Il tempo scorreva come se stesse facendo la maratona.
Gli alberi erano ormai tutti spogli e l’inverno arrivava sotto forma di periodi di pioggia e venti violenti da poterti spazzare via.

Era l’ora di ginnastica, il che significava per noi ragazze, pallavolo.
Era lo sport che più odiavo.
Non riuscivo a prendere la palla nemmeno se me l’avessero tirata a rallentatore.
Mi misi la tuta e andai in palestra.
Era gigantesca, sicuramente in tutto quel spazio non mi avrebbero di certo potuta colpire, pensai.
Sbagliai di grosso.
Già durante il primo tempo mi colpirono in piena faccia.
Era una schiacciata così forte che caddi a terra e rimasi incosciente per qualche minuto.
“Abby!” Continuarono a chiamarmi ma li sentivo così distanti che alla fine diventò tutto buio.
Una presa molto

Mi svegliai con un forte mal di stessa, distesa in un morbido letto.
Mano a mano cominciò a diventare tutto più nitido.
Ero nell’infermeria della scuola.
“Ti sei svegliata finalmente.” Disse qualcuno accanto a me.
Mi voltai e vidi un paio d’occhi verdi mi fissavano seri.
George.
“Cos’è successo?” Chiesi confusa.
“Hai preso una pallonata in faccia e sei svenuta.”
“La professoressa?”
“Mi ha chiesto di accompagnarti.”
Ritornai a fissare il soffitto.
“Grazie.” Dissi con voce roca.
“Stai più attenta la prossima volta, hai fatto preoccupare tutti.”
“Ptf, chi si è preoccupato a parte Marianne?”
“James.”
Rimasi sorpresa da quella risposta.
“Voleva portarti lui in infermeria ma la professoressa ha preferito che ti portassi io.” Spiegò.
“Grazie.”
“Cosa c’è in realtà tra te e quel Hood?” Chiese poi.
“Nulla, siamo solo amici, o per lo meno, lo eravamo.
Sono due mesi che non ci parliamo.”
“Per quello che è successo in mensa?”
“Anche.”
Rise.
“Non c’è nulla di divertente.”Affermai scocciata.
Smise, e calò di nuovo il silenzio.
“Abby…” Disse.
“Mh?” Mi voltai verso di lui.
Fu un bacio inaspettato quello che mi diede.
Rimasi così sorpresa che non riuscivo nemmeno a muovermi.
Passarono alcuni secondi prima che mi svegliassi e lo spingessi via.
“Che cazzo fai?” Urlai, arrabbiatissima.
Mi aveva appena rubato il primo bacio, quel coglione mi aveva appena rubato…
Rimasi sconvolta.
“Sei un imbecille o cosa?”
“Ti ho solo dato un bacio, mi ti ho violentato.” Rispose in sua difesa. “Non dirmi che…”
Il primo bacio, quello che avevo programmato di dare alla persona che più amavo.
Avrebbe dovuto essere il bacio più romantico del secolo.
Durante un tramonto, al mare, dopo che esserci scambiati le nostre promesse di amore eterno… Okay, non così sdolcinato, ma speravo almeno di darlo alla persona amavo e ora.. Ora non l’avrei più potuto fare.
“Mi dispiace…” Disse lui.
“Il fatto che ti dispiaccia non potrà rimandi il bacio che ti sei preso.” Dissi, in un mare di lacrime.
“Vattene!” Urlai.
“Okay, ma voglio che tu sappia che non ti ho baciata solo perché mi andava, voglio dire, sì, era anche in parte per quello, ma era sopratutto perché mi piaci, Abby.”
Quelle parole mi sconvolsero ancor di più.
Uscì dalla stanza e mi lasciò sola.

