oltre

“Lloyd allora io parto per recuperare  le ore di sonno”

“Sa già dove andare sir?”

“Le ultime segnalazioni le danno perdute oltre il baratro della stanchezza…”

“Immagino sfrutterà il lungo ponte attraversarlo”

“Esattamente Lloyd”

“Sir mi sento in dovere di metterla in guardia dal lavoro staordinario. Vive nei ritagli di tempo ed è molto aggressivo”

“Ho preso un sacco di distrazioni per tenerlo a bada Lloyd”

“Buon recupero sir”

“A presto Lloyd”

Una volta lo ignori, poi lo ascolti per pochi istanti, poi provi a passare oltre, ma, quel che sei salterà fuori.
E ti si mangerà vivo.

…belli quei baci inaspettati , dove in un attimo ti trovi a sentire il suo sapore.
E vedi in quei occhi la voglia di altri baci.
Tutto comincia con un bacio , e deve essere un bacio che lascia posto ad incantevoli fantasie….
Deve andare oltre due bocche che si incontrano , una lingua che ti penetra …
Deve confonderti anche solo per un attimo , un bacio forte , da dove non puoi scappare…… devi sentire l'appartenenza
di quell'uomo , devi staccarti con il respiro corto e la bocca umida….
Dopo bacerà altre bocche , toccherà altri corpi , ma ora è lí davanti a te , e solo il tuo vorrebbe avere..

(via Cronache di ordinario razzismo - Ancora insulti razzisti a Dijana Pavlovic)

L’attrice Dijana Pavlovic, attivista rom e vicepresidente della ‘Federazione Rom e sinti insieme‘, viene minacciata e insultata su Facebook con pesanti frasi razziste, in seguito ai tragiciavvenimenti di Roma (ne abbiamo parlato qui). Intervistata dall’Adnkronos, racconta: “Da questa mattina continuo a riceveredecine di messaggi con insulti razzisti. Oltre a quelli apparsi sulla bacheca, con foto dei roghi e invocazione delle ruspe per i campi rom, tantissimi quelli privati. Nei campi, da ieri, si è diffuso il terrore. Con questo clima, il rischio che si ripetano episodi di violenza e rappresaglia contro di noi è altissimo. Lastrumentalizzazione politica è paurosa, è già accaduto che questo sia stato causa di incidenti gravi, come successo in passato a Ponticelli o a Torino“. La Pavlovic risponde anche a Matteo Salvini che su Facebook ha promesso di abbattere tutti i campi rom se vincerà le elezioni: “I campi rom non li abbiamo inventati noi, sono stati pensati per tenerci reclusi per decenni. Ora ci dicono grazie e arrivederci? È completamente assurdo. Si cerca come al solito di criminalizzare un popolo intero per un singolo fatto. La legge è uguale per tutti – continua – e tutti devono rispettarla ma al di là della ferma e più assoluta condanna nei confronti di chiunque abbia commesso questo crimine, quello che emerge è che c’è l’intenzione di massacrare un popolo intero per un fatto commesso da qualcuno. Nessuno vuole fare finta che non ci sia la criminalità nei campi rom, ma se ci sono dei responsabili per dei singoli crimini, bisogna che ci sia la volontà di identificarli e arrestarli”. Proprio ieri, lo ricordiamo, la Federazione Rom e Sinti Insieme, insieme a Associazione 21 luglio, Lunaria, ASGI e ARCI, ha presentato un esposto, presso la Procura di Roma, contro l’europarlamentare leghista Gianluca Buonanno,  sulla vicenda che riguarda la trasmissione Piazza Pulita, dello scorso 2 marzo 2015, quando Buonanno definì la comunità Rom “feccia dell’umanità” (leggi qui il comunicato stampa).

