E a verdade é que eu vou deixando pedaços de mim por ai. E guardo pedaços dos outros em mim. Eu nunca fui boa em me despedir, em partir ou deixar que partisse. Uma vez meu, tem que ser meu pra sempre, nem que eu me agarre a fotos antigas e lembranças escassas. E isso me dói, me cansa. Esse amontoado de sentimentos, pensamentos, amores e desamores que se acumula no meu peito. Essa constante sensação de que algo me falta, um vazio existencial que nunca é preenchido. Eu sinto falta daquela amiga que se perdeu no tempo, do meu primeiro cachorro, da minha professa da terceira série, daquela cidadezinha que nunca mais visitei. E pô, acima de tudo, eu sinto falta de você. Quando eu começo a pensar em algo, quando eu escuto uma música, ao ler um texto, ao ver um filme, você sempre me vem na cabeça. E essa saudade com cara de insana nostalgia se apossa do meu peito, num aperto sem medidas nem tamanhos. Pra falar a verdade, eu sou feita de saudades, se existisse um raio-x emocional daria pra ver que eu sou 100% saudade, até mesmo o amor que eu sinto vem acompanhado de saudade. Eu me sinto sufocada com tudo isso, com tudo que eu não disse, com tudo que eu não fiz. Eu queria jogar tudo pro alto e ir atras de você, mas me falta coragem. E não tem um dia se quer que eu não me arrependa de não ter feito as coisas direito então todos os dias eu fico com esse maldito sentimento dentro de mim, e sinceramente eu não sei se um dia vai passar, eu queria ter vivido tudo com mais intensidade com mais emoção, com mais amor quem sabe assim eu não sofreria tanto. Bem agora não adianta nada me lamentar por algo que não tem mais jeito. Eu não culpo ninguém apenas a mim e agora eu convivo com isso pra sempre. Eu queria poder me reconstruir sem as partes que deixei pra trás, deixando a vontade insana de ir atrás de ti e todas as partículas de saudade que tenho de tudo e todos guardadas em mim. Mas a verdade é que isso não é fácil, e meu emocional totalmente afetado pela saudade não me deixa nem ao menos tentar. Saudade de tanta coisa que não tem mais espaço nem pra respirar. Saudades de mim mesma e de um amor que foi perdido. Ah, se houvesse uma maneira de me reconfigurar sem as lembranças que insistem em atormentar minha mente, pode apostar que eu seria a primeira a utilizar. Mas infelizmente isso está fora de cogitação, não é mesmo?! Por que eu estou no fundo do poço pela minha culpa, somente por ela. Quem mandou eu resolver me entregar de corpo e alma a pessoas que não sabem fazer o mesmo? Ninguém além de mim. Por isso, sinto que vou ficar eternamente estacionada nessa situação, cheia de saudades, colecionando partículas de amores perdidos e perdendo cada dia mais a mim mesma.
—  Escrito por Laís, Isabelle, Laura e Ana Laura em Julieta-s.
2

[I HAVE NO BODY AND I MUST L_VE] - absence of the heart or absence of the brain…

the rentals - the love i’m searching for / yoni wolf - cold lunch (twisted intro) / jj doom - bookhead / professa - goodnight [bump] / divorcee - snakes and oysters / rob scallon - run on sentences / alvvays - atop a cake / grace jones - me! i disconnect from you / yacht - i’ll be your mirror / words from buckminster fuller / david byrne - like humans do / sufjan stevens - i want to be well / disconscious - mattress store / akron/family - don’t be afraid, you’re already dead

[listen here]

grxyson said:

I'm genuinely curious about your headcanons with Crane and Harley!! Can you tell me about em?

oh oH OKAY OKAY OKAY

(this is getting published bc there’s tons and tons and they’re actually really relevant to this blog)

their relationship is very much a father/daughter or teacher/student dynamic; pretty much from the moment they met Jonathan challenged her to be better and gave her the support to do so that she didn’t receive from her family or peers, and she totally blossomed under it. In a lot of ways, he sees her as his protege because on top of training her in psychology he also considers her to be the one thing in his life that he hasn’t completely ruined/destroyed/spoiled/etc.

