… Il dolore o la disperazione che nasce dalle grandi passioni o illusioni o da qualunque sventura della vita non è paragonabile all’affogamento che nasce dalla certezza e dal sentimento vivo della nullità di tutte le cose, e dell’impossibilità di essere felice in questo mondo, e dalla immensità del vuoto che si sente nell’anima.
—  G. Leopardi, Zibaldone
youtube

El bà de mi bà, il babbo del mio babbo, lo chiamavano carnazza.. L’è mort a 107 anni e ancora oh.. FUII, FUII, FUII, FUII, FUII

youtube

Insuperabile Show

youtube

Catholic Church Fashion Show - Roma (1972)

Il tempo insegna, si, il tempo insegna tante cose.
Il fatto è che quando ci ritroviamo a vivere una situazione sembra tutto così insuperabile, tutto così negativo: “non ce la faccio ad andare avanti”, “non posso superare questa cosa”, e mentre ripeti queste frasi già fatte nella tua mente, inconsapevolmente il tempo passa anche per te.
Non c’è un tempo stabilito, diciamo che i fatti si superano sempre in un tempo più o meno lungo, in cui ognuno di noi non solo inizia a conoscere i propri limiti, i propri errori, ma riesce a diventare anche una persona diversa, una persona che sa fin dove può e deve arrivare.
Il tempo a me ha insegnato che sebbene il dolore non si allontani un attimo da tutto il tuo essere, dalle tue ossa, si riesce sempre e comunque ad andare avanti; e di volta in volta, come le cose che ci feriscono aumentano, aumenta anche il nostro modo di preservare noi stessi dagli altri, dagli eventi, e come fanno i genitori con i loro figli, iniziamo ad accudire noi stessi in modo che nessun altro possa ridurci più nello stesso modo, in modo che nessun altro possa farci toccare ancora una volta il fondo.

Odio davvero tanto la distanza tra me e lei, ma rimango sempre dell’idea che quello che ti da una relazione a distanza sia qualcosa d’insuperabile.
Certo però…porcodio.

(Tu vuò fa' il Perez Hilton) Ultime notizie dalle scintillanti colline Hollywoodiane: MOMMY BLAKE (LIVELY, nda)

image

image

courtesy picture of preserve.us

-

Non so se dichiarare lutto nazionale, ma che dico, internazionale, o se gioire dal profondo del cuore.

-

Blake Lively è da anni ormai una delle mie dive feticcio, una delle mie donne da copertina; ovvero uno di quei personaggi dei quali, ormai perso completamente il senno, cerco disperatamente le copertine patinate dei magazines di cui si rendono saltuariamente protagonisti.

Per cui ho un’apposita cartella dedicata sul pc.

Blake sta nella top three, precisamente al secondo posto, seconda solamente alla venerata (insuperabile, e mai superata) Queen V.

Saperla incinta, da una parte mi sconvolge: è come se il mio angelo perdesse le ali, e accettasse il noioso patto di mortalità per diventare una donna normale.

Dall’altra parte, tuttavia, nel lato più provinciale del mio cuore cresciuto fra risaie e gite al fiume, realizzare che proprio quell’angelo biondo diventerà mamma, le fa al contrario aprire le ali; per un fugace momento, ho la sensazione che stia iniziando a volare verso cime più alte - e meno tempestose.

Verso quel Paradiso da cui ci è stata benignamente concessa.

-

E non importa quanto potrò essere giudicato ridicolo per questa glorificazione nell’alto dei cieli; è il potere dei media a cui mi abbandono senza pregiudizio e pentimenti.

Congratulazioni, Angelo.

Continua a luccicare.

___________________________

Kinder Maxxi

stupida..come sempre stupida. lo sono ora e lo sarò sempre, perchè mi sono lasciata invadere da te..come ossigeno nei miei polmoni. sei diventato la mia droga, la mia ragione di vita in un momento in cui nessuno c’era..mi hai aiutato a tirarmi su dal mio baratro meglio di chiunque altro..5 anni sono passati da allora..e ora cosa c’è??? niente non e rimasto nulla di questo amore tortuoso e incasinato! mi ricordo ancora quando  mi dicesti:” non siamo una coppia normale, noi siamo l’ECCEZIONE!” ti ho amato ma man mano ke mi aprivo a te tu mi consumavi come una malattia lenta che inesorabilmente ti porta a morire. ma mi andava bene così, ti ho permesso di distruggermi..di ridurre la mia piccola anima a brandelli..infiniti..ormai sono sparsi e non ce niente ke me li farà recuperare.

ti devo ringraziare xò perchè sono riuscita a schermare le mie emozioni a poco a poco mi sentivo morire ma nascondevo, creavo una barriera insuperabile..invalicabile..l’unica mia pecca sono e rimarranno gli occhi..non riesco a mentire e a celare cio ke il mio cuore cerca con tutte le forze di far emergere. addio addio x sempre

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video