Watch on meyke6.tumblr.com

FOTO

28 MAGGIO 2015
Bertolucci: “Il mio Piccolo Buddha per il Nepal”
Dall'Auditorium di Roma, Bernardo Bertolucci e Keanu Reeves raccontano i luoghi del Nepal in cui fu girato il film ‘Piccolo Buddha’, devastati dal terremoto del 25 aprile. “Il Nepal in questi giorni sta vivendo un'altra emergenza - esordisce il regista - E’ iniziata la stagione dei monsoni e mancano medicine, personale e tetti per oltre 490mila famiglie”. Presenti sul palco insieme a Bertolucci e Keanu Reeves, la presidentessa di Emergency Rossella Miccio e Patrizia Bisi di Children Village, cui andranno i fondi raccolti dalla serata.

May 28, 2015
Bertolucci: “My Little Buddha for Nepal”
From the Auditorium of Rome, Bernardo Bertolucci and Keanu Reeves tell the places of Nepal which was filmed 'Little Buddha’, devastated by the earthquake of 25 April. “The Nepal these days is experiencing another emergency - debut director - It 'started the monsoon season and lack medicines, personal and roofs for over 490 thousand families”. On stage with Bertolucci and Keanu Reeves, president of the Emergency Rossella Miccio and Patrizia Bisi Children’s Village, where will the funds raised from the evening.

28 de mayo 2015
Bertolucci: “Mi pequeño Buda de Nepal”
Desde el Auditorio de Roma, Bernardo Bertolucci y Keanu Reeves dicen los lugares de Nepal, que fue filmada “Little Buddha”, devastadas por el terremoto del 25 de abril. “El Nepal estos días está experimentando otra emergencia - director de debut - Es comenzó la temporada del monzón y medicinas falta, personal y techos de más de 490 mil familias”. En el escenario con Bertolucci y Keanu Reeves, presidente de la Rossella Miccio Emergencia y pueblo de Patrizia Bisi infantil, donde los fondos recaudados por la noche.

ho tirato fuori dalla naftalina la bicicletta, dove giaceva da oltre dieci anni. al contachilometri è bastato sostituire la batteria per tornare funzionante, per il deretano sarà necessario molto di più

Oramai il bolivar venezuelano vale meno della carta su cui è stampato. 

Significa che, letteralmente, potete usarlo come carta igienica e vi costa meno della carta igienica.

Fin qui nulla di cui meravigliarsi dato che governi e autorità monetarie (governative) sono portati ad abusare dei loro poteri. E’ il prevedibile risultato della “sovranità monetaria” statale. La conseguenza nefasta oltre all'erosione dei risparmi, alla distribuzione di ricchezza verso chi è più vicino alle autorità monetarie (politici e loro amici), alla distorsione dell'attività produttiva che mina le basi dell’economia, è l'inevitabile scarsità di cibo. 

Con buona pace dei Salvini,dei Grillo e delle Meloni (ma non sono loro purtroppo) che vorrebbero attuare le stesse politiche. E’ bene ricordare che l’inflazione (che è il risultato di un’eccessiva creazione di moneta, i cui responsabili sono principalmente i governi) è un male assoluto poiché impedisce un calcolo economico corretto e provoca distorsioni e cattivi investimenti che, se si prolungano, non possono risolversi altro che per crisi. 

La soluzione non è la fantomatica “sovranità monetaria” (la moneta è un bene come un altro).

Quello è solo un modo per dare ai politici l’alabarda spaziale del potere.