Read More

anonymous said:

nn ho resistito e l'ho fatto, ho scritto "cacca" sulla barra delle ricerche. c'è molta gente che professa per la cacca :) -S-

LA CACCA INVADERA’ IL MONDO!!!!! 

image

jackwshaftoe said:

"Like a nazgul" omg that was great. I'm still laughing.

he makes screechy noises and everything

"I am the master of fear, no man can stop me" he says

"I AM NO MAN" Harley yells before tackling him and dragging him back to bed because he’s sick and should be resting honestly Professa how did you even survive this long without me

Ho imparato che il silenzio può uccidere
e che le parole lo fanno in continuazione,
che diciamo delle cose che non pensiamo
sono poi i gesti a confermarle o meno,
che possiamo rendere stelle le persone
o renderle una semplice nullità.

Ho imparato che l’uomo travolto dalla passione
dice un sacco di “stronzate”,
compie gesti eclatanti che sembrano “pieni”,
si rimangia tutto con una grande facilità.

C’è gente che professa il bene
e sembra guidarti verso l’infinito,
riempie il tuo universo di colori,
di speranze, promesse e illusioni
lasciandoti l’infinito di niente.

C’è chi dice ti amo senza conoscerne il senso
chi dice ti odio ma ti riempie d’amore
chi ti riempie di tutto senza lasciarti niente.
C’è chi dovresti odiare ma continui ad amare

C’è chi parla dell’anima calpestando la tua
c’è chi insegna senza aver imparato
c’è l’infinito di tutto o di niente in ognuno di noi.

Silvana Stremiz

(Anke Merzbach)

gigglinglunatic said:

"Oh, poo. I know you've been angry lately. I'm just trying to bring back the sweet smell of nostalgia~ I mean, ever since the little earthquake in Gotham, you put on your costume for /me/. Everything you did was for /me/. But then I realized I was wrong. So I did a little digging on your life. Does the name /Guy Kopski/ ring a bell?

"— No."

image

"Y’know what I’m gonna do when I get outta this? I’m gonna tell Red y’ kidnapped me an’ strung me up. An’ I’m gonna tell Professa Crane. An’ Jonesy. Heck, I’ll tell Batman an’ Robin, an’ when they drag me back t’ Arkham I’m gonna scream it at th’ top a’ my lungs for everyone t’ hear. How long d’ y’ think you’ll last with e v e r y o n e comin’ after you, Joker?” Not Mista J, not Puddin’, Joker. She’s angry. She’s very, very angry. “Think you’ll last long enough for me t’ come back an’ splitcher head open with a crowbar?”

Ho imparato che il silenzio può uccidere

e che le parole lo fanno in continuazione,

che diciamo delle cose che non pensiamo,

sono poi i gesti a confermarle o meno,

che possiamo rendere stelle le persone

o renderle una semplice nullità.

Ho imparato che l’uomo travolto dalla passione

dice un sacco di “stronzate”,

compie gesti eclatanti che sembrano “pieni”,

si rimangia tutto con una grande facilità.

C’è gente che professa il bene

e sembra guidarti verso l’infinito,

riempie il tuo universo di colori

di speranze, promesse e illusioni

lasciandoti l’infinito di niente.

C’é chi dice ti amo senza conoscerne il senso,

chi dice ti odio ma ti riempie d’amore,

chi ti riempie di tutto senza lasciarti niente.

C’é chi dovresti odiare ma continui ad amare,

c’é chi parla dell’anima calpestando la tua,

c’è chi insegna senza aver imparato,

c’è l’infinito di tutto o di niente in ognuno di noi.

©Silvana Stremiz

MCN: CCVGP-GYX59-7KWJC

© copyright 2014-08-16 14:01:48 - All Rights Reserved

TRACKLIST

Stwo - Syrup
Jeftuz - Girl
Trian Kayhuta - Alright
Tajan & fwdslxsh - Beautiful
Drake - From Time (Full Crate Remix) [Unreleased]
TNV x Rami B - Old School Covertible [Unreleased]
Professa - Goodnight Bump
Evil Needle - Light Ray
Mr Carmack - ifoundsomething [Unreleased]
Atu - YF Ella Remix [Unreleased]
Dpat - Untitled [Unreleased]
Rook Milo - Cobalt Polo [Unreleased]
Penthouse Penthouse - Private Jet [Unreleased]
RLP - DRP_DAT [Unreleased]
Sivey - Waterbed Slow-mo [Unreleased]
Ghost Town DJ’s - My Boo (Wave Racer Remix)
Ta-ku - Electr(on)ic Relaxation (Benzi x Espinosa EDIT) [Unreleased]
Lord Shrimpy - Remedy
Masuka - Whatadime
HOWLS (Ta-ku & KitPop) x B.Lewis - Go [Unreleased]

