gaikai

Sony Reveals Streaming Service: PlayStation Now

At CES today, Sony finally unveiled their long-gestating streaming service: Playstation Now. The streaming client will be offered as a subscription-based service, while you will also be able to rent individual titles without a subscription.

Playstation Now promises to offer “classic” Playstation games across its library of previous consoles and will support trophies and online-multiplayer for its Playstation 3 titles. While the size and specific catalog of available games wasn’t confirmed, The Last of Us and Beyond: Two Souls were revealed to be available at the service’s launch.

After Sony spent $380 million purchasing the streaming service Gaikai in the summer of 2012, it became apparent that Playstation would be offering its own video game streaming service, similar to what Gaikai and OnLive had been offering prior. Sony confirmed last year that a streaming service would be coming to the PlayStation 4, but wouldn’t reveal any details about it until after the system’s launch.

The service begins closed-beta later this month, and will be launched fully on the PlayStation 4 and PlayStation Vita this summer.

2

PLAYSTATION NOW STREAMING SERVICE COMING 2014—STREAMS LEGACY PLAYSTATION GAMES TO A VARIETY OF MEDIUMS

Sony has announced that this summer they will launch the PlayStation Now service which lets you stream PlayStation 1, 2, and 3 games to your PlayStation 4, Vita, and a variety of other devices.

The Gaikai-based service lets you either rent individual games or pay for a subscription. While it hasn’t been disclosed what games will all be made available with the service, Sony has confirmed that the The Last of Us, Beyond: Two Souls, God of War: Ascension and Puppeteer will be available and are being demoed at CES.

Sony to bring PS2/PSone backwards compatablity to Vita and PS3 through Gaikai streaming service

image

First and third-party games to be streamed to hardware

Sony’s rumoured cloud gaming deal with Gaikai will allow current-generation hardware to play PlayStation 2 and PSone games via a streaming solution. [GI]


According to sources, the service will offer first-party games and be open to third-party publishers to sell back catalogue to players. The partnership is likely to be announced at E3 next week as part of Sony’s conference on Monday.

As someone who has used both OnLive and Gaikai, I’m not a fan of this. It’s inherent with lag and feels like your playing a video of someone playing a game. But I suppose some folks will get some use of this, even though from the sound of it, it will be on a per title basis and not a Netflix like deal. Expect more details next week. What are your thoughts on bringing back PS2 games via streaming?

youtube

Gaikai at Google I/O

[Gaikai] At Google I/O today in San Francisco, Google demonstrated streaming AAA video game content like Electronic Arts’ Bulletstorm, made by Epic Games and People Can Fly, in the Google Native Client on a Samsung Chromebox.

By working closely with Google’s team, Gaikai will soon allow you to run high end console-quality games instantly from the Cloud in your Chrome browser and Chrome OS without the need for Flash or Java. You can run a complete gaming experience, including using a gamepad and playing full screen.  

Speaking of the ultimate goal, we would like to deliver PlayStation games to all devices. So we’re considering various things like PC, TVs, Blu-ray players, smartphones and tablets. We hope to continue to expand not only to Sony devices, but even to devices other than Sony’s.
—  Shuhei Yoshida (President of Sony Computer Entertainment’s Worldwide Studios) discussing how Sony’s Gaikai streaming gaming service could work on non-Sony devices.
Телевизор как новая консоль

Написал на Канобу колонку по итогам CES про то, что производители телевизоров тоже хотят кусочек этой вашей индустрии.

…при правильном подходе телевизор может стать отличной платформой для компаний, которые не побоятся развивать какую-то свою среду - если смартфон с неугодной ОС психологически легко сменить на новый, то от телевизора так просто не избавишься, придется терпеть. Тем более, что со своей основной функцией - показывать картинку - большинство устройств справляются нормально. Отличия теперь начинаются в программном обеспечении и любимом мобильными “аналитиками” термине “экосистема”…

Original Article

Fire(place)

Kai doesn’t dislike Gaillard but it’s not likes him either. (ff.net link)

—-

Really, letting Gaillard visit Kai’s school for a day is not one of the best things Aichi suggested. So they can get to know each other, since they’re friends and stuff now. Well, to be more accurate, it’s probably one of his worst ideas.

It starts before the first lesson even begins. Mostly because Ren’s ideas are usually pretty bad and if Aichi mentions something that is already not a good idea, Ren exponentiates it with ten. "Since Gai-kun’s going to your school tomorrow, why don’t you let him stay over at your place?" are the words the people who bury him today in the afternoon can engrave on his tombstone. Of cause, Kai shakes his head, because wow, that dude’s staying at your place and you can keep him, thank you very much.

Read More

youtube

Как-то это светлое будущее очень быстро превращается в настоящее.

