sogno 307

sognato di trovarmi nella città di Berlino, in compagnia di alcuni vecchi amici. Percorrevamo a gran velocità una roggia, su un mezzo che sapevo essere il loro sistema di metropolitana acquatica. Un po’ intimorita dalla modalità di trasporto, mi lasciavo tuttavia incantare dal paesaggio intorno: abitazioni, che pensavo di pescatori, galleggiavano sull’acqua e la loro forma, lontana dallo stile europeo, mi induceva a pensare fossero appartenenti a comunità di immigrati.

Poco dopo ci sedevamo nel sottopassaggio della metropolitano, dove avvertivo un tanfo disgustoso, e quando chiedevo ai miei amici il perché di quella scelta mi rispondevano: “Pensano tutti che Berlino sia una bella città, finché non si accorgono che viste due, tre cose, poi non rimane nulla, tanto vale stare qua”.

Ricordo, infine, con vaghezza che mi sarei dovuta trasferire su un’abitazione che sovrastava un promontorio, “come la casa Belvedere, di Cagliari”, pensavo: “da qui vedrò moltissime cose, chissà che non si possa costruire un piano sopra”, finché pensavo “no, non si può costruire niente, è troppo rischioso, da quell’impalcatura cadranno e moriranno gli operai, “.

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video