Voglio accorgermi del tempo che passa attraverso il ricordo dei miei vecchi racconti, o attraverso il ricordo delle veglie notturne trascorse al lume della penna, voglio che la mia memoria conservi sottigliezze verbali, fregi e ornamenti, accenti, catene di parole, ripetizioni, virgole, virgole, e ancora virgole. Voglio vivere con l’inchiostro incastrato fra le ciglia, e chiuderò gli occhi solo per trascrivere quel che essi avranno osservato. 

Non esistono sigarette uguali.

C’è quel tipo di sigaretta che fumi in compagnia, non la assapori veramente, la fumi un po’ a caso, anche un po con sfacciataggine, forse anche solo per inerzia perché lo stanno facendo tutti, magari nemmeno ti andava.
C’è quel tipo di sigaretta che invece, proprio non ti va giù, fai tre-quattro tiri e poi la lasci cadere a terra e la calpesti col piede.
C’è quel tipo di sigaretta che fumi fino al filtro, fino a sentire le labbra scottare, quella sigaretta che aspettavi da tanto e che poi è arrivata e non puoi perderti nemmeno un tiro.
C’è quel tipo di sigaretta che lasci a metà, e poi la butti.
C’è quel tipo di sigaretta che , malgrado te la stai fumando , lasci gli ultimi due tiri alla migliore amica .
C’è quel tipo di sigaretta che ti conservi sempre per i tuoi momenti da sola, che non vuoi condividere con nessuno, quei momenti un po bui, dove ti isoli dal mondo e finisci per trasformare tutti i tuoi pensieri in fumo, proprio quello che esce da quella sigaretta. Forse troppo corta per tutti i pensieri che hai in testa, forse lunga il giusto per rendere quel momento così intimo.
C’è quel tipo di sigaretta che accendi al contrario, perché sei troppo di fretta.
C’è quel tipo di sigaretta che , sbadatamente, spezzi.. E butti via.
C’è quel tipo di sigaretta che scrocchi, timidamente.
C’è quel tipo di sigaretta che ti fumi piano, e va a finire che il fumo entra negli occhi e piangi, e finisci con l’insultarti.
Infine c’è quella sigaretta che giri ogni volta che inizia il pacchetto e la chiami ” la sigaretta della fortuna” e quando arriva il momento di fumartela , esprimi un desiderio e ti ricordi quanto è bello sperare, ancora.. Un po come quando da piccoli ci facevano spegnere le candeline sulla torta ed esprimere il desiderio.

Ma se proverà un sentimento sincero,lo nasconda come un tesoro e non ne lasci mai trapelare l’esistenza, altrimenti sarebbe perduto: non sarebbe più l’aguzzino, bensì diverrebbe la vittima. E se mai amerà, conservi gelosamente il suo segreto; non lo confidi ad alcuno prima di aver saputo con sicurezza a chi apre il suo cuore. E per preservare in anticipo l’amore che ancora non esiste, impari a diffidare di questa gente.
—  Honorè De Balzac
"Oggi è la nottata di Ferragosto" "Di Ferra-che??"

Quando ero più piccola, circa dai 14 anni in su, avevo la frenesia del ferragosto.
Stavo giu in Sicilia, quindi il falò sulla spiaggia e la nottata in bianco era d’obbligo. Stavo sempre con persone più grandi di me e la spesa consisteva in alcolici e zero cibo (per quello ci saremmo arrangiati in qualche modo), restava solo da scegliere la spiaggia.
Giorni e giorni di proposte, valutazioni, discussioni per poi finire alla stazione il 14 pomeriggio e decidere sul momento in che direzione andare.
Ricordo tutto ancora adesso con una punta di nostalgia. Fanno parte di quei ricordi in cui selezioni solo i momenti migliori e li conservi così.

Poi il tempo è passato. Ho smesso di cercare di sentirmi più grande, ho smesso di voler dimostrare più anni di quelli che avevo, e anche la frenesia del ferragosto mi è passata.
Sono cresciuta davvero, ho capito cosa significasse essere “grandi”, molte cose e persone sono cambiate e tutto è apparso sotto una luce diversa.

Questo è il secondo ferragosto che passo in una Roma deserta.

Sarà che questi ultimi mesi sono stati i più difficili della mia vita, sarà che ho la mente affollata di problemi, pensieri, ansie..ma solo per una sera, una soltanto, vorrei tornare ad essere quella ragazzina 15enne che smaniava per andare a passare la notte sulla spiaggia, a bere qualche shottino intorno al falò, a fare il bagno a mezzanotte, a guardare le stelle ed esprimere desideri, a stringermi accanto al mio migliore amico aspettando l’alba e cominciare la giornata fiduciosa del fatto che qualcuno i miei desideri li aveva ascoltati.

