decollage

Mimmo Rotella (Catanzaro, 1918 – Milano, 2006)

Marylin

1963, Verona, Coll. privata

decollage, 70 x 100 cm

-

Te capita che vedi dii manifesti strappati a casaccio su un muro mentre magari stai a aspettà l’auto e te sei scordato l’aipodde e pè noia te metti a guardà sti postere. J'è capitato pure a Rotella, e siccome lui è n’artista jè venuta come n’illuminazzione e cià fatto dii quadri. E se chiameno decollage perché ner collage attacchi ner decollage strappi. Si vòi, ce pò pure sta ‘n significato che tipo ‘a civirtà diimmaggine è sottile, superficiale come ‘n manifesto, che abbasta che piove o passa ‘n regazzino coo strappa, e via, st’immaggine se rovina co un gnente. Ma 'a cosa più ‘mportante è che tra li manifesti strappati pe strada e quelli de Rotella nun ce sta tanta differenza: se 'a differenza ce sta, nun è de come sò fatti, ma de come sò visti. Se te vedi li postere strappati aa fermata dell’auto nun ce fai caso, se ‘nvece vedi ‘n decollage de Rotella a un museo 'o guardi pe trovacce quarcosa. Perché ner museo ce sta l’arte. E te viè da pensà che certe vorte l’arte nun è tanto come na cosa è fatta ma come na cosa è vista, come 'a guardi te. Pure ‘n mucchio de monnezza, o ‘n muro sgarupato, ponno esse arte, se 'i guardi solo come forme, e ‘mmaggini de mettece na cornice ‘ntorno.

Ascolta l'audio