Submission contest winner: TNV x Rami B - Old School Covertible
Artwork: Srdjn Marjanovic (instagram.com/SRDJANNN)
Photography: Michael Salisbury (twitter.com/so_michael)

Non costringermi

image

Non posso scegliere se poter vivere o morire, sono disperato sì, ma non è debolezza esserlo, se non so più cosa vivere, se ciò che mi resta da vivere è la sofferenza di un cancro.
Vivo ogni genere di cancro, ogni genere di coma, paralisi, disabilità articolatoria, non esiste realmente quella fede che tanto si professa, solo un cambiare tutto per non cambiare nulla. 
La mia situazione è critica, non voglio prendere medicine, non voglio vedere dottori, non voglio più aspirine, non voglio più dolori, non costringetemi se non ho alternative alla fine già segnata.

© Anarchia di pensiero

não sou professa em ingrêis mas escutar que alguém foi dar um Yorkshop nos Estados Unidos machuca qualquer apostila.
Watch on papa-francesco.tumblr.com
Papa Francesco, il discorso completo all’udienza del 27 agosto Il discorso completo di papa Francesco all’udienza generale del 27 agosto. Video e discorso della catechesi del pontefice in piazza San Pietro.

Di seguiti pubblichiamo l’intervento di papa Francesco nell’udienza generale di mercoledì 27 agosto,quando il pontefice ha ripreso con gli appuntamenti settimanali della sua catechesi.

Bergoglio si è soffermato sulla parte del Credo in cui si professa la Chiesa come “Una e santa”, affrontando il significato mistico e teologico della definizione della comunità ecclesiale.

Qui il testo completo dell’udienza

Cari fratelli e sorelle, buongiorno.

Ogni volta che rinnoviamo la nostra professione di fede recitando il “Credo”, noi affermiamo che la Chiesa è «una» e «santa». Èuna, perché ha la sua origine in Dio Trinità, mistero di unità e di comunione piena. La Chiesa poi è santa, in quanto è fondata su Gesù Cristo, animata dal suo Santo Spirito, ricolmata del suo amore e della sua salvezza. Allo stesso tempo, però, è santa e composta di peccatori, tutti noi, peccatori, che facciamo esperienza ogni giorno delle nostre fragilità e delle nostre miserie. Allora, questa fede che professiamo ci spinge alla conversione, ad avere il coraggio di vivere quotidianamente l’unità e la santità, e se noi non siamo uniti, se non siamo santi, è perché non siamo fedeli a Gesù. Ma Lui, Gesù, non ci lascia soli, non abbandona la sua Chiesa! Lui cammina con noi, Lui ci capisce. Capisce le nostre debolezze, i nostri peccati, ci perdona, sempre che noi ci lasciamo perdonare. Lui è sempre con noi, aiutandoci a diventare meno peccatori, più santi, più uniti.

1. Il primo conforto ci viene dal fatto che Gesù ha pregato tanto per l’unità dei discepoli. È la preghiera dell’Ultima Cena, Gesù ha chiesto tanto: «Padre, che siano una cosa sola». Ha pregato per l’unità, e lo ha fatto proprio nell’imminenza della Passione, quando stava per offrire tutta la sua vita per noi. È quello che siamo invitati continuamente a rileggere e meditare, in una delle pagine più intense e commoventi del Vangelo di Giovanni, il capitolo diciassette (cfr vv. 11.21-23). Com’è bello sapere che il Signore, appena prima di morire, non si è preoccupato di sé stesso, ma ha pensato a noi! E nel suo dialogo accorato col Padre, ha pregato proprio perché possiamo essere una cosa sola con Lui e tra di noi. Ecco: con queste parole, Gesù si è fatto nostro intercessore presso il Padre, perché possiamo entrare anche noi nella piena comunione d’amore con Lui; allo stesso tempo, le affida a noi come suo testamento spirituale, perché l’unità possa diventare sempre di più la nota distintiva delle nostre comunità cristiane e la risposta più bella a chiunque ci domandi ragione della speranza che è in noi, (cfr 1 Pt 3,15).