Invece oggi andrò a pranzo con una delle mie migliori amiche e poi tornerò a casa, e passerò la serata a leggere un libro. 

Un programma che va bene anche per ferragosto.

(in memoria dei ferragosti passati)

image

image

Ti avvicini sorridendomi
Col volto di una bambina.
Sei nuda,
Ti accarezza solo il sole
Che splende di fuori.
Non smetti di sorridere,
E diventi uno scatto
In seppia.
Hai paura del tempo,
Conservi quella foto
Come unica certezza
Di quello che sei,
Perché non sai
Che anche fra tanti anni
Ti amerò uguale.

Ti avvicini sorridendomi
Con lo sguardo di una bambina.
Sei nuda,
Ti accarezza solo il buio
Che riempie la stanza.
Piangi,
E mi regali il tuo scatto
In seppio.
Vorresti più tempo,
Ma devi staccarti dalla foto
Perchè sai
Che anche fra tanti anni
Ti amerò uguale.

Ti avvicini sorridendomi
Senza più volto.
Non hai più corpo,
Sei solo anima
Che aleggia in ogni stanza.
Canti,
E rivedo il tuo scatto
In seppia.
Hai avuto tutto il tempo
Di stabilirti nel mio cuore,
Perché sai
Che anche dopo tanti anni
Ti amo uguale.

—  Maria Teresa Iannotta | leparolediunanima

27/06/2014 Venerdì

"Mare.
Mare amato.
Mare lontano.
Mare che riverberi l’infinita, immensa onniscenza celeste.
Che dei corpi spaziali conservi la bellezza.
Abissale dimensione.
E stupefacente la magnificenza tua rimane impressa in queste mie pupille incantate.
Mentre incurante del mio sguardo innamorato, sulle note rive tue, muori.
Prodigiosa e temibile quiete.
Devastare monti, fiumi e piane potresti, se sol fosse bramosia tua.
Amico primordiale.
Che sciocco pene e lacrime ancora patisci.
Che ci accogli nei tuoi chiari e limpidi bacini.
Lagune percorse da soffici e tiepide correnti che son null’altro che la pura essenza della stretta tua.
L’Amore vero.
E t’osservo infrangerti per l’ultima volta, ancora, su quei rovinosi e viscidi tormenti.
Infami martìri che opacizzano il miracoloso capolavoro che sei.
E t’ammiro rinascere per l’ultima volta, ancora, ma per il vero.
E mai più splendore divino di tale bagliore venereremo rivelatore di ciò che nei tuoi abissi si è da sempre celato.
Ed ora, è tutto finito.
La notte incombe, e con serena dolcezza i tuoi riccioli d’onde, placa.
Addio, oh amato Mare mio.
Ci imbatteremo nuovamente nel giorno venturo.
Nel rinnovato sole.
In una vita, infine, migliore.”


Elsheba ~ † audite †

E se mai amerà, conservi gelosamente il suo segreto; non lo confidi ad alcuno prima di aver saputo con sicurezza a chi apre il suo cuore. E per preservare in anticipo l’amore che ancora non esiste, impari a diffidare di questa gente.

Facciamo un viaggio.
Prendiamo un treno, andiamo a Parigi; che poi no, non mi è mai piaciuta particolarmente come città, ma piace a te e quindi va bene. Ci torno con te e tutto sarà più bello e chissà, magari diventerà una delle mie città preferite.
Insomma, prendiamo questo treno e andiamo. Visitiamo tutti i musei più famosi, con te che mi trascini per mano perché tempo un’ora e sarò stanca di camminare. Saliamo fino in cima alla torre Eiffel, dove io ti guarderò scattare tremila foto mentre il vento mi manda a puttane i capelli e inizierò a urlare quando punterai l’obiettivo verso me. Andiamo in un ristorante e mangiamo crêpes fino a sentirci male. Facciamoci fare un ritratto da un pittore di strada, di quelli che poi conservi in camera appesi al muro e quando li riguardi ti spunta il sorriso. Stendiamoci a prendere il sole in un parco e iniziamo a farci il solletico per poi finire a baciarci. Andiamo in quei negozi di alta moda e fammi provare mille vestiti che tanto poi non comprerò perché in fondo dai, chi ha bisogno di vestiti firmati quando tu mi vedi bella anche col pigiama?

Andiamo e riempiamoci gli occhi, la bocca, le mani di tutto ciò che c’è.
E la sera riempiamoci il cuore a vicenda, stretti nel letto, a sussurrarci un “a domani” che sicuramente avverrà.

Cover Samsung Galaxy Note 3

Mentre aspettiamo l’arrivo del nuovo Note 4 non possiamo diamenticarci del suo fratello piccolo, il galaxy note 3, visto che continuano ad arrivarci nuovi modelli di custodie Galaxy Note 3 affinché il tuo phablet si conservi come il primo giorno.

Se vuoi proteggere il tuo galaxy Note 3 in modo sucuro però senza rinunciare a un design spettacolare, questa custodia è perfetta per te. Si tratta di una cover fabbricata con materiali di prima qualità e molto resistenete per cui non dovrai più preoccuparti  nel caso il tuo galaxy Note 3 subisca colpi o cadute, poiché sarà perfettamente protetto da qualisasi tipo di imprevisto. Ha un disegno molto originale e e differente con illustrazioni tipiche della città di Londra.

Inoltre questa cover ha un dosegno riginale e divertente affinché il tuo smartphone appaia incredibile e differente dal resto. Siccome è disegnata apposta per il Galaxy Note 3, si adatta perfettamente ai bordi e lascia liberi tutti gli accessi e le porte perché tu possa utilizzare il tuo dispositivo senza il bisogno di sfilarlo dalla cover.

Sono disponibili anche le nuove cover BeCool con disegni spettacolari  per il tuo Note 3. In molti disegni appartenenti a varie linee di disegno.

Se vuoi sfoggiare il tuo Note 3, non puoi perderti queste cover per dare un tocco unico al tuo telefono con i loro originali e audaci. Adesso, non dovrai più preoccuparti  se il suo note 3 subisce  colpi o graffi visto che sarà protetto con il miglior design. All’interno della serie BeCool sono disponibili varie linee di disegno  per incluedere i gusti e le necessità  di tutti gli utenti.

Per esempio potrai dare un tocco orginale e divertente al tuo Note 3 grazie a queste cover  di alcuni graffiti più riconoscosciuti della East Side Gallery del muro di Berlino.

Si tratta di una cover disegnata per questo terminale  per cui si adatta perfettamente e lascia liberi tutti gli accessi e le porte per poter utilizzare il tuo telefono senza doverlo togliere dalla custodia. Non dovrai più preoccuparti se il tuo telefono subisce colpi o graffi, poiché con questa cover sarà ben protetto.

Questa cover BeCool viene presentataw in un blister personalizzato affinché stia in perfetto stato. Adesso, con BeCool puoi avere i disegni più esclusivi  per il tuo Smartphone.

Se vuoi che il tuo Note 3 segua le ultime tendenze, questa cover è perfetta per il tuo ternimale. Si tratta di una carcassa fabbricata con materiali molto resistenti affinché il tuo telefono sia protetto sempre.

Copre perfettamente la parte posteriore del tuo Note 3  e si adatta alla perfezione. Non dovrai più oreoccuparti  se il tuo telefono subisce colpi o cadute vostro che grazie a questa cover, sarà totalmente protetto.

L’illustrazione è stampata con la tencinca di iniezione diretta su polipropilene con tinta UV affinché le rifiniture siano perfette. Questa cover BeCool viene presentata in un blister personalizzato affinché sia in perfetto stato.

Adesso il tuo Note 3 splenderà con disegno spettacolari. Ci sono vari modelli tra i quali scegliere.

Se vuoi conoscere tutte le novità di accessori per il Note 3 non smettere di visitare octilus.it

“Non voglio augurarti troppo male, non ne sono capace.
Ti auguro un solo rimpianto, me.

Ti auguro di prendere la mia maglia e sputarci sopra lacrime e sangue a furia di pronunciare il mio nome.
Ti auguro di rileggere quei commenti che tanto conservi e colpevolizzarti, ancora.
Una forte agonia,
e ancora rimpianti e rimorsi
quasi fino alla fine.
Perché quasi?
Perché ti auguro anche un solo momento di felicità,
di trovare una persona ed innamorarti follemente,
ma di una che mi somigli 
anche in un piccolo atteggiamento;
Cosicché da guardarla e ricordare me,
rovinerai tutto,
continuerà la tua angoscia
giorno e notte
ti tormenterò e non potrai avermi.
E quella, sarà la tua condanna.
Te lo auguro e continuerò a farlo con tutta me stessa, fidati.”

Text
Photo
Quote
Link
Chat
Audio
Video