I profumo che indossi, la pelle di seta, i capelli mossi. È un misto di come tu sei o come, più o meno, vorrei che tu fossi. Tra i miei paradossi, t’invito nei miei desideri nascosti. Ti vedo nel buio nuda in infradito, ho gli infrarossi. E cerco te nel letto e quando non ci sei i miei problemi che fanno effetto. Se te ne vai t’aspetto ma non tornerai prima che te l’abbiano detto.
—  Briga
Per chi invece di quella margherita in un campo di rose (perché, diciamocela tutta, essere diversa in un mondo di fotocopie non può essere che un vantaggio visto che “i ragazzi buon osservatori”, non mancano!) Si sente quella rosa con dei petali in meno, un colore più sbiadito e delle spine poco pungenti.
Perchè peggio del sentirsi diversi e, al contempo, unici, c’è il sentirsi diversi e, al contempo, inferiori. Non inganniamoci, una margherita profumata la batte sicuro una rosa appassita.
—  Francesca Russo

Ringrazio somewherebetweensecretandsilence per la nomination!!
La regola è che quando si viene nominati si devono dire 5 particolarità su di se e nominare a nostra volta 10 blog!


1) Mi piace tantissimo cantare, a volte per strada ho le cuffie, canto e non me ne accorgo.

2) Amo gli abbracci, sopratutto quelli da dietro.

3) Faccio smorfie buffe davanti lo specchio e ci rido sopra.

4) Soffro di mal di testa.

5) Amo i dolci, ogni pomeriggio mangio qualcosa di dolce sopratutto a cioccolato.


Alloora a mia volta nomino:

1) infrarossi
2) myclothestillsmellikeyou
3) adolescentibus
4) timidaconzeroautostima
5) abbracciamienontifermare
6) blumarecomeituoiocchi
7) laragazzafortecomeunaguerriera
8) mimanchibastardo
9) naufraghiinunmaredamore
10) occhiverdieanimanera

Esperimenti casalinghi

Oggi pomeriggio, mentre da buona “casalinga” sbrigavo alcune faccende di casa, ho deciso di montare il treppiedi fuori in balcone e provare i miei ultimi due acquisti: L’intervallometro e il filtro IR (infrarossi), regalo, quest’ultimo, da parte di mia cugina Roby:

L’intervallometro, per chi non lo sapesse, è un dispositivo in grado di controllare il frame rate di cattura o, più semplicemente, la frequenza degli scatti fotografici, su uno specifico intervallo temporale. E’ un accessorio fondamentale per molti film maker sopratutto quelli che realizzano time lapsing. L’anello di giunzione tra fotografia e video. Avete presente quei filmati in cui tutto si muove velocemente? Ecco. Ce ne sono molti in giro, più o meno originali.

L’ho acquistato perché ho intenzione di realizzare un filmato di cui il protagonista principale è la mia città, Roma, o meglio uno dei suoi appuntamenti settimanali più caratteristici e conosciuti: Portaportese.

Per prepararmi a realizzare questo piccolo progetto ho scattato 400 foto e realizzato un piccolo clip. Eccovi 15 secondi del semplice, ma sempre piacevole (almeno per me), panorama che ammiro ogni giorno dal mio balcone:

A parte una piccola imperfezione verso la fine del clip ed il bilanciamento dei colori che non ho fatto, posso ritenermi soddisfatto, sopratutto per quello che ho imparato. Ora non mi resta che pianificare bene altri dettagli e poi..vi farò sapere.

E per quanto riguarda il filtro infrarossi? beh.. chiaramente non riguarda il progettino di cui vi parlavo ma visto che c’ero ho provato fare alcuni scatti. La fotografia ad infrarossi è una tecnica molto interessante e, come avrete intuito, consente di riprendere immagini utilizzando lo spettro infrarosso, che va oltre lo spettro della luce visibile.

