate e ingiuste, e sò quasi invisibbili; e magari lavoreno puro de primo maggio, tipo l’autisti daa metro, i giornalisti der TG, i viggili, i medici de turno, ‘e badanti, i camerieri, ‘e guide turistiche, i venditori de fave e pecorino, quelli che smonteno er palco der concertone a San Giovanni, e così via. A questi e queste, e soprattutto a chi invece er lavoro l’ha perso o nun lo riesce a trovà, je famo li mejo auguri. Buon Primo Maggio.

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video