3

Avete mai visto un albero che germogliasse libri? Siamo abituati a vedere spuntare sugli alberi fiori o frutti, rami sempre verdi e foglie cangianti ma a Berlino sta accadendo dell’incredibile: alcuni alberi lungo Prenzlauer Berg sono diventati dei distributori gratuiti di libri. Il progetto, intitolato Book Forest, è stato ideato da BauFachFrau e fa parte del programma BookCrossing Club che realizza librerie gratuite in tutto il mondo. Lo scopo è portare libri usati da condividere in luoghi pubblici in modo da rendere sempre accessibile la lettura a tutti. “Benvenuto nella biblioteca del mondo! É facile trovare libri, condividerli e incontrare altri amanti della lettura”, si trova scritto sul sito.

Il bookcrossing è ormai un movimento mondiale diffuso, organizzato in un database centrale (www.bookcrossing.com), per la circolazione libera dei libri che, opportunamente registrati, sul sito consente di seguire i loro viaggi attraverso il mondo. A Berlino l’iniziativa ha visto il singolare progetto di trasformazione di alcuni alberi abbattuti in vere e proprie foreste di libri: i tronchi degli alberi sono stati trasformati in apposite teche dove il passante può depositare il suo libro usato per una condivisione libera e gratuita della cultura. Ogni blocco di legno inutilizzato viene opportunamente scavato, dotato di tante finestrelle in cui prendere e lasciare i libri, e ogni finestra viene protetta da tendine di plastica in modo da proteggere i libri dalle intemperie.

Ogni ‘foresta di libri’ può contenere fino a 100 libri che chiunque può prendere o lasciare. “Forest Books contribuisce a uno sviluppo sostenibile dell’istruzione professionale e si occupa di dare valore alla catena foresta-legno-libro”, spiega l’associazione BauFachFrau, “È stato sviluppato e realizzato come un approccio interdisciplinare, nato dalla cooperazione di esperti di foreste, carpenteria, falegnameria, media design, stampa e libri”. La parole d’ordine è semplice: condivisione.


Credit by http://design.fanpage.it/berlino-gli-alberi-diventano-distributori-di-libri-gratuiti/
youtube

“What happens when you put a boy in front of a girl and ask him to slap her? Here is how children react to the subject of violence against women.”

The cutest thing I have ever seen.

3

In an attempt to draw attention to domestic violence issues against women, Italian news website Fanpage created a video that features several young boys and a young girl named Martina.

In the video, the narrator asks five boys — ranging from ages 6 to 11 — a series of introductory questions about themselves and a girl named Martina. Then the narrator asks the boys to slap Martina. Ultimately, each boy refuses to “slap a pretty girl.”

Since being posted to Facebook on Jan. 3, the video has already garnered more than 29 million views, likely due to its uncomfortable nature.

You can watch the full video here.

And a word to the wise: You should probably stay from slapping people in general, not just because they’re pretty or girls.