#Gaikai e #Onlive sono qui e hanno già iniziato a rivoluzionare il mondo dei videogiochi

Di solito si parla delle console del futuro, ora più che mai visto che anche questa generazione di macchine da gioco sta volgendo al termine, con l’arrivo imminente di WiiU e a seguire tutti gli altri. Ma oggi piuttosto che di “console del futuro" sarebbe più giusto parlare di "futuro delle console”. Che gli appassionati si mettano l’anima in pace, non serviranno a nulla i capricci delle teste più dure, quel che sta accadendo va oltre questo mercato, coinvolge il concetto stesso di computer, l’utilità di hardware sempre più potenti, trasformerà tutto e i videogiochi non potranno rifuggiarsi, ma solo adeguarsi. 

La rivoluzione Cloud, lo streaming sempre più agile delle connessioni moderne, impongono un ripensamento che ha le potenzialità di rilanciare un mercato che tutt’ora rischia una stagnazione grave, sopratutto per dei modelli di business non più contemporanei, apparentemente incapaci di generare abbastanza denaro per sostenere gli investimenti degli sviluppatori. Il concetto stesso di esclusiva, nata dopo la rinascita del mercato dei videogiochi seguita al crollo del 1983, è un elemento che limita fortemente la popolarità di prodotti che al contrario meriterebbero su di loro tutte le attenzioni. Un grande film in uscita non disperde parte delle sue qualità in favore del lettore su cui gira, se le tiene tutte per sé, è lui che deve brillare, cercando di raggiungere più utenti possibili. Il videogioco prima di tutto, Heavy Rain e Halo, se ne hanno davvero le qualità, devono poter vendere il triplo, esprimere totalmente le loro potenzialità. E per farlo non serve altro che una console unica, o meglio, una non console, vogliamo chiamarlo… servizio? 

Le carte sono già in tavola, mancano solo le infrastrutture ma stanno arrivando, il loro ritardo comprometterebbe non l’uscita di un gioco, ma le economie stesse degli stati. Anche nel vostro paesino, fino a cinque anni fa, probabilmente si stava molto ma molto peggio in quanto a collegamenti a Internet, e sono passati solo cinque anni. Ora, proprio in questo preciso momento, con la giusta connessione (oltre i 5 mega) potete andare con i vostri browser su uno di questi due indirizzi www.gaikai.com www.onlive.com e in tre secondi giocare a qualsiasi gioco tra quelli presenti, senza dover scaricare nulla, senza preoccuparvi dei driver della vostra scheda video o dello spazio nell’hard disk, c’è un server in remoto che lo caricherà per voi. E questo è il futuro. Perché a patto di avere una connessione a portata di mano (e chissà tra cinque anni cosa ci riserveranno le linee mobile), si è liberi di giocare a qualsiasi titolo su qualsiasi oggetto che abbia uno schermo. 

L’avvenimento videoludico più importante degli ultimi mesi, sottovalutato da praticamente tutte le testate specializzate, è l’arrivo di Gaikai sulle nuove televisioni LG. E tra l’altro, queste televisioni sono di ottima qualità, hanno 3D passivo (quindi occhialini senza pile!) e un prezzo più allettante di quello Samsung (che in questi anni ha dominato il mercato con una strategia simile) e tra poche settimane al loro interno avranno di base un sistema che in tre secondi, tre miseri secondi, ti metterà davanti a un videogioco… a me suona proprio come una console, ci puoi collegare pure un pad. Ma nulla toglie alla concorrenza di stringere la stessa alleanza, non c’è esclusività, oppure magari rivolgersi ad Onlive, molto più maturo di Gaikai e con un’interfaccia che già ora può rivaleggiare con il Live dell’Xbox. Pensate che su Onlive è possibile guardarsi in diretta le partite non solo dei vostri amici, ma di tutti coloro che in quel momento stanno usando il servizio, oltre che a mandarsi messaggi, complimentarsi per la super mossa appena sferrata, insomma, quel che possiamo chiamare un social club di nuova generazione, a pensarci proprio ciò che ci aspettiamo da una nuova Xbox, o dal nuovo PlayStation Network. E c’è già, esiste, ora, con i suoi limiti, limiti di cui però già si vede la fine. Cosa vieta a Microsoft di fare lo stesso? Cosa vieta a Microsoft di rilasciare una console (perché oggi realisticamente ancora serve una console) che sia anche un punto d’accesso al suo nuovo Live, in forma simile a quella di Gaikai e Onlive, da inserire in tutti i Windows8 sparsi tra desktop, portatili e tablet, nei televisori Samsung, perchè no? E questa non è la strada che probabilmente prenderanno i videogiochi, questa è la strada che è stata già imboccata e anche a una discreta velocità. Tenetevi forte. 

Sony buys Gaikai game streaming service for $380M

image

At one point, Microsoft was apparently looking to buy OnLive, but today Sony announced it was definitely getting into the streaming video game business with its acquisition of Gaikai. The deal officially closed on June 30, and Sony is purchasing the California-based company as part of a move to disrupt the gaming business.

Read More