ideatore

Nuovo post su http://bassanelli.it/10667/mr-kan-heui-cha-vice-presidente-del-design-lab-di-lg-electronics-e-ideatore-del-primo-tv-oled-curvo-del-mondo-presenta-a-milano-il-t-sign/

Mr. Kan-Heui-Cha, Vice Presidente del Design Lab di Lg Electronics e ideatore del primo TV Oled curvo del mondo presenta a Milano il “T-Sign”

“Coniugando Tecnologia e Design il designer può trasformare davvero la vita delle persone”

Si chiama “T-Sign” e non è un nuovo prodotto o una tecnologia del futuro ma una nuova parola, coniata da Mr. Kan-Heui-Cha – vicepresidente del Design Lab di LG Electronics, pluripremiato designer e ideatore del primo televisore OLED curvo del mondo – che sintetizza l’innovativa filosofia di approccio al design da parte dell’azienda coreana.

“In passato la tecnologia è sempre stata abbinata al design; il design di prodotto, quindi, stabiliva il trend del momento. Negli anni abbiamo assistito a diversi cambiamenti, sempre seguendo l’idea della perfezione. Siamo arrivati così a un design molto semplificato, quello comunemente definito minimalista”, dichiara Mr. Cha. “Oggi aggiungiamo una componente emozionale, per migliorare la user experience. Coniugando Tecnologia e design ci pregiamo di coniare una nuova parola, che sintetizza una filosofia: il “T-SIGN”. Possiamo quindi affermare che un bravo designer dovrebbe essere un “T-Signer”.

Mr. Cha – cinque volte premiato con il Red dot design Award, uno dei più autorevoli riconoscimenti di design a livello mondiale e in visita a Milano in occasione del Fuori Salone – rivendica la creatività dei coreani, dai cellulari ai TV e racconta com’è nata in LG la televisione del futuro.

“Andando indietro nella storia del televisore, partendo da quello a tubo catodico, pochi di noi ricordano una forma circolare; l’evoluzione ci ha portato ad una forma squadrata”, afferma Mr. Cha. “La scelta di curvare il pannello nasce dalla nostra sensibilità verso il fattore umano: i nostri bulbi oculari sono arrotondati; dando una forma arrotondata anche agli schermi sarà più facile avere una visuale ottimale (angolo ad angolo), e quindi un’esperienza visiva migliore. È questo il fattore chiave”.

Da un punto di vista tecnologico, la difficoltà dell’Oled non è legata principalmente al design: gli OLED hanno alle spalle un approfondito studio del prodotto. Un ostacolo da affrontare ha riguardato l’illuminazione: questi pannelli, infatti, non sono retroilluminati – non vengono cioè illuminati da una fonte di luce esterna – ma si illuminano autonomamente.

“È stata davvero una sfida, una tecnologia molto difficile da sviluppare”, conclude Mr. Cha. “E siamo fieri di poter dire di essere un passo avanti ai nostri concorrenti che lavorano ancora sui prototipi. I nostri schermi esistono già e hanno uno spessore di 4 mm. Più sottili di un cellulare. E arriveranno sul mercato prima di quanto ci si aspetti”.

 

LG Electronics, Inc.

LG Electronics Inc., leader a livello mondiale tra i produttori di TV a schermo piatto, prodotti audio e video, dispositivi mobili, condizionatori d’aria e lavatrici, è costituita da più di 93.000 dipendenti in 120 sedi operative, che comprendono 84 sussidiarie in tutto il mondo. Con un fatturato di vendite mondiali pari a 45,22 miliardi di dollari nel 2012, LG è suddivisa in quattro business unit: Home Entertainment, Mobile Communications, Home Appliance e Air Conditioning. Per maggiori informazioni: www.lgnewsroom.com

 

LG Electronics Italia

LG Electronics Italia ha chiuso il 2012 con un fatturato di oltre 353 milioni di euro. L’azienda, con sede a San Donato

Milanese e circa 250 dipendenti dislocati in tutta Italia, opera nei mercati di elettronica di consumo, telefonia mobile, elettrodomestici, prodotti informatici, condizionamento e soluzioni energetiche. Negli anni ha ottenuto ottimi risultati in ciascuna di queste aree ed è riuscita a essere presente su tutto il territorio nazionale in tempi brevissimi grazie a un’ampia offerta di prodotti estremamente innovativi e affidabili e ad una capillare rete di vendita.

Per maggiori informazioni: www.lg.com/it , www.lgblog.it

Cos’è la Clownterapia?

