conferenza

Dovere stare a scuola fino alle 6 e incantarsi a guardare il cielo dopo il temporale di stamattina.
Oggi è una giornata strana, dovrò sostenere assieme ai miei compagni una conferenza sui valori “Liberté, Égalité, Fraternité” e sono agitatissima, mi imbarazza un sacco parlare davanti a molte persone.
Poi guardo il cielo e mi calmo, sento di appartenergli in un qualche modo, e l’ansia e l’agitazione spariscono.

Il mio sogno sarebbe organizzare un’enorme conferenza con tutta la gente di tumblr, avete presente il concerto di Woodstock del 1969?
Ecco, un evento simile, che duri dei giorni, con giovani carichi, che abbiano voglia di esporre le proprie idee e di lanciare un urlo di ribellione a questa società sempre più chiusa.
Voi non lo trovereste qualcosa di grandioso?Qualcosa degno di esser studiato sui libri di storia?
—  Hosempreavutobisognodiamare
Η Αθήνα μέσα απο τα μάτια μου

Μια όμορφη νύχτα θα την χαρακτήριζα με δύο αγαπημένα μου πρόσωπα στην πανέμορφη Αθήνα.Πρώτη φορα συνειδητοποίησα πόσο σπάνια ήταν η ομορφιά της,τόσα χρόνια εδω αλλα ποτε μου δεν κατάφερα να την δω με άλλο μάτι.Ήταν βράδυ όλα φωτίζονταν με το λιγοστό φως των φαναριών και το αεράκι να σε διαπερνά χωρίς καν να σε αγγίζει.Το συναίσθημα εκείνη την στιγμή που παρατηρήσαμε το μουσειο της ακρόπολης στο βαθος που το μονο που διεκρινες ηταν τον φυλακα να περπαταει πάνω κάτω σκεπτικός ήταν μαγικό.Ο χρόνος περνάει και εμείς μεγαλώνουμε ήταν οι λέξεις μας,οι λέξεις που με έκαναν να σκέφτομαι τι έχανα τόσο καίρο.Όλα ήταν υπέροχα, ο ξένος κόσμος που τους χτένιζε η δρόσια του ανέμου και τα αξιοθέατα με τις όμορφες καλοσχηματισμένες μορφές τους.Τα ξεσκόνισα όλα με το επιβλητικό μου βλέμμα,αυτο το βλέμμα το σπάνιο το ζωηρό σαν να ήμουν και γω ένας απλός τουρίστας που βγάζει την κάμερα για να φωτογραφίσει κάθε είδος τέχνης.Μάλλον για την εμπέδωση αυτης της ομορφιάς χρειάστηκε μια μικρή πινελιά συντροφικότητας και συζήτησης εκείνο το βράδυ.Ήμουν ξεχνιαστη χωρίς να αναπολώ ευθύνες, σκέψεις και συναισθήματα που θα περικύκλωναν το κεφάλι μου και θα με ζάλιζαν.Αρκέστηκα στην όμορφη αυτη τέχνη που την περιτρυγιριζαν έντονα φώτα, και αγκάλιαζαν το μάρμαρο σαν παιδι τους και τις μικρές διακριτικές σχισμές τους.Ήθελα να τα μάθω,να τα γνωρίσω,να τα αγγιξω όλη αυτη η δείψα για μάθηση με έφερνε όλο και πιο κοντά.Το κεφάλι μου χαμήλωσε δεν κοίταζε πια,ήθελα μονο να ακολουθήσω το αεράκι που μου τινάζε τα μαλλιά με κατεύθυνση προς την έξοδο.Η μόνη έξοδος που έμοιαζε με είσοδο,μια είσοδο μάθησης,τέχνης,γραφής και λειτουργίας του εγκεφάλου.Η καλύτερη έξοδος για μια νέα επαναστατική αρχή.

youtube

Sindaco Domenico Corte, Parigi 13.04.2011.wmv (by corenocomune)

9

Oggi a Bologna è stato tutto un programma sconvolto ed è andato tutto bene , anzi benissimo. Ho anche visto l’uomo della mia vita. Eh si. Ma poi è sparito… Che stalker che sono. Potrebbe denunciarmi per averlo fotografato però >.< è così bello. Legge così assorto e perso.. Avrei dovuto abbordarlo con l’interesse per cosa stesse leggendo. Invece sono una pippa.

youtube

GRANDE PRESIDENTE, GRANDE UOMO!

#Congresso #Genova #Liguria #RegioneLiguria #Por #Fesr #FondoEuropeoSviluppoRegionale #FondiEuropei #PortