When you were having breakfast with Morrissey and something had got to him – whether it’s a criticism or a passionate feeling about something – he would look up and stare straight at you. It was right into your soul. You could actually feel your guts gripped. That was pretty impressive. What I remember is that sense of someone who was a beautiful savant, if you like.
—  Andrew Paresi on the recording of Bona Drag. Uncut Magazine, September 2013.

Updates on Murphy for the lovelies who have sent me (not rude anonymous) asks about her:

- She seems to be almost fully continent at this point. We no longer have to express her bladder, and her poo’s are finally consistently normal. She still can’t physically get in and out of a litter box, but she has designated one corner of her cage as toilet area with only the occasional stray dribble or poo. Yay progress!
- She was almost able to scratch her ear with her back foot yesterday. This was the first time we’ve seen her attempt this since her sudden paralysis!
- She appears to have most if not all sensation back through her whole body.
- She is able to move around pretty quickly now! It is still very crooked and uncoordinated, and her back feet cross over each other or get a little left behind sometimes. Her floor time is very limited now because she moves quickly enough to give herself carpet burn on her heel pads, and she can’t get enough grip to move well on other surfaces.
- Her balance has improved significantly as she has begun to adapt to her new physical limitations. She is grooming herself much more independently but still needs help in some areas. She has developed a habit of coming to us and tilting an ear in our direction when it needs scratched, which is adorable, and the faces she makes when it happens are so cute.

That’s about it at the moment. HUGE improvements. We have so much hope for her recovery, but there’s still no way of knowing for sure how far that recovery will take her.

On Scientific Explanations Part: IV

Hempel Cont. 

Review:

Symmetry Thesis: (1) every adequate explanation is a potential prediction & (2) every adequate prediction is a potential explanation.

Exceptions:

  1. 1.     Retrodictions
  2. 2.     Explanations of Laws

Objections

1.

            Sometimes adequate explanations merely cite a necessary conditions for the event, but we could never make an adequate prediction just on a necessary…

View On WordPress

I’m aware of the fact that there are people who are in worse condition than me. There are those who suffer from paralysis and cannot move at all. I have “only” paresis, which means I’m much weaker and I might have muscular dystrophy, if I didn’t have any rehabilitation. The awareness of it scares me so much.

So, can it be withdrawn? I’m afraid it can’t.

Terminologi Kelemahan Pada Tungkai

Paralisis adalah lumpuh komplit gerakan volunter. 

Plegia, palsi, dan paresis digunakan secara interchangeably untuk mendeskripsikan kelemahan.

Paresis adalah lumpuh inkomplit.

Plegia adalah lumpuh komplit.

Palsi adalah paralisis yang mengenai nervus kranial motorik.

Referensi: 

Turner, Bahra, Cikurel. Crash Course Neurology.

Tickets for Sale
Tickets for Sale

Quick reminder you can get tickets direct from us for the upcoming Modulate (Oct 30), Faderhead (Nov 16) and Uberbyte (Dec 7) shows.

Visit the store to purchase via paypal http://www.thecharnelhouse.com/store/

Tickets include only a 50p booking fee, which also covers your postage.  You can also buy tickets for face value at our nights on Nov 10th or December 1st – or from Kev in person.

So he heightened the hunger. There is no way to describe the pains that not having eaten for months brought us. And yet we were kept alive. Stomachs that were merely cauldrons of acid, bubbling, foaming, always shooting spears of sliver-thin pain into our chests. It was the pain of the terminal ulcer, terminal cancer, terminal paresis. It was unending pain …

And we passed through the cavern of rats.
And we passed through the path of boiling steam.
And we passed through the country of the blind.
And we passed through the slough of despond.
And we passed through the vale of tears.
And we came, finally, to the ice caverns.

— “I Have No Mouth, and I Must Scream,” Harlan Ellison

Istantanea /58

E’ stata una bella serata. Una serata di quelle che non succede nulla ma che forse succede di tutto. Roma, nelle sere di agosto, quando la corrente vertiginosa dei turisti con le loro magliette improbabili e le loro bottigliette d’acqua, i loro cappelli da esploratori, le loro videocamere demodé e le loro labbra ferme nell’eterna paresi di un sorriso da cartolina, Roma, dicevo, nelle sere di agosto, è bellissima e libera. Negli angoli, separati dalle vie dei pellegrinaggi usuali, si aprono piccoli scorci di vita da andare a raccogliere, a cercare e da cui farsi irretire e dominare. C’è una vita nascosta nella città ed è quella sua anima da piccolo paese sperduto, con la sua piazzetta incastrata tra le facciate barocche e neoclassiche ed antiche e moderne dei palazzi che si susseguono senza soluzione di continuità e si affacciano su quella fontana, piccola ed insignificante, che sversa acqua limpida e raccoglie gli ultimi bagliori della sera prima che il mondo si vesta di notte. Allora ti siedi sul bordo della grande vasca di marmo e resti in ascolto del nulla, della densità dell’aria e di quel silenzio improvviso che fa da sipario alle grandi vie che tagliano in due questa specie di oasi. Ti immagini un piccolo mercato con tre o quattro banchi di frutta e verdura e quelle vecchie che sgranano fagioli e “capano” verdure, che ti raccontano della guerra e di come facevano l’amore col portinaio del numero 7 di via dei Banchi Vecchi, più giù verso il Lungotevere, che era un bel ragazzo e aveva i capelli neri. Non passa nessuno a quest’ora. Questa è l’ora della solitudine, di quella solitudine che ti culla con educazione quasi che ti stesse chiedendo scusa per il disturbo, quella solitudine in cui provare a ritrovare il senso di una presenza, la giustificazione di un’assenza, in cui riguadagnare quella distanza che serve a vedere meglio le cose, da più lontano e con maggiore nitidezza. Ecco, il mondo è nitido a quell’ora, è nitido e nudo e tollerabile e quasi ti viene voglia di innamorarti. Perfino di te, che resti solo sulla scena, che non c’è nessun teschio di Yorick con cui confidarsi, che le parole che dici ti restano addosso e ti consegnano ai sogni o alla dannazione, alle braccia di qualche angelo o al sorriso diabolico e seducente dei demoni che ti seguono nascosti nell’ombra.