Patch Adams, medico statunitense e ideatore della Clownterapia, sostiene da sempre che il medico non deve solo curare il malato, ma anche prendersi cura di lui. Da diversi anni oltre ai medici clown si sono aggiunti i volontariclown di corsia”, persone che spesso non hanno niente a che fare con il mondo ospedaliero ma che con amore dedicano il proprio tempo, dopo essere stati formati, a chi ha difficoltà anche solo a ricordare come si sorride. Quest’aiuto, che può sembrare poca cosa, migliora sensibilmente la qualità della vita dei pazienti, permettendo loro un rapporto più sereno con la malattia e la cura da seguire.
In cambio, alla fine della sua visita, il clown porterà con sé un cuore appesantito dolcemente dai sorrisi ricevuti, dall’essere riuscito, seppure per breve tempo, a portare nelle sue fiabe gli occhietti dei bimbi che lo hanno accolto e gli occhioni di chi, nonostante l’età adulta e la consapevolezza della malattia, si è lasciato trasportare in un mondo magico per tornare a sorridere.

(Articolo) - Un click ed è subito food di qualità

Per chi non lo sapesse, Oscar Farinetti è l'ideatore della catena del food italiano di qualità chiamata Eataly, oggi diffusa a livello mondiale. Farinetti, come lui stesso lascia intendere nelle sue apparizioni pubbliche, ha semplicemente sfruttato la notorietà del brand Made in Italy che oggi va tanto di moda all'estero, trasferendo il know-how e le disponibilità finanziarie acquisite con la sua precedente esperienza di imprenditore dell'elettrodomestico, dalla catena UniEuro al più interessante e redditizio italian food. Nella

Leggi tutto…



from Novità da CucinArtusi.it http://ift.tt/1Ar2f4Y

Nonostante il programma stia per terminare la sua stagione televisiva, Detto Fatto non smette di sorprenderci e regalarci sorprese puntata dopo puntata. Anche in quest’ultima settimana di messa in onda, difatti, assistiamo a nuovi ingressi nel team dei tutor: a fare il suo primo tutorial in studio quest’oggi Marco Rossi, chef ideatore di piatti per […] http://ift.tt/eA8V8J

Vieni a brindare con noi e a toccare con mano Ego, la cucina Abimis pensata per l'ambiente domestico, ma nata dalla sapienza di Prisma, storico marchio specializzato nella realizzazione di cucine professionali, su terra e su mare.

Ad animare la serata con uno show cooking sorprendente, Andrea Campi, chef dell'Osteria al Dosso di Aprica (SO) e ideatore di Snood, il famoso gatto giallo che, grazie a una cucina Prisma, l'inverno scorso ha portato sulle piste da sci innovative rivisitazioni dei sapori della montagna.

Ti aspettiamo!

(Articolo) - Un click ed è subito food di qualità

Per chi non lo sapesse, Oscar Farinetti è l'ideatore della catena del food italiano di qualità chiamata Eataly, oggi diffusa a livello mondiale. Farinetti, come lui stesso lascia intendere nelle sue apparizioni pubbliche, ha semplicemente sfruttato la notorietà del brand Made in Italy che oggi va tanto di moda all'estero, trasferendo il know-how e le disponibilità finanziarie acquisite con la sua precedente esperienza di imprenditore dell'elettrodomestico, dalla catena UniEuro al più interessante e redditizio italian food. Nella

Leggi tutto…



from Novità da CucinArtusi.it http://ift.tt/1Ar2f4Y
PORNO MONDO - politically incorrect!

22 maggio, Teatro dell'Orologio, Roma

una produzione Teatro Forsennato (Roma)
scritto da Dario Aggioli e Katiuscia Magliarisi
regia Dario Aggioli
con attori che non vogliono rivelare la loro identità e altri attori che non sanno di esserlo


