gruppohainz

Vi sono sistemi come l’ibrido che mettono in discussione tutta l’auto, sia per tutti i sistemi legati alla cinghia dei servizi sia il vantaggio nella realizzazione della trazione integrale da parte delle auto tedesche con la trazione posteriore. Alfa ha perso l’occasione di fare un pianale a trazione posteriore con 159 da utilizzare poi anche da Cadillac con la CTS ottenendo ottime economie di scala 

http://www.gruppohainz.it/auto-ibride/evoluzione-delle-auto/

I sistemi start&stop sono sistemi che non possono funzionare sempre, ma aiutano nel ciclo omologativo. Il segreto, oltre, alla trazione integrale ibrida, potrà essere l’utilizzo di sistemi che possano accumulare più velocemente energia come i supercondensatori che riscondo a recuperare decisamente più energia e ridarla più velocemente:

http://www.gruppohainz.it/auto-ibride/litio-ma-non-solo/

Gli italiano sono incredibilmente capaci nelle situazioni difficili e per questo ricoprono molti ruoli dirigenziali nel mondo, mi rendo conto, però, che almeno nel mondo dell’automotive manchino gli strateghi, persone capaci di guardare al futuro, soprattutto nell’ambito tecnico, senza ripensamenti: 

http://www.gruppohainz.it/fiat/l-estro-italiano/

Per fortuna Fiat non ha svenduto la tecnologia Multiair, anche se l’applicazione migliore risulta essere quella dei motori plurifrazionati più grandi e potenti sui quali sino ad oggi (2012) non si sono visti. Da sottolineare inoltre come un nuovo motore modulare con tutte le caratteristiche innovative come i.d.+turbo+Multiair e scarico posteriore di 1,6-2,0 di cilindrata sia diesel che benzina sarebbe stato perfetto risparmiando sull’evoluzione del Pratola Serra, dei WGE e di altri motori:

http://www.gruppohainz.it/fiat/considerazioni-sul-piano-motori-di-marchionne/