La fotografia tradizionale registra immagini generate dal riflesso su di un soggetto delle radiazioni visibili.Tali radiazioni, dal blu al rosso, si dispongono lungo uno spettro che va , in termini di lunghezza d’onda, dai 400 ai 750 nm (nanometri = milionesimi di millimetro). Sotto i 400 nm si hanno le radiazioni UV e sopra dei 700 nm si ha il campo del IR (Infrarosso). Per fare i fighi come l’ho appena fatto io basta andare su wikipedia.

Le foto ottenute assumono colori e toni molto particolari ed incisivi, il risvolto poetico sta nel fatto che, di fatto, attraverso la radiazione infrarossa fotografiamo qualcosa che “non vediamo”, surreale e un po’ particolare. Ecco cosa “non vedo” dal mio balcone (15 min di esposizione)

 

Ringrazio: la-musica-come-rimedio-per-tutto

Ti manca qualcuno: no 
Credi nelle relazioni a distanza :si 
Citazione preferita: “Perché nessuno possa dimenticare che non si è mai abbastanza lontani per trovarsi, mai.”
Cosa sogni di diventare da grande: una psicologa infantile oppure una fotografa
Cosa pensi della società? Meglio non commentare.
Una cosa particolare di te: Non riesco a vedere le persone a cui tengo tristi, farei di tutto per loro anche rendermi ridicola almeno per farli ridere un po’.
Che scuola frequenti? terzo anno di liceo scientifico
Rapporto con i genitori ? Normale
Hai rimpianti? Si
Quanti anni hai? Sedici
Regole:postare sempre le regole 
Rispondere alle domande della persona che ti ha taggato
Taggare altre 11 persone ed elencarle
Informarle di essere state nominate 
Dire alla persona che ti ha taggato di averle risposto . 
Nomino a mia volta :

infrarossi
adolescentibus
myclothestillsmellikeyou
settemiliardidipersoneedioamote
buioacceso
castellidinebbia
dolorecheuccide
finewho
grido-nel-vuoto
hobisognodiesseresalvataa
lombranelvento

Video Aereo a Raggi Infrarossi - Recupero Barcone Profughi a Siracusa : GDF

Video Aereo a Raggi Infrarossi – Recupero Barcone Profughi a Siracusa : GDF

Recupero in mare di profughi su barcone a largo di Siracusa: video aereo della GDF. le riprese notturne da parte di un mezzo aereo e di un mezzo navale della…
Video Rating: 5 / 5

Carlo Sibilia del Movimento Cinque Stelle discute della frana di Sarno e del comune…

View On WordPress

Il ruolo della termografia in EnergyCity

EnergyCity si avvale della termografia per effettuare la mappatura dei tetti degli edifici e determinare dove ci sono sprechi di energia. Che cos’è esattamente la termografia? Si tratta di una tecnica ad infrarossi che permette di verificare la temperatura di una superficie attraverso la misura della radiazione infrarossa emessa.

image

La termografia è facile da leggere perché offre una rappresentazione realistica degli oggetti o, nel nostro caso, degli edifici monitorati, con l’aggiunta di colori che rappresentano le diverse temperature. Con EnergyCity la mappatura termografica viene effettuata attraverso camere termiche che, installate a bordo di un aereo, volano sulle zone selezionate le fotografano mettendo in evidenza dove si disperde più energia. L’analisi può essere ripetuta nel tempo per verificare il miglioramento nella conservazione del calore.

Oltre ai tetti, si può misurare anche quanto calore si sta disperdendo da una singola parete o da una finestra, ad esempio per colpa di un vecchio infisso: questo è possibile grazie una termocamera portatile (o telecamera termografica), da cui si possono ricavare le mappe di temperatura delle singole superfici.

Tra pochissimi giorni verrà attivato un mini-sito interattivo che offrirà l’opportunità di prenotare un controllo termico gratuito della propria casa, che sarà effettuato attraverso strumenti come la termocamera!

Per saperne di più sulla termografia, trovate un valido approfondimento qui.
Per conoscere le attività di EnergyCity e rendere la casa più sostenibile, continuate a seguirci qui su Tumblr, su Twitter e sul sito ufficiale!

Dovette passare tempo prima che capisse che stava scappando. Scappando verso Nessuna Parte.
—  infrarossi
Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video