Il festival Inventaria ospita all’Orologio la compagnia Teatro Forsennato con un’opera fuori concorso. “Porno Mondo” non è uno spettacolo, ma un’inchiesta sul mondo del sesso (virtuale e non) che si pone lo scopo di mostrare sul palcoscenico l’osceno nella sua etimologia classica; dal latino ob-scenus “fuori dalla scena” , era tutto quello che nel teatro antico accadeva dietro la skenè perché considerato cruento e non sopportabile agli animi.
Dario Aggioli, ideatore del progetto, non si limita al ruolo di messo portatore di notizie, ma si fa compagno dello spettatore in questo viaggio attraverso la realtà nascosta della perversione sessuale. Tramite i social network di settore come grindr, delle chat room e web-cam come cam4, live jasmine e chatroulette, attua un’indagine concreta che chiama in causa anche lo spettatore più morigerato. Accompagnato da anonime attrici mascherate, racconta la vita privata dei protagonisti dell’erotismo riproducendo interviste verosimili: mistress, cam-girl, prostitute, porno-dipendenti, si alternano in una carrellata di stupore e imbarazzo che vorrebbe farci riflettere. Tutto, infatti, avviene in “diretta” davanti ai nostri occhi ma nell’anonimato garantito dalle mascherine offerteci prima dell’ingresso in sala. “Porno Mondo” ci chiama a partecipare a un gioco avvertendoci da subito che potrebbe diventare reale.
Un esperimento, quello di Aggioli, rischioso e per il quale dichiara di essersi servito della collaborazione di avvocati e psicologi: coinvolti nello spettacolo, infatti, attori inconsapevoli, clienti abituali del mercato pornografico, diventeranno per caso pedine della partita giocata sul palcoscenico. E l’adrenalinica attesa dell’imprevisto giova molto a tenere alta l’attenzione del pubblico che altrimenti sarebbe pudicamente distaccato. Le personalità più curiose accoglieranno, certo, l’estroversa sfida della produzione Teatro Forsennato tuttavia, se l’idea di Aggioli suscita scalpore e merita attenzione, non si esce dalla sala con molte domande.
Citando Julian Beck e Grotowski, maestri dell’avanguardia teatrale e rivoluzionari innovatori dell’utilizzo del corpo in scena, il regista ha voluto puntare molto in alto: ispirato a un teatro la cui sfida era suscitare il dubbio nello spettatore e riattivarne la sensibilità, “Porno Mondo” non fa altro che stuzzicare per la sua natura “politicamente scorretta”.

Silvia Maiuri

Tra le tante mostre programmate nei sei mesi di Expo 2015, dedicate ovviamente al cibo, spicca per la sua forte originalità “Cibo di carta”, prodotta dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese e allestita nei suoi spazi espositivi milanesi dal 10 giugno al 20 settembre 2015 e curata da Andrea Tomasetig che ne è anche l'ideatore.

(Articolo) - Un click ed è subito food di qualità

Per chi non lo sapesse, Oscar Farinetti è l'ideatore della catena del food italiano di qualità chiamata Eataly, oggi diffusa a livello mondiale. Farinetti, come lui stesso lascia intendere nelle sue apparizioni pubbliche, ha semplicemente sfruttato la notorietà del brand Made in Italy che oggi va tanto di moda all'estero, trasferendo il know-how e le disponibilità finanziarie acquisite con la sua precedente esperienza di imprenditore dell'elettrodomestico, dalla catena UniEuro al più interessante e redditizio italian food. Nella

Leggi tutto…



from Novità da CucinArtusi.it http://ift.tt/1Ar2f4Y
D'Agostino (Dagospia): "Renzi e Boschi finiranno male"

(liberoquotidiano.it) – “Matteo Renzi finché la barca va, andrà bene ma poi lo butteranno via”. Parola di Roberto D’Agostino che ha avuto anche la faccia tosta di dire quello che pensa in faccia al premier. “Un altro lavoro ce l’avrò sempre”, gli ha risposto piccato il presidente del Consiglio. “Contento lui…”, commenta l’ideatore di Dagospia intervistato dal Tempo.

Reclusi a Palazzo Chigi –D’A…

View On WordPress

Nuovo Post pubblicato su Milano Post Quotidiano ONLINE di Informazione e Cultura #AttentatoMuseoDelBardo, #PaoloRomani, #StrageDiTunisi, #TerrorismoInCasa

Nuovo Post pubblicato su http://www.milanopost.info/2015/05/21/strage-di-tunisi-romani-terrorismo-in-casa-il-governo-ci-irrideva/

Strage di Tunisi, Romani: Terrorismo in casa, il Governo ci irrideva

Milano 21 Maggio - “L'arresto alle porte di Milano del presunto ideatore ed esecutore dell'attentato terroristico al museo del Bardo di Tunisi, giunto in Italia su un barcone, prova che le nostre preoccupazioni, denunciate in più occasioni, non solo sono legittime ma reali: il terrorismo islamico è presente in Italia e potrebbe utilizzare il nostro territorio anche per preparare ed eseguire attentati. E’ una realtà serissima e da non sottovalutare. Il governo, che spesso ha smentito tale possibilità irridendo le nostre denunce, ora deve dare spiegazioni e muoversi con assoluta rapidità e fermezza per fermare gli sbarchi e per farsi sentire con forza e determinazione in Europa e negli altri organismi internazionali competenti. Se serve, anche con misure e provvedimenti che portino al blocco degli sbarchi e alla distruzione dei barconi. Non possiamo aspettare che accada anche in Italia qualcosa di simile a Tunisi o a Parigi. Renzi e Alfano non possono cavarsela solo complimentandosi con le nostre Forze dell'Ordine che fanno, e le ringraziamo, quanto è possibile fare nelle condizioni date”. Lo dichiara il presidente dei senatori di Forza Italia, Paolo Romani.

