Gli Zaffiri di Kim (The Flapper), 1920 di Alan Crosland

Olive Thomas

Il primo film che porta sullo schermo il personaggio della flapper, codificato da questa storia. Olive Thomas avrebbe continuato a incarnarla sullo schermo se non fosse morta prematuramente lo stesso anno. Nel film ci sono molti afro-americani ma solo in ruoli di domestici o di musicisti, senza alcuna parte parlata. 

Olive Thomas, diva delle Ziegfeld Follies, si sposò con Jack Pickford. Morì a 26 anni in maniera misteriosa durante un viaggio in Francia insieme a Pickford. Olive ebbe gravi problemi legati all’alcoolinsmo, contando ben tre incidenti di macchina in due anni. Un problema che avrebbe condiviso anche con il marito. Una mattina Olive fu trovata in albergo da un inserviente nuda e senza sensi, adagiata su una cappa d’ermellino da sera, vicina a una bottiglietta di veleno, il bicloruro di mercurio in granuli. All’immagine pubblica di adorabile giovinetta, la “ragazza americana ideale” rivelò presto una vita privata ben diversa. Innanzitutto, i gendarmi francesi scoprirono che a Parigi la ragazza, invece di frequentare le boutique e i negozi di antiquariato di cui aveva parlato nelle sue intenzioni pubbliche, era stata vista in alcuni night club dei bassifondi in compagnia di noti personaggi della malavita. Iniziarono a circolare voci che la ragazza stesse cercando di racimolare una grossa partita di eroina per il marito e che, non riuscendoci, si era tolta la vita.

La notizia approdò sui giornali americani mentre Jack, ricoverato per un collasso nervoso seguito alla morte della moglie, non poté confutare le accuse. Si trattò del primo grande scandalo hollywoodiano, che occupò le pagine dei giornali per circa un anno.

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video