diretion

C’avete presente er primo 6 che avete sculato in matematica? Con quel professore che ve mandava a fanculo con l’occhi appena entrava in classe? C’è l’avete presente il “cielo è azzurro sopra berlino” del 2006 che annunciava a tutto er mondo che eravamo noi più forti? O magari quel 60 che avete sculato,che non sapete manco voi come ,alla maturità? Me direte che tra tutte ste meraviglie non sapete manco voi quale sia la migliore. La più bella. Mbè ve lo dico io. Nessuna de queste. No perché tutto questo paragonato all’ occhi sua non è un cazzo. A quell occhi che me sento ancora addosso. Che me facevano tremà appena incontravano i miei. Regà io de belle ragazze ne ho incontrate nazionale cifra e a modo loro me facevano partì tutte la brocca. Però ve giuro che quando ho conosciuto lei io ho smesso de respirà. Ho incominciato a vive in apnea e le uniche boccate d’aria che prendevo c’è l’avevo solo quando la rivedevo. C’avevo paura de toccalla de faje male,de falla sfiorì. Na perla simile non poesse toccata da tutti,te la devi merità,nun la poi sporcà. Ma un giorno regà lei m’ha parlato. C’ho ancora i brividi se ce penso. Semo stati tutto il pomeriggio insieme,l’ho portata ar Pincio,a villa borghese,al giardino dell’aranci a guardà tutta roma a i piedi sua. Co quer tramonto, er sole che scendeva sempre più giù..Non so se era più bella lei o tutti tramonti de Roma che ho mai visto.Me tremavano le gambe,me sentivo così fortunato a sta davanti a na bellezza simile che me veniva da piagnè. M’ha parlato della paura sua de fidarse delle persone, de fasse conosce per quella che è veramente,de fasse amà. Me teneva la mano, m’accarezzava la guancia e me sorrideva. Io non c’avevo er coraggio de parlà. A n’certo punto m’ha baciato. Ma
‘ha passato le labbra sulle mie,ho chiuso e abbiamo fatto l’amore solo con quer bacio. Con tutta Roma a guardacce. Le mani sue intrecciate alle mie,quer profumo d’estate che c’aveva addosso,de libertà,de vittoria. M’ha fatto capì er significato de esse n’omo. M’ha insegnato a batteme per le cose che me fanno batte er core,a difende l’amici mia. M’ha fatto cresce, e diventa l’uomo giusto pe lei. Pe lei e basta. M’ha fatto vive l’anni più belli della vita mia,però se sa: le cose belle finiscono sempre troppo in fretta. Ma na cosa ve la voglio dì regà:dopo 5 anni ogni vorta che rivedo quer tramonto sento qualche cosa che m’esplode dentro ar core. Na scintilla ,na fiamma che me ricorda che a sto monno manco mi madre m’ha guardato co quello sguardo che c’aveva lei.
—  Cit.