Milano Post

Racconti di YouTubers: Ironcross

Ivan è uno youtuber musicista, ideatore del canale Ironcross dove potrete trovare tanti video che raccontano le sue passioni con un sottofondo hard rock! Conosciamolo meglio.

Come è nato il tuo canale?
Principalmente ho aperto il canale per mettere online le tracce del mio vecchio gruppo, poi piano piano ho caricato un primo video dove si vedeva anche la mia faccia ed è cominciata la mia avventura su youtube


Quanto tempo ci dedichi? Come realizzi le tue clip?
Diciamo che gli dedico tutto il tempo che ho, anche se ho sempre tante cose da fare tra progetti musicali, gruppo, ecc.
Quando ho del tempo mi metto lì, scrivo il video e lo giro! Se si tratta di un corto scrivo le scene, cosa devo dire e poi giro il video. Se invece si tratta di una cover mi metto davanti alla videocamera e registro il pezzo mentre suono. Gli altri tipo di video che realizzo nelle altre rubriche hanno procedimenti simili.


Qual è il video che finora ti ha soddisfatto di più e quello invece che (almeno finora) ha un po’ deluso le aspettative?
Il video che mi ha più soddisfatto è quello dal titolo “10 cose che gli artisti emergenti non riescono ad imparare, quello che mi ha deluso un po’ le mie aspettative è quello dal titolo “Le 10 birre più strane al mondo (più che altro deluso dalla poca reazione del pubblico, me ne aspettavo di più visto che il video è venuto bene)

 


In che modo interagisci con i tuoi iscritti?
Con i miei iscritti cerco sempre di interagire spesso rispondendo SEMPRE ai commenti e contraccambiando sotto i loro video! Faccio lo stesso sotto i video dei big per cercare di farmi notare un po’ dalla community.


Un canale emergente da consigliare?
VivoPerSeiCorde (una persona di buon cuore che, nonostante tutto, continua a suonare e a suonare. Con lui sono alla seconda collaborazione)
StratoTeo7 (vlogger interessante e MAI pesante, non ti annoia mai con i suoi discorsi)
OrtolanoProduction (non è tanto un emergente perché ormai lo conoscono in tanti, ma ho collaborato con lui ed è una GRANDE)


Anticipazioni per i prossimi mesi?
Per i prossimi mesi non posso anticipare tanto ma.. arriverà una collaborazione con “VivoPerSeiCorde” molto importante che ci terrà molto uniti e, se andrà bene, continueremo finché si può!
Dovrei cominciare le riprese della rubrica “Progetto Birra - Alla scoperta dei birrifici Italiani” e, allo stesso tempo, inizierò a girare il mio primo cortometraggio.

(Articolo) - Un click ed è subito food di qualità

Per chi non lo sapesse, Oscar Farinetti è l'ideatore della catena del food italiano di qualità chiamata Eataly, oggi diffusa a livello mondiale. Farinetti, come lui stesso lascia intendere nelle sue apparizioni pubbliche, ha semplicemente sfruttato la notorietà del brand Made in Italy che oggi va tanto di moda all'estero, trasferendo il know-how e le disponibilità finanziarie acquisite con la sua precedente esperienza di imprenditore dell'elettrodomestico, dalla catena UniEuro al più interessante e redditizio italian food. Nella

Leggi tutto…



from Novità da CucinArtusi.it http://ift.tt/1Ar2f4Y
youtube

OMAGGIO A MARLENE DIETRICH

In occasione della giornata contro l'omofobia (17 maggio) all'incontro Meraviglie di Torino presso il Salone Internazionale del Libro abbiamo proiettato in anteprima il video ideato da Lorenzo Beatrice, uno dei ragazzi del progetto “A Piece About Us”, ideatore fra l'altro dei “Nuovi Percorsi” rivolto a un pubblico LGBTQI.

Buona visione e a presto con le novità su questi percorsi!