Ero distrutta.
Potevo pure sembrare un po infantile, ma per me, quel bacio valeva tanto.
Così, da un giorno all’altro, senza nessun preavviso, me lo avevano rubato.
Uscì dall’infermeria con gli occhi gonfi.
Incontrai Mari mentre stavo camminando nel corridoio. “Dio Abby, ma che cazzo ti è successo?”
“Nulla, è solo, non lo so, è solo che…” Risposi sull’orlo scoppiare a piangere.
“Senti, o me lo dici o me lo dici, non hai alternative.”
“George, mi ha baciata.” Dissi con un filo di voce, così silenziosamente che sembrava non stessi dicendo nulla.
“Che cazzo ha fatto quel figlio di puttana?” Urlò qualcuno dietro di me.
Mi girai di scatto e vidi James proprio dietro di me.
“James…”
Era così arrabbiato, che non sembrava nemmeno lui.
Corse via, e in pochi secondi sparì dalla mia vista.
Gli andai dietro, avrebbe sicuramente fatto una cazzata.

Arrivai in palestra appena in tempo per vedere James che dava un pugno a George.
“Oh, ma che cazzo fai?” Urlò George, avventandosi su di lui.
In pochi istanti successe il putiferio.
Continuavano ad azzuffarsi e la professoressa non c’era.
“Fermatevi!” Gridai disperata.
Corsi verso di loro e mi misi in mezzo.
“Smettetela cazzo!”
“Questo bastardo ti ha baciata!” Disse James, fuori di sé.
“Senti amico, non è mica la tua ragazza! Mettitelo in testa” Ribatté George.
James stava di nuovo per avventarsi contro di lui quando finalmente arrivo la docente.

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso
Ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento
Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto
vorrei poter colmare il vuoto dentro,
vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome,
ma non ho paura del giudizio di queste persone,
ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura
tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,
poi chiuso al cesso a fumarmi la kryptonite
con te che inizi a sbattere,
io che ti grido vattene
non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere.
Mi porto addosso cicatrici e tagli 
e la mia vita è una fiction, una serie di sbagli.
E un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume,
il vero supereroe è quello sotto il costume, 
toglimi ‘sta maschera, fallo con le tue mani, 
poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te lo aspettavi..
che ero io,ero io..

Watch on parapiglia.tumblr.com

Ora ti spiego perché…

…ho alzato la voce dicendoti di mettere sta cazzo di mano davanti alla bocca.

Slow Motion Sneezing (by PimpLeon520)

Supereroi falliti

Mostro:
Io sono un fallimento straordinario,
scusate ma mi merito un applauso.
Ti ho portata in alto credendo di saper volare,
mentre precipitiamo me ne pento,
vorrei poter fermare il tempo,
so che ti piacciono le foto;
vorrei poter colmare il vuoto dentro;
vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore 
per evitare le stronzate che sparano sul mio nome, 
ma non ho paura del giudizio di queste persone.
Ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura,
tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,
poi chiuso al cesso a fumarmi la kriptonite con te,
che inizi a sbattere, 
io che ti dico “Vattene,
non ho tempo per salvarti, ho un mostro da combattere!” 
Mi porto addosso cicatrici e tagli,
e la mia vita è una fiction: una serie di sbagli.
Un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume, 
il vero supereroe è quello sotto il costume.
Toglimi ‘sta maschera, fallo con le tue mani,
poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te lo aspettavi.

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità,
siamo così soli per la nostra età.
Stanco di combattere per l’umanità,
adesso penso a noi e alla nostra felicità.
Io non posso prometterti che ti salverò,
ma giuro, puoi scommetterci, che ci proverò.
Sono un perdente e tu sei tutto quello che ho,
comunque vada, non aver paura: io ci sarò.

LowLow:
Questa gente crede che siamo speciali,
come se fossimo estranei ai problemi dei mortali.
Io vorrei salvarti ma non mi è concesso:
sono troppo egoista, piango solo per me stesso.
Ma se potessi volare,camminare in aria,
con un salto coprirei la distanza che ci separa.
E se potessi disegnare il futuro userei un colore,
la speranza, quella di farsi una vita migliore.
Se tu avessi il potere di guardare nelle persone,
mi guarderesti dentro, vedresti che non ho un cuore.
Baby, tu grida il mio nome fino alla disperazione,
fino a che crolli sul letto senza più un filo di voce.
Io verrò a salvarti, non andartene,
anche se piove grandine,
il nostro mondo che va a fondo come Atlantide.
Vorrei toccarti, imparare a fidarmi,
strapparmi il costume poi confondermi con gli altri.
Questa è la cosa più vera che abbia mai scritto,
tienila per te, ora è solo tua come se io non l’avessi mai scritto.
E’ il momento perfetto,
dito sul grilletto,
il cuore che batte e gli occhi di uno spettro,
prima di farlo leggi il mio biglietto: “scusa per il sangue…”