Succede solo nei cartoni animati che la principessa si innamori del principe. Prendi Cenerentola: per farsi notare dal principe ha dovuto ricorrere ad un incantesimo. La cenerentola moderna non ha la scarpa di cristallo, no, magari sono scarpe made in China con scritto Prada, la perde, e nel migliore dei casi qualcuno la trova e la rivende su Subito.it. Nel peggiore, ballando in mezzo alla pista le si spacca il tacco e si spezza una gamba, e il principe di turno ovviamente prima ride e le scatta una foto, poi al limite la tira su e glielo appoggia accompagnandola al divanetto più vicino. Prendi Biancaneve: per ricevere un bacio dal principe prima è stata avvelenata. Per non parlare della bella addormentata. Tutte queste beneamate principesse dei miei coglioni, oggettivamente, erano delle grandissime idiote. Ovviamente in un cartone animate il “e vissero per sempre felici e contenti”, deve starci per forza, quindi alla fine fanno vedere che principi e principesse vivono per sempre felici e contenti, ma nella realtà le cose sono un pò diverse. La principessa bionda boccolosa col vestitino si ubriaca in discoteca, si avvelena, e vede principi ovunque, quindi, perchè non farsi sbattere? Magari è la volta giusta penseranno, anzi no, non penseranno perchè non ne saranno in grado, ed ecco qua… Il giorno dopo, la magia non è “il principe la sposa”, il giorno dopo il principe si rivela un rospo nel migliore dei casi, se non è un rospo, evapora e si vanta con gli amici di essersi sbattuto la principessa sul divanetto di uno squallido locale, sempre nel migliore dei casi, generalmente accade nel cesso in mezzo a piscio e vomito. Poi prendi “Bella”, originalissimo come nome, di “La bella e la bestia”, lei bellissima, si innamora della Bestia e lui torna ad essere un principe, nella realtà è il principe che normalmente diventa bestia, raramente il contrario. Poi prendi Raperonzolo, a cui le vengono tagliati i capelli perchè visti come un'arma, e viene nascosta in un bosco, una foresta, o quello che era. Il principe la cerca per anni, e alla fine la trova sentendola cantare, e si sposano. Diciamo che i principi moderni se la principessa sparisce, al decimo messaggio su WhatsApp senza risposta si sentono friendzonati e cercano un'altra principessa, e figurati poi se potrebbero mai andare nella foresta con la Punto Abarth, distruggerebbero il paraurti. E soprattutto, cosa più importante, gli si sporcherebbero le Hogan, e si rovinerebbero i risvoltini, o magari i Leggings. Vogliamo parlare del ciuffo poi? L'umidità della foresta glielo distruggerebbe, e, ahimè, metti il caso che realmente ci fosse un principe che farebbe tutto questo, arriverebbe a salvare la povera fanciulla in condizione pessime, lei vedendolo lo crederebbe l'orco cattivo e scapperebbe di sicuro. Oppure lo friendzonerebbe in 0.2. Una storia da cartone animato reale è Shrek, ecco, si. La principessa che si innamora di un orco, che si mostra fin da subito per ciò che è. E rinuncerebbe a tutto per stare con lui, questa potrebbe starci come cosa. Soprattutto se l'orco è bello ricco, con una bella Bmw coi cerchi da 18", belli luccicanti, con una bella villetta in periferia con piscina vista collina. Molto più reale e credibile, non credete anche voi? Le principesse normalmente son tutte stupide, e i principi tutti coglioni. Ok, questa è scontata, ma oggettivamente, se ci pensate, è esattamente così. Poi ci sono le regine, le dee. Loro sono le persone migliori, quelle che vanno oltre i canoni classici di bellezza moderna, quelle semplici, che non hanno bisogno di mettersi 8 kg di trucco in faccia come le principesse. Loro vanno oltre i canoni standard di “principessa moderna”, non piacciono a tutti, sono incompresi. Molti principi rinunciano a loro perchè appunto, non riescono a prenderle, a capirle. E quindi le scartano a prescindere, preferendo la principessina cogliona che vive nel mondo delle favole. Le dee… loro sono ciò che c'è di meglio. E quel meglio, tu, devi guadagnartelo. Devi guadagnarti la loro stima, devi dargli di più di ciò che hanno offerto fino ad ora tutti gli altri. A loro non importa se tu sei un principe, un orco, un re o un Dio. No, loro vanno oltre questi standard. Capiscile, dagli ciò che desiderano, falle sentire protette, falle sentire amate. Fallo, e sarai il loro Dio. Fallo, e saranno tue per sempre. Fallo, e te ne basterà una, una che varrà più di tutte le altre, principesse e regine, messe insieme.
—  Nessunoappesoatestaingiu.