‪#‎FERRILLO‬ RISPONDE A MO’: «NESSUNA AGGRESSIONE, HANNO CAPOVOLTO I FATTI. CAMPAGNA MEDIATICA FAZIOSA CONTRO CHI LOTTA PER TERRA DEI FUOCHI»

Napoli. “Ma quale aggressione? Sono stati loro a provocare. Se qualcuno ha riportato il falso, è solo per avere un po’ di visibilità, non avendo, evidentemente, altri argomenti. La mia è stata solo una reazione di fronte ad atteggiamenti camorristici. La storia vera è tutt’altra. Dovrebbero vergognarsi». Non ci sta Angelo Ferrillo, ideatore e candidato della lista “Mai Più La Terra dei Fuochi”…

View On WordPress

Lo specchio nero

Il 30 Aprile 1993 il CERN di Ginevra rende pubblico il Web, strumento che tutti noi conosciamo e di cui molti non possono farne a meno. Un tempo per rendere pubblica una notizia necessitava la mediazione di un giornale, oggi c’è internet, per conoscere una persona bisognava incontrarla, oggi ci sono i social. Quanto ha influito tutta questa connessione nella metamorfosi sociale del XXI secolo? Questa domanda se l’è posta Charlie Brooker, ideatore e produttore di Black Mirror, una mini-serie televisiva britannica che con la prima stagione ci racconta tre storie separate, raccontate da regia e attori diversi per ogni episodio, con in comune il tema dell’incessante progresso delle tecnologie e delle connessioni interpersonali.

Nella prima puntata, “The National Anthem” l’attenzione si focalizza sulla capacità di servizi come il celebre Youtube di far arrivare istantaneamente una notizia in ogni angolo sviluppato del pianeta. La trama di questo episodio pilota considerato un “triller politico” vede il rapimento della Principessa Susannah, Duchessa di Beaumont, membro della famiglia reale inglese. La richiesta del rapitore non è delle più comuni, affinché la principessa venga rilasciata il primo ministro Michael Callow dovrà consumare, davanti le telecamere della TV nazionale, un rapporto sessuale completo con un maiale. I tentativi di tenere nascosta l’imbarazzante situazione sono tutti inutili, dato che la richiesta è stata pubblicata su Youtube. Il video diventa virale e nel giro di qualche ora tutto il mondo ne parla, milioni di occhi sono puntati sul protagonista della puntata, tenendo col fiato sospeso non solo il primo ministro, ma anche lo spettatore.

Col secondo episodio cambia tutto, questa volta ci troviamo nel futuro. Ma prima di parlare della trama bisogna volgere lo sguardo su alcune realtà odierne. E’ sempre più diffusa, specialmente tra i giovani, la tendenza a crearsi una “vita virtuale”. Si parte dal creare un nickname sui social network anonimi, ma si può arrivare a spendere moltissime ore su videogiochi online dove si fa crescere un personaggio, personalizzandolo, talvolta instaurando relazioni amorose con altri giocatori di cui conosciamo solo la controparte virtuale, si arriva poi a spendere soldi reali per migliorare la propria esperienza online.
15 Millions of Merits“ prende questo concetto e lo estremizza creando un futuro in cui gli esseri umani non sono nient’altro che un avatar. La vita del protagonista si riassume in pochi semplici atti, il risveglio in una stanza le cui pareti sono costituite interamente da schermi, un pasto confezionato e svariate ore passate a pedalare su una cyclette. Lo scopo è produrre energia, e come lui milioni di altri esseri umani fanno la stessa cosa, in compenso vengono retribuiti con una moneta virtuale che permette di mangiare e arricchire la propria esperienza virtuale, dato che in ogni momento della giornata si trovano davanti a degli schermi interattivi per far vivere il proprio avatar.

Queste sono le prime due di 6 episodi fin ora andati in onda di Black Mirror. Una profonda riflessione sulle nostre vite, sul XXI secolo, sulla tecnologia che diventa sempre più una parte di noi stessi e che influenza pesantemente il nostro modo di interagire con gli altri e col mondo circostante. La visione di questa serie TV è consigliata non solo per i temi, ma anche per le ottime scelte di regia e sceneggiatura capaci di tenere incollati allo schermo per tutta la durata di ogni puntata.

Di Giorgio Daino

Settimo è un artigiano. Un creativo. Uno scenografo. Un artematiko.
Lavora con il disegno, la pittura e la sua incredibile manualità, per dar vita ogni sorta di manufatto.
Regista e ideatore della web series “Together the S” sprizza fantasia da tutti i pori.

Assiduo frequentatore delle “case di tutti”. È stato uno dei primi instancabili volontari accorsi per contribuire alla creazione delle stesse.
Ad oggi resta un punto di rifermento fondamentale per la community, (anche) per quanto riguarda le sessioni di cucina improvvisata.

Dopo la nascita di Together non ha mai smesso di apportare il suo sostegno e il suo contributo alle iniziative proposte nelle case.
Giorno dopo giorno ci ha dimostrato che, armati di passione ed impegno, ma soprattutto lavorando insieme, si può realizzare qualsiasi cosa.