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità,
siamo così soli per la nostra età.
Stanco di combattere per l’umanità,
adesso penso a noi e alla nostra felicità.
Io non posso prometterti che ti salverò,
ma giuro, puoi scommetterci, che ci proverò.
Sono un perdente e tu sei tutto quello che ho,
comunque vada, non aver paura: io ci sarò.

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità,
siamo così soli per la nostra età.
Stanco di combattere per l’umanità,
adesso penso a noi e alla nostra felicità.
Io non posso prometterti che ti salverò,
ma giuro, puoi scommetterci, che ci proverò.
Sono un perdente e tu sei tutto quello che ho,
comunque vada, non aver paura: io ci sarò.

Supereroi falliti🎀

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso.
Ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento.
Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto
vorrei poter colmare il vuoto dentro,
vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome,
ma non ho paura del giudizio di queste persone,
ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura
tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,
poi chiuso al cesso a fumarmi la kryptonite
con te che inizi a sbattere,
io che ti grido vattene
non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere.
Mi porto addosso cicatrici e tagli
e la mia vita è una fiction, una serie di sbagli.
E un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume,
il vero supereroe è quello sotto il costume,
toglimi ‘sta maschera, fallo con le tue mani,
poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te lo aspettavi.
che ero io, ero io.


Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Questa gente crede che siamo speciali
come se fossimo estranei ai problemi dei mortali
io vorrei salvarti ma non mi è concesso
sono troppo egoista, piango solo per me stesso.
Ma se potessi volare, camminare in aria,
con un salto coprirei la distanza che ci separa
E se potessi disegnare il futuro userei un colore,
la speranza, quella di farsi una vita migliore.
Se tu avessi il potere di guardare nelle persone
mi guarderesti dentro, vedresti che non ho un cuore.
Baby tu grida il mio nome fino alla disperazione,
fino a che crolli sul letto senza più un filo di voce.
Io verrò a salvarti, non andartene,
anche se piove grandine,
il nostro mondo che va a fondo come Atlantide.
Vorrei toccarti, imparare a fidarmi
strapparmi il costume poi confondermi con gli altri.
Questa è la cosa più vera che abbia mai scritto
tienila per te, ora è solo tua come se io non l’avessi mai scritto,
è il momento perfetto
dito sul grilletto
il cuore che batte e gli occhi di uno spettro,
prima di farlo leggi il mio biglietto, scusa per il sangue.

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho comunque vada non aver paura io ci sarò.

Io non lo so cosa mi è preso. È successo tutto troppo in fretta, senza neanche rendermene conto. Sentivo qualcosa dentro me, avvertivo una strana sensazione non appena ho incrociato il suo sguardo. E con il passare del tempo, tutto diventava sempre più intenso. Quando i nostri occhi si scontravano, non riuscivo più a capire cosa stesse succedendo intorno a me, come se dimenticassi il resto, come se quella scena la vivessi a rallentatore, eppure avveniva tutto in pochi secondi, ma quei momenti..a me sembravano un’eternità; e il mio cuore..il mio cuore batteva più forte del solito, avevo la sensazione che stesse per scoppiare; e le mie mani..le mie mani tremavano, insieme alle gambe! Cercavo di sfuggire a quello sguardo ma era più forte di me. Così rimanevo imbambolata e sono sicura che avrà capito, perchè me lo si leggeva in faccia, non riuscivo a nasconderlo, ci ho provato, ma ho fallito per la prima volta, era qualcosa più grande di me e non sono mai riuscita a controllarlo.

Migliore amico che parte per la Cina x un anno e mezzo, comitiva di vecchi amici che non vedevi da una vita e nel frattempo hanno avuto tutti grandi cambiamenti, e in sottofondo il pianobar che suona “Wish you were here” ed “Hotel California”. Sembra di stare in quei film dove il protagonista si muove al rallentatore mentre il mondo attorno a lui avanza a velocità doppia.