2. «Tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato» (Gv 17,21). La Chiesa ha cercato fin dall’inizio di realizzare questo proposito che sta tanto a cuore a Gesù. Gli Atti degli Apostoli ci ricordano che i primi cristiani si distinguevano per il fatto di avere «un cuore solo e un’anima sola» (At 4,32); l’apostolo Paolo, poi, esortava le sue comunità a non dimenticare che sono «un solo corpo» (1 Cor 12,13). L’esperienza, però, ci dice chesono tanti i peccati contro l’unità. E non pensiamo solo agli scismi, pensiamo a mancanze molto comuni nelle nostre comunità, a peccati “parrocchiali”, a quei peccati nelle parrocchie. A volte, infatti, le nostre parrocchie, chiamate ad essere luoghi di condivisione e di comunione, sono tristemente segnate da invidie, gelosie, antipatie… E le chiacchiere sono alla portata di tutti. Quanto si chiacchiera nelle parrocchie! Questo non è buono. Ad esempio quando uno viene eletto presidente di quella associazione, si chiacchiera contro di lui. E se quell’altra viene eletta presidente della catechesi, le altre chiacchierano contro di lei. Ma, questa non è la Chiesa. Questo non si deve fare, non dobbiamo farlo! Bisogna chiedere al Signore la grazia di non farlo. Questo succede quando puntiamo ai primi posti; quando mettiamo al centro noi stessi, con le nostre ambizioni personali e i nostri modi di vedere le cose, e giudichiamo gli altri; quando guardiamo ai difetti dei fratelli, invece che alle loro doti; quando diamo più peso a quello che ci divide, invece che a quello che ci accomuna…

Una volta, nell’altra Diocesi che avevo prima, ho sentito un commento interessante e bello. Si parlava di un’anziana che per tutta la vita aveva lavorato in parrocchia, e una persona che la conosceva bene, ha detto: «Questa donna non ha mai sparlato, mai ha chiacchierato, sempre era un sorriso». Una donna così può essere canonizzata domani! Questo è un bell’esempio. E se guardiamo alla storia della Chiesa, quante divisioni fra noi cristiani. Anche adesso siamo divisi. Anche nella storia noi cristiani abbiamo fatto la guerra fra di noi per divisioni teologiche. Pensiamo a quella dei 30 anni. Ma, questo non è cristiano. Dobbiamo lavorare anche per l’unità di tutti i cristiani, andare sulla strada dell’unità che è quella che Gesù vuole e per cui ha pregato.

3. Di fronte a tutto questo, dobbiamo fare seriamente un esame di coscienza. In una comunità cristiana, la divisione è uno dei peccati più gravi, perché la rende segno non dell’opera di Dio, ma dell’opera del diavolo, il quale è per definizione colui che separa, che rovina i rapporti, che insinua pregiudizi… La divisione in una comunità cristiana, sia essa una scuola, una parrocchia, o un’associazione, è un peccato gravissimo, perché è opera del Diavolo. Dio, invece, vuole che cresciamo nella capacità di accoglierci, di perdonarci e di volerci bene, per assomigliare sempre di più a Lui che è comunione e amore. In questo sta la santità della Chiesa: nel riconoscersi ad immagine di Dio, ricolmata della sua misericordia e della sua grazia.

Cari amici, facciamo risuonare nel nostro cuore queste parole di Gesù: «Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio» (Mt 5,9). Chiediamo sinceramente perdono per tutte le volte in cui siamo stati occasione di divisione o di incomprensione all’interno delle nostre comunità, ben sapendo che non si giunge alla comunione se non attraverso una continua conversione. Che cos’è la conversione? È chiedere al Signore la grazia di non sparlare, di non criticare, di non chiacchierare, di volere bene a tutti. È una grazia che il Signore ci dà. Questo è convertire il cuore. E chiediamo che il tessuto quotidiano delle nostre relazioni possa diventare un riflesso sempre più bello e gioioso del rapporto tra Gesù e il Padre.

3TV Presents: JP Lime

3TV Presents: JP Lime

 

Loud

Intro

Lets go!
Bounce, bounce, bounce, bounce, b-b-bounce

Hook

Cali smokin’ like Bally’s we work it out out
People moving and grooving we put it down down
Making music and mula all in your town town
Take a listen and turn it, just turn it loud loud
Turn it up!

