Infiltrazioni e altri difetti: la denuncia al costruttore non aspetti la perizia


Il condominio deve denunciare subito le infiltrazioni nella nuova costruzione senza attendere l’esito della consulenza del proprio tecnico: la possibilità di superare il termine annuale di decadenza riguarda solo i difetti che non sono immediatamente individuabili.

Il condominio che intende contestare al costruttore l’esistenza di gravi difetti nella nuova costruzione deve denunciarli (con…

View On WordPress

Lettera aperta al sindaco Marino e al ministro Alfano. Sms mentre Roma è in mano alle mafie?

Caro Sindaco, caro Ministro, vi scrivo dopo aver letto con grande attenzione le vostre ultime dichiarazioni sul piano Roma Capitale Sicura e spinto dalla conoscenza che ho dei fenomeni criminali che dominano la capitale del nostro paese acquisita nel lavoro di inchiesta che ho condotto negli ultimi anni assieme alla collega Floriana Bulfon sull’insediamento – e non infiltrazione – delle organizzazioni di stampo mafioso nella capitale pubblicata nel libro “Grande Raccordo Criminale” edito per Imprimatur e uscito solo lo scorso marzo.

Una sentenza della Corte di Cassazione sul finire del 2013, la n. 28669 del 27 dicembre 2013, ci consente di affrontare il tema dell’onere della prova e del valore, in questo contesto, della consulenza tecnica d’ufficio.

di Alessandro Gallucci

New Post has been published on Delusi Traditi e Incazzati

New Post has been published on http://delusitraditieincazzati.com/2013/10/27/fontana-denuncia-rischio-infiltrazioni-mafiose-al-parlamento-europeo/

Fontana denuncia: rischio infiltrazioni mafiose al parlamento europeo

COMUNICATO STAMPA FONTANA DENUNCIA: “RISCHIO INFILTRAZIONI MAFIOSE ANCHE AL PARLAMENTO EUROPEO” Il capodelegazione della Lega Nord oggi a Strasburgo: “In Italia la mafia controlla dei pacchetti di voti, che possono servire a eleggere deputati anche europei”. Strasburgo, 22 ottobre 2013 – La “bomba” è esplosa circa alle 16 di oggi a Strasburgo, durante il dibattito […]
Imola Oggi

Gmg: polizia brasiliana nega violenze, ma ammette infiltrazioni

(ASCA) – Roma, 24 lug – Accusata di aver istigato alla violenza durante la prima giornata di visita di papa Francesco a Rio de Janeiro, la polizia brasiliana si e’ difesa ammettendo tuttavia di aver infiltrato degli agenti fra i manifestanti. Lunedi’ gli…

View Post

Tribunale di Bari, sentenza del 14 gennaio 2010 n.104 

Ai sensi dell’art. 1117 cc le tubazioni sono di proprietà comune fino al punto di diramazione, esse assolvendo ad una funzione comune fino all’ingresso nella singola unità immobiliare privata, dove la conduttura è predisposta al servizio esclusivo della porzione di proprietà individuale. Pertanto, trattandosi di beni di proprietà comune, il condominio può essere chiamato a rispondere ex art. 2051 cc in presenza di infiltrazioni dannose dovute a difettosità od omessa manutenzione o ristrutturazione delle condutture, gravando sullo stesso, in qualità di custode, l’obbligo di mantenerle e conservarle in maniera tale da evitare la produzione di eventi dannosi.

  

Ai fini del riconoscimento della responsabilità del custode non è necessario che la res sia intrinsecamente pericolosa, ma è sufficiente, perché possa essere riscontrato il rapporto di causalità fra la cosa ed il danno, che la cosa abbia una concreta potenzialità dannosa per sua connaturale forza dinamica o anche statica o per effetto di concause umane o naturali.

  
(Nella specie, danni da infiltrazioni proveniente dalla colonna montante condominiale)

Infiltrazioni di pensieri a menti vuote!”
“Dottore, ci vorranno tantissime siringhe……”
“Anche tantissimi dottori……

Quando le infiltrazioni di acqua in un appartamento derivano dall’omessa manutenzione ordinaria che spetta al condominio, questi deve risarcire i relativi danni. Oltre al rimborso delle spese di risistemazione, il proprietario dell’appartamento vanta anche il diritto a vedersi rimborsati i canoni sostenuti per la locazione dell’immobile ove si era dovuto trasferire nel periodo in cui sul proprio appartamento si svolgevano le opere di riparazione.

Cassazione civile , sez. II, sentenza 19.04.2012 n° 6128

Un fatto allarmante che impone immediate verifiche. I cinque indagati per #terrorismo in #Veneto dimostrano che le preoccupazioni erano legittime, soprattutto dopo la diffusione del rapporto dei Servizi segreti reso noto nei giorni scorsi. Presenterò un’interrogazione parlamentare al Ministero dell’Interno chiedendo di sapere se esiste il rischio concreto di infiltrazioni integraliste nelle file islamiche. Chiederò al Viminale come intenda agire per contrastare presunti contatti tra fanatici e predicatori che vivono nella nostra regione e fermare, di riflesso, il pericoloso fenomeno del proselitismo promosso da chi cerca di chiamare ‘nuovi fedeli’ alla Guerra Santa. Leggi qui http://t.co/rtgjHXLIts

Che cosa sia la braga ce lo dice il dizionario della lingua italiana. Essa, con specifico riferimento agli impianti idraulici, è una raccordo biforcato che mette in connessione le tubazioni verticali con quelle orizzontali. Nel condominio, solitamente, i tubi posizionati in verticale debbono essere considerati di proprietà esclusiva, quelli in orizzontale di proprietà comune. L’art. 1117 n. 3 c.c. specifica che gli impianti debbono considerarsi (e non presumersi cfr. Cass. SS.UU. n. 7449/93) di proprietà comune “ fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini”. 

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video