image

jackandhoney reblogged your post someone buy me a ticket to Amsterdam a… and added:

Darling, were you watching Vincent before bed again?

….nooo

I just… really like the Netherlands.

The Dutch are interesting people.

This has nothing to do with my infatuation with a dead painter who was probably rife with syphilis that no doubt contributed to his madness even though he was already bipoplar and dying out in that field was probably better than the syphilis developing in to G.P.I (general paresis of the insane) although he probably died feigning suicide to save two boy’s who were playing cowboys from being arrested for murder because he was a good guy like that just like the time he took in a pregnant prostitute because he felt sorry for her but it was considered a scandal and taboo so his brother cut off his money which inevitably resulted in him being alone and broke and unhappy.

It’s nothing to do with that painter whatsoever..

Lopez, who had been President from 1993 to 1996.

Orthodox religious services, but this has not yet been successful. Columbia Hall at 5th Street, called Paresis Hall.
During the early republic, only consuls could appoint new senators. New Earth and Earths 1 through 51.

anonymous said:

Che bello ridere, non trovi sia una cosa stupenda? Mi sento più bella quando rido, poi magari non lo sono ma fotte sega, per me sono bella ed è questo l'importante no? 'Si appare per quello che si crede essere, non per quello che si è.' Forse è una cosa positiva, forse una cosa negativa. Ma la farò risultare positiva per me.

Ei, mi piace il tuo modo di vederla. Eh già siam tutti più belli quando ridiamo. O almeno io vedo la gente più bella con un sorriso stampato in faccia, poi vedo me che cerco di sorridere e sembro un bradipo con una paresi facciale ed un criceto in prognosi riservato al posto del cervello. Buffa la vita, eh! Mia faccia paralizzata a parte, l’importante è essere belli per se stessi, è solo questione di autoconvinzione, e tranquilla che se ne sei convinta tu, puoi apparire bella al mondo intero.

Si sta così

Sperimento con curiosità l’universo dei parchi gioco. Hanno messo delle nuove strutture, polifunzionale, multididattiche, interdisciplinari e anche doppio maglio perforante. È tutto meravigliosamente pulito, ordinato, mi verrebbe da dire altoatesino se non fossi immerso nella pace oIeosa dei Castelli Romani, in una specie di Provenza ma senza lavanda, un ubertoso Oxfordshire ma senza l’università, che sta a Tor Vergata. A volerci far caso con una certa attenzione, i ruoli appaiono perfettamente rispettati. I bambini fanno i bambini, comunicando stupore ad ogni bolla di sapone esploso ad ogni scivolata acrobatica, le nonne fanno le nonne sorridendo compiaciute o forse leggermente inclini ad una paresi del volto che riveste di un sorriso soddisfatto la consapevolezza di un tempo proustiana ente perduto, le mamme fanno le mamme, rivestendo di una docile patina di ansia una mattina calda, afosa, pigra. Credo che le organizzazioni spontanee siano quelle che funzionano meglio. L’intuitività della propria posizione nell’ordine delle cose vale più di qualsiasi possibile geolocalizzazione. Io, per parte mia, continuo nella mia parossistica contemplazione del mio essere nota stonata, agnello sacrificale di una oggettiva difficoltà a perdonarmi, incapace di comprendere davvero le mie ragioni. È del tutto evidente che non ho alcun talento nello scrollarmi di dosso la mia natura, intriso come sono di una costante, forse planckiana o più probabilmente junghiana, ed insofferente asincronia sentimentale. Il sole viene giù caldo e verticale, non ci sono sovraesposizioni ma una perfetta saturazione cromatica che fa di ogni angolo un foglio Fabriano F2 dipinto con mano sapiente da un Dio con le mani sporche di TurboGiotto. Aspetto il momento della partenza, della necessità di una distanza da considerare. I bambini giocano, non ha importanza conoscersi o domandare “tu come ti chiami”. Facciamo che tu eri e facciamo che io ero. Loro declinano il mondo così. La fantasia è un posto dove le cose belle sono già accadute, bisogna solo volerci tornare.

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video