Supereroi falliti
  • Supereroi falliti
  • Low-Low & Mostro
  • Scusate per il sangue
Play

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso/
Ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento/
Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto/
vorrei poter colmare il vuoto dentro,/
vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome,/ 
ma non ho paura del giudizio di queste persone,/ 
ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura/
tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,/ 
poi chiuso al cesso a fumarmi la kryptonite/
con te che inizi a sbattere,/ 
io che ti grido vattene/
non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere./
Mi porto addosso cicatrici e tagli/ 
e la mia vita è una fiction, una serie di sbagli./
E un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume,/
il vero supereroe è quello sotto il costume,/ 
toglimi ‘sta maschera, fallo con le tue mani,/ 
poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te lo aspettavi../ 
che ero io,ero io../ 

RIT: Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età/
stanco di combattere per l’umanità/ 
adesso penso a noi e alla nostra felicità/
io non posso prometterti che ti salverò/
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò/
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho/
comunque vada non aver paura io ci sarò./

Questa gente crede che siamo speciali/ 
come se fossimo estranei ai problemi dei mortali/
io vorrei salvarti ma non mi è concesso/
sono troppo egoista, piango solo per me stesso./
Ma se potessi volare,camminare in aria,/ 
con un salto coprirei la distanza che ci separa/
E se potessi disegnare il futuro userei un colore,/
la speranza, quella di farsi una vita migliore./
Se tu avessi il potere di guardare nelle persone/
mi guarderesti dentro, vedresti che non ho un cuore./
Baby tu grida il mio nome fino alla disperazione,/
fino a che crolli sul letto senza più un filo di voce./
Io verrò a salvarti, non andartene,/
anche se piove grandine,/
il nostro mondo che va a fondo come Atlantide./
Vorrei toccarti, imparare a fidarmi/
strapparmi il costume poi confondermi con gli altri./
Questa è la cosa più vera che abbia mai scritto/
tienila per te, ora è solo tua come se io non l’avessi mai scritto,/
è il momento perfetto/
dito sul grilletto/
il cuore che batte e gli occhi di uno spettro,/
prima di farlo leggi il mio biglietto, scusa per il sangue../

RIT:(x2) Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età/
stanco di combattere per l’umanità/ 
adesso penso a noi e alla nostra felicità/
io non posso prometterti che ti salverò/
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò/
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho/
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso, ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento. Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto, vorrei poter colmare il vuoto dentro, vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome io non ho paura del giudizio di queste persone, ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura tu mi hai visto superare sfide, salvare vite poi chiuso al cesso a fumarmi la Kryptonite con te che inizi a sbattere io che ti grido vattene, non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere, mi porto addosso cicatrici e tagli e la mia vita e’ una fiction una serie di sbagli. Un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume, il vero supereroe e’ quello sotto il costume. Toglimi sta maschera fallo con le tue mani poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te l’ho aspettavi.
—  Supereroi falliti.
Supereroi falliti.

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso, ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento. Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto, vorrei poter colmare il vuoto dentro, vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome io non ho paura del giudizio di queste persone, ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura tu mi hai visto superare sfide, salvare vite poi chiuso al cesso a fumarmi la Kryptonite con te che inizi a sbattere io che ti grido vattene, non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere, mi porto addosso cicatrici e tagli e la mia vita e’ una fiction una serie di sbagli. Un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume, il vero supereroe e’ quello sotto il costume. Toglimi sta maschera fallo con le tue mani poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te l’ho aspettavi.

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso.Ti ho portata in alto credendo di saper volare,mentre precipitiamo me ne pento.Vorrei poter fermare il tempo,so che ti piacciono le foto,vorrei poter colmare il vuoto dentro,vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome.Ma non ho paura del giudizio di queste persone,ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura.
Tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,
poi chiuso al cesso a fumarmi la kryptonite.
—  Supereroi falliti,Mostro & LowLow
Supereroi falliti

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso.
Ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento.
Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto
vorrei poter colmare il vuoto dentro,
vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome,
ma non ho paura del giudizio di queste persone,
ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura
tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,
poi chiuso al cesso a fumarmi la kryptonite
con te che inizi a sbattere,
io che ti grido vattene
non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere.
Mi porto addosso cicatrici e tagli
e la mia vita è una fiction, una serie di sbagli.
E un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume,
il vero supereroe è quello sotto il costume,
toglimi ‘sta maschera, fallo con le tue mani,
poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te lo aspettavi..
che ero io,ero io..

