decurtis

Watch on nassays.tumblr.com

Just in case you missed it, here’s my interview at @92Y with Anthony DeCurtis

10

R.I.P. Virna Lisi
(born Virna Lisa Pieralisi, (November 8, 1936 - December 18, 2014) was a Cannes, David di Donatello, Silver Ribbon and César award-winning Italian film actress.

"The Hollywood career"
Hollywood producers sought a new Marilyn Monroe, and so Lisi debuted in Hollywood comedy as a blue-eyed blonde temptress opposite Jack Lemmon in How to Murder Your Wife (1965) and appeared with Tony Curtis in Not with My Wife, You Don’t! (1966). Lisi then starred with Frank Sinatra, in Assault on a Queen (1966), in La Ragazza e il Generale, co-starring with Rod Steiger, and in two films with Anthony Quinn, The Secret of Santa Vittoria, directed by Stanley Kramer, and the war drama The 25th Hour. She also gained attention for a photo of her ‘shaving’ her face that appeared on the March 1965 cover of Esquire magazine.

Cinema
…e Napoli canta!, regia di Armando Grottini (1953)
Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi, Giorgio Pastina, Mario Soldati e Luigi Zampa (1954)
Violenza sul lago, regia di Leonardo Cortese (1954)
La corda d’acciaio, regia di Carlo Borghesio (1954)
Desiderio ‘e sole, regia di Giorgio Pastina (1954)
Lettera napoletana, regia di Giorgio Pastina (1954)
Piccola santa, regia di Roberto Bianchi Montero (1954)
Ripudiata, regia di Giorgio Walter Chili (1954)
Il cardinale Lambertini, regia di Giorgio Pastina (1954)
Addio Napoli!, regia di Roberto Bianchi Montero (1954)
Il vetturale del Moncenisio, regia di Guido Brignone (1954)
Luna nuova, regia di Luigi Capuano (1955)
Vendicata!, regia di Giuseppe Vari (1955)
La rossa, regia di Luigi Capuano (1955)
Le diciottenni, regia di Mario Mattoli (1955)
Lo scapolo, non accreditata, regia di Antonio Pietrangeli (1955)
La piccola guerra (Les Hussards), regia di Alex Joffè (1955, ma uscito in Italia nel 1961)
La donna del giorno, regia di Francesco Maselli (1956)
Il conte di Matera, regia di Luigi Capuano (1957)
Totò, Peppino e le fanatiche, regia di Mario Mattoli (1958)
Vite perdute, regia di Andrea Bianchi (1959)
Il padrone delle ferriere, regia di Anton Giulio Majano (1959)
Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
Caterina Sforza, la leonessa di Romagna, regia di Giorgio Walter Chili (1959)
Un militare e mezzo, regia di Steno (1960)
Sua Eccellenza si fermò a mangiare, regia di Mario Mattoli (1961)
5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1961)
Romolo e Remo, regia di Sergio Corbucci (1961)
Eva (Eve), regia di Joseph Losey (1962)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
Il delitto Dupré (Les Bonnes Causes), regia di Christian-Jaque (1963)
Il tulipano nero (La Tulipe Noire), regia di Christian-Jaque (1964)
Agente Coplan: missione spionaggio (Coplan prend des risques), regia di Maurice Labro (1964)
Le bambole, episodio La telefonata, regia di Dino Risi (1965)
La donna del lago, regia di Luigi Bazzoni e Franco Rossellini (1965)