Professa

We kick it like eviction, right down the block
I’m…

View On WordPress

#22 - Di-mmi che non sei coerente

Tempo fa uscivo con una Farisea dei nostri tempi…/


E c’era un Cristo anni fa, un Gesù che parlava d’amore e combatteva per esso. Ci spronava a essere migliori, a comprendere non a giustificare, a capire gli altri se stessi e il mondo. Si arrabbiava solo con i grandi quando i grandi esageravano, come nel tempio, che doveva essere luogo della Parola e veniva usato come mercato. C’è chi oggi lo segue e lo professa con fermezza, ma mentendo. Chi è debole viene trattato da scarto. E credetemi, la debolezza dell’uno non è la forza di cento, eppure c’è chi ha la croce al collo ma non nel cuore, e spara sentenze sui “miei fratelli più piccoli” giudicandoli quando, per loro, dovrebbe esserci un Giudice solo. Ma di essi è il regno dei cieli….

/…Ora non ci esco più.

INDIGNAÇÃO

Sou jovem, cristão sou um cara observador e fico indignado com as coisas que vejo e ouço, vejo pessoas com atitudes que profanam o nome de Cristo, que falam coisas que ridicularizam o nome de Deus, o mais incrível é que essas pessoas se intitulam cristãs, pelo amor de Deus né meus queridos, a bíblia diz que toda aquele que professa o nome de Cristo se afasta da iniquidade, se você é cristão no templo e fora dali muda sua forma de viver, reveja seus princípios porque você tem tido duas personalidades, ser cristão é muito além de postar versículos bíblicos no facebook ou ter um louvor no celular, ser cristão exige renuncia, carregar as cruz e seguir a cristo ser imitador do próprio. Na igreja primitiva a sociedade em redor começou a nomear as pessoas que tinham atitudes iguais a de Jesus de pequenos cristos, aí então surgiram os cristãos, deste jeito se você não tem atitudes de Jesus, não jogue o nome dele na lama, porque tenho certeza de que Jesus não saía por aí pegando várias meninas e muito menos tinha conversas pornográficas com seus amigos, a bíblia nos ensina a sermos homens de uma só mulher e não entregarmos o nosso corpo a prostituição é eu to falando desta palhaçada de “ficar” cuidado, não brinque com o Reino e nem com o Dono deste reino. Eu fico mais indignado porque somos colocados em um pacote como se nenhum cristão prestasse, mas a verdade é que existe, crianças, jovens, homens e mulheres que buscam honrar o nome de Cristo, pessoas dispostas a abrir mão da sua vontade para fazer a de Deus, pois entendemos na verdade o que o evangelho. Se você é uma pessoa que está disposta a fazer tudo quanto é porcaria pra ser aceito nos grupos socias, você está longe da verdade de Deus, pois renunciar o mudo e seus modelos é o maior desafio de um cristão, mas me permita te alertar de algo, se você carrega o emblema de Jesus no peito e não o honrar, mas na verdade o suja e o envergonha, tome cuidado porque o Deus todo poderoso, é fogo consumidor e zela pra fazer cumprir a sua palavra. Nós cristãos estamos distante da verdade fajuta do mundo, lutamos sim por nossos ideias, por nossos princípios. Não estamos nem aí se as pessoas olham pra nós e nos acham os mais estranhos deste planeta; homens de Deus buscam viver de forma santa, com UMA mulher e é com ela que ele vai casar e honrar pra toda vida, as mulheres de Deus se valorizam se respeito e buscam alguém que também a respeitem. Engole uma coisa, não somos todo mundo, não iremos nos enquadrar naquilo que a sociedade quer. SE VOCÊ NÃO ESTÁ DISPOSTO(A) A RENUNCIAR O SEU EU, TOMAR A SUA CRUZ E SEGUIR A CRISTO não abra a boca pra dizer que é cristão, não envergonhe o nome do TODO PODEROSO, é verdade Ele é amor, mas também é UM FOGO QUE CONSUME TODA INIQUIDADE, não adianta viver de máscaras, a hipocrisia só serve de um ser humano para outro, diante de Deus as máscaras caem. Existe uma frase que ouvi de uma pastora e levo comigo aonde vou “Não adianta minha boca falar uma coisa, e minhas atitudes gritarem outras.”

guy-kopski said:

You want me to go away? Fine. I have no /reason/ to live again. If the one I love rejects me.

"You don’t love me! You left me! You left me all alone and there’s nothing you can do to fix it! I don’t need you to love me anymore— I got Mista J! I got Red! I got Professa Crane an’ Eddie an’ Jonesy an’ Selina an’ Robin t’ love me and I don’t! Need! You!

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video