Nat&Clint [closed]

Natasha was sitting in her room, going over the files from her last mission. It had been fairly easy, nothing she couldn’t handle. She’d walked away with a few bumps and bruises, and a ton of data that Shield could use. It had taken longer than expected though, and now she was back for the first time in almost a month. She looked up when her bedroom door opened, hoping to see a certain person’s face.

  • Lamentations of Jeremiah I
  • The Tallis Scholars
  • Lamenta
Play

Another setting of the Lamentations of Jeremiah, this time by Thomas Tallis. His complex and extensive imitation in this setting shows him at the peak of his contrapuntal skill. The way that he uses the full choir as an effect, as in “Facta est quasi vidua” “She is made like a widow” at (2:33) and the effect of the stretto on “vidua” is very powerful. The short fugue on “beth” (3:57) is notable as for the long sustained note in the soprano line, which carries the music from the destruction and casting out of the first verse to the tears and sorrow of the second. The soprano entrance of “Plorans ploravit in nocte” “She weeps bitterly in the night” is heart wrenching. The final call and response refrain of “Jerusalem, convertere ad dominum tuum” calls out to the faithful with such pity, and the way that the final cadence just floats recalls the ascendance of the spirit beyond sin. Truly angelic!

Sung by the inimitable Tallis Scholars, directed by Peter Phillips

Quivirae Regnum, cum aliis versus Boream

Erscheinungsjahr: 1593

Erscheinungsort: [Antwerpen]

Verlag: [Vidua et Heredus Gerardi de Iudaeis]

Kollektionen: Sibirica

A Riva Valdobbia inaugurata "Cullando un sogno": la mostra itinerante di Albina Dealessi e Nadia Presotto

l Sindaco Dott. Massimo Gabbio ha inaugurato sabato 9 agosto alle ore 21.00 la mostra di pittura “Cullando un sogno”, con due artiste residenti in Conzano (AL) : Albina Dealessi e Nadia Presotto, allestita nello spazio espotivio del Teatro Comunale.
“Cullando un Sogno” è una mostra itinerante che approda a Riva Valdobbia, borgo ai piedi del Monte Rosa, nello spazio espositivo del Teatro Comunale, dopo la tappa 2013 a Conzano nella prestigiosa Villa Vidua, nel 2012 presso il Goethe Institut di Friburgo in Germania e quelle precedenti di Lu Monferrato (Spazio La Nisolina e Museo San Giacomo), Biella presso lo Spazio gelsoMerlino, Alessandria- Museo Etnografico, Villa Serra di Sant’Olcese (GE), Calcagno Art Studio di Venezia, in concomitanza con la 54° Biennale.
Le due artiste presentano i loro ultimi lavori, realizzati con i colori ad olio che trasportano il visitatore in un viaggio fantastico tra i paesaggi dell’ anima e astrazioni intelligibili.
Nelle tele di Albina Dealessi il colore, spesso come vuole la spatola ed intenso per il piacere della materia, crea sovrapposizioni che rimandano ad immagini di irreali paesaggi, nei quali il cielo e la terra che si incontrano con l’ acqua, emergono ovunque ed il confine tra le forme e le ombre è sempre più distante. Nadia Presotto, ideatrice del progetto artistico, presenta paesaggi nati dall’ unione tra il linguaggio figurativo e quello astratto. Con il suo lavoro tende a superare la comune interpretazione di paesaggio e con l’ azione artistica si colloca fuori dagli schemi tradizionali. Le opere in mostra sono una sua personale interpretazione del Monte Rosa, giocate sui colori rosa, bianco e grigio, particolarmente apprezzate.
Le due artiste hanno partecipato, oltre alla mostra itinerante “Cullando un Sogno” a numerose rassegne espositive in varie città italiane (Venezia, Torino, Genova, Milano, Roma, Messina, Casale M.to, Reggio Emilia, Padova…) e estere (Londra, Friburgo, S. Paul de Vence). Sono state presenti alla rassegna torinese della 54° biennale di Venezia, all’ interno di Padiglione Tibet; le loro opere sono pubblicate in numerosi cataloghi.
La mostra gode del Patrocinio del Comune di Riva Valdobbia (VC).

Informazioni utili: “Cullando Un Sogno” – bipersonale Albina Dealessi e Nadia Presotto – Spazio espositivo del Teatro Comunale di Riva Valdobbia (VC) – tel. 0163.91022 – dal 9 al 17 agosto 2014 – Orario dalle 16 alle 19 – Ingresso libero. http://dlvr.it/6ZnWjg

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video