Casanova ‘70, regia di Mario Monicelli (1965)
Come uccidere vostra moglie (How to murder your Wife), regia di Richard Quine (1965)
Una vergine per il principe, regia di Pasquale Festa Campanile (1965)
Oggi, domani, dopodomani, episodio L’ora di punta, regia di Eduardo De Filippo (1965)
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
Signore & signori, regia di Pietro Germi (1966)
U-112 assalto al Queen Mary (U-112, Assault on Queen Mary), regia di Jack Donohue (1966)
Due assi nella manica (Not with my Wife, you Don’t), regia di Norman Panama (1966)
La ragazza e il generale, regia di Pasquale Festa Campanile (1967)
La 25ª ora (La Vingt-cinquième heure), di Henri Verneuil (1967)
Le dolci signore, regia di Luigi Zampa (1967)
Arabella, regia di Mauro Bolognini (1967)
Meglio vedova, regia di Duccio Tessari (1968)
Tenderly, regia di Franco Brusati (1968)
Se è martedì deve essere il Belgio (If It’s Tuesday, This Must Be Belgium), regia di Mel Stuart (1969)
L’albero di Natale (L’Abre du Noël), regia di Terence Young (1969)
Il segreto di Santa Vittoria (The Secret of Santa Vittoria), regia di Stanley Kramer (1969)
Tempo di violenza, regia di Sergio Gobbi (1970)
Giochi particolari, regia di Franco Indovina (1970)
La statua (The Statue), regia di Rodney Amateau (1971)
Il bel mostro (Un beau monstre), regia di Sergio Gobbi (1971)
Roma bene, regia di Carlo Lizzani (1971)
Improvvisamente una sera… un amore (Les galets d’Etretat), regia di Sergio Gobbi (1972)
Barbablù (Bluebeard), regia di Edward Dmytryk (1972)
Il serpente (Le Serpent), regia di Henri Verneuil (1973)
Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1973)
Il ritorno di Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1974)
Al di là del bene e del male, regia di Liliana Cavani (1977)
Ernesto, regia di Salvatore Samperi (1978)
Bugie bianche, regia di Stefano Rolla (1980)
La cicala, regia di Alberto Lattuada (1980)
La donna giusta (The Miss Right), regia di Paul Williams (1982)
Sapore di mare, regia di Carlo Vanzina (1983)
Amarsi un po’, regia di Carlo Vanzina (1984)
I Love N.Y., regia di Alan Smithee (1987)
E non se ne vogliono andare!, regia di Giorgio Capitani (1988)
I ragazzi di via Panisperna, regia di Gianni Amelio (1989)
Buon Natale… buon anno, regia di Luigi Comencini (1989)
E se poi se ne vanno?, regia di Giorgio Capitani (1989)
La regina Margot (La Reine Margot), regia di Patrice Chéreau (1994)
Cento e una notte (Les cent et une nuits de Simon Cinéma), regia di Agnès Varda (1995)
Va’ dove ti porta il cuore, regia di Cristina Comencini (1996)
Il più bel giorno della mia vita, regia di Cristina Comencini (2002)
Latin Lover, regia di Cristina Comencini (2014) in produzione
Doppiatrici
Virna Lisi è una delle poche attrici italiane che ha recitato quasi sempre con la sua voce (anche nei film da lei girati all’estero si è quasi sempre auto-doppiata in italiano); solo in poche occasioni l’attrice è stata doppiata da:

Miranda Bonansea in: …e Napoli canta!, Piccola santa
Deddi Savagnone in: Il giorno più corto
Maria Pia Di Meo in: Vite perdute, Il tulipano nero, Come uccidere vostra moglie, Le bambole, Il padrone delle ferriere, Arabella
Carla Boni in: La cicala (parti cantate, nei dialoghi la Lisi recita con la propria voce)
Nel film Il giorno più corto, in una scena in cui è travestita da uomo, la Lisi recita con la voce di Gianfranco Bellini.

Televisione
Orgoglio e pregiudizio, regia di Daniele D’Anza (1957) sceneggiato televisivo
Ottocento, regia di Anton Giulio Majano (1959) sceneggiato televisivo
I masnadieri, regia di Anton Giulio Majano (1959) sceneggiato televisivo
Cenerentola, regia di Stefano De Stefani (1961) sceneggiato televisivo
Il caso Maurizius, regia di Anton Giulio Majano (1961) sceneggiato televisivo
Una tragedia americana, regia di Anton Giulio Majano (1962) sceneggiato televisivo
Philo Vance, episodio La canarina assassinata, regia di Marco Leto (1974) Miniserie TV
…e la vita continua, regia di Dino Risi (1984) Film TV
Cristoforo Colombo, regia di Alberto Lattuada (1985) Miniserie TV
Se un giorno busserai alla mia porta, regia di Luigi Perelli (1986) Miniserie TV
Cinema, regia di Luigi Magni (1988) Film TV
E non se ne vogliono andare!, regia di Giorgio Capitani (1988) Film TV
E se poi se ne vanno?, regia di Giorgio Capitani (1989) Film TV
I misteri della giungla nera, regia di Kevin Connor (1991) Miniserie TV (distribuita all’estero in una riduzione cinematografica)
Passioni, regia di Fabrizio Costa (1993) Serie TV
Uno di noi, regia di Fabrizio Costa (1996) Miniserie TV
Deserto di fuoco, regia di Enzo G. Castellari (1997) Miniserie TV
Cristallo di rocca, regia di Maurizio Zaccaro (1999) Film TV
Balzac, regia di Josée Dayan (1999) Film TV francese
Le ali della vita, regia di Stefano Reali (2000) Film TV
Un dono semplice, regia di Maurizio Zaccaro (2000) Film TV
Le ali della vita 2, regia di Stefano Reali (2001) Film TV
Piccolo mondo antico, regia di Cinzia Th. Torrini (2001) Miniserie TV
Occhi verde veleno, regia di Luigi Parisi (2001) Miniserie TV
La memoria e il perdono, regia di Giorgio Capitani (2001) Miniserie TV
Il bello delle donne, regia di Maurizio Ponzi (2001-2003) Serie TV
I ragazzi della via Pál, regia di Maurizio Zaccaro (2003) Film TV
A casa di Anna, regia di Enrico Oldoini (2004) Miniserie TV
Caterina e le sue figlie, regia di Fabio Jephcott (2005) Miniserie TV
L’onore e il rispetto, regia di Salvatore Samperi (2006) Serie TV
Donne sbagliate, regia di Monica Vullo (2007) Film TV
Caterina e le sue figlie 2, regia di Vincenzo Terracciano e Luigi Parisi (2007) Miniserie TV
Fidati di me, regia di Gianni Lepre (2008) Miniserie TV
Il sangue e la rosa, regia di Luciano Odorisio e Luigi Parisi (2008) Miniserie TV
Caterina e le sue figlie 3, regia di Fabio Jephcott (2010) Miniserie TV
La donna che ritorna, regia di Gianni Lepre (2011) Miniserie TV
Baciamo le mani - Palermo New York 1958, regia di Eros Puglielli (2013) Serie TV
Madre, aiutami, regia di Gianni Lepre (2014) Miniserie TV
È la mia famiglia, (2015) Serie TV

There were limits, needless to say, to what Harrison would put up with. At the photo shoot for ‘Rolling Stone’ cover story pegged to ‘Cloud Nine,’ the photographer encouraged Harrison to move around a bit. Harrison, who was feeling tired and grumpy, made a few halfhearted efforts to twirl his arms and smile. When the photographer pushed him to do more, Harrison looked at him coolly and simply said, ‘I’m forty-four years old.’ In an effort to get him pumped up, the photographer’s wife said, ‘Don’t you want to be on the cover of “Rolling Stone”?’

That was a mistake. Harrison stopped the shoot, stood completely still and glared. The room was stone silent. All of Harrison’s casual downplaying of the Beatles evaporated, and he was now standing there, unmistakably, as one of the most famous men in the world. ‘Can I possibly tell you how little that means to me?’ Harrison then said, speaking very deliberately. ‘I’ve been on every magazine cover there is. I’ve been all over the world, and met every political and religious leader there is to meet, and none of them impressed me - let alone the world of pop music. The first person who ever impressed me was Ravi Shankar, because he helped show me a way beyond all that.’ “Don’t I want to be on the cover of ‘Rolling Stone’?” I couldn’t care less.’

The shoot wrapped up rather soon after those remarks, and everyone bolted out of that room as fast as they could. As the nearest representative of this magazine, I was moving down the corridor at a pretty brisk pace myself. Then Harrison called my name and came up to walk beside me. He took my arm and said, ‘I hope you weren’t offended by that.’ He broke into a smile. ‘That was for their benefit.’

—  Anthony DeCurtis, Rolling Stone, January 17, 2002