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Questa gente crede che siamo speciali
come se fossimo estranei ai problemi dei mortali
io vorrei salvarti ma non mi è concesso
sono troppo egoista, piango solo per me stesso.
Ma se potessi volare,camminare in aria,
con un salto coprirei la distanza che ci separa
E se potessi disegnare il futuro userei un colore,
la speranza, quella di farsi una vita migliore.
Se tu avessi il potere di guardare nelle persone
mi guarderesti dentro, vedresti che non ho un cuore.
Baby tu grida il mio nome fino alla disperazione,
fino a che crolli sul letto senza più un filo di voce.
Io verrò a salvarti, non andartene,
anche se piove grandine,
il nostro mondo che va a fondo come Atlantide.
Vorrei toccarti, imparare a fidarmi
strapparmi il costume poi confondermi con gli altri.
Questa è la cosa più vera che abbia mai scritto
tienila per te, ora è solo tua come se io non l’avessi mai scritto,
è il momento perfetto
dito sul grilletto
il cuore che batte e gli occhi di uno spettro,
prima di farlo leggi il mio biglietto, scusa per il sangue.

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome,
ma non ho paura del giudizio di queste persone,
ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura.
—  Lowlow ft. Mostro
Supereroi falliti

Io sono un fallimento straordinario, scusate ma mi merito un applauso.
Ti ho portata in alto credendo di saper volare, mentre precipitiamo me ne pento.
Vorrei poter fermare il tempo, so che ti piacciono le foto
vorrei poter colmare il vuoto dentro,
vorrei poter mandare i proiettili a rallentatore per evitare le stronzate che sparano sul mio nome,
ma non ho paura del giudizio di queste persone,
ho fatto dell’autodistruzione la mia armatura
tu mi hai visto superare sfide, salvare vite,
poi chiuso al cesso a fumarmi la kryptonite
con te che inizi a sbattere,
io che ti grido vattene
non ho tempo per salvarti ho un mostro da combattere.
Mi porto addosso cicatrici e tagli
e la mia vita è una fiction, una serie di sbagli.
E un cigno nero resta tale anche se gli strappano le piume,
il vero supereroe è quello sotto il costume,
toglimi ‘sta maschera, fallo con le tue mani,
poi guardami dentro agli occhi e dimmi se te lo aspettavi..
che ero io,ero io..

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Questa gente crede che siamo speciali
come se fossimo estranei ai problemi dei mortali
io vorrei salvarti ma non mi è concesso
sono troppo egoista, piango solo per me stesso.
Ma se potessi volare,camminare in aria,
con un salto coprirei la distanza che ci separa
E se potessi disegnare il futuro userei un colore,
la speranza, quella di farsi una vita migliore.
Se tu avessi il potere di guardare nelle persone
mi guarderesti dentro, vedresti che non ho un cuore.
Baby tu grida il mio nome fino alla disperazione,
fino a che crolli sul letto senza più un filo di voce.
Io verrò a salvarti, non andartene,
anche se piove grandine,
il nostro mondo che va a fondo come Atlantide.
Vorrei toccarti, imparare a fidarmi
strapparmi il costume poi confondermi con gli altri.
Questa è la cosa più vera che abbia mai scritto
tienila per te, ora è solo tua come se io non l’avessi mai scritto,
è il momento perfetto
dito sul grilletto
il cuore che batte e gli occhi di uno spettro,
prima di farlo leggi il mio biglietto, scusa per il sangue..

Nato e cresciuto in mezzo all’oscurità, siamo così soli per la nostra età
stanco di combattere per l’umanità
adesso penso a noi e alla nostra felicità
io non posso prometterti che ti salverò
ma giuro puoi scommetterci che ci proverò
sono un perdente e tu sei tutto quello che ho
comunque vada non aver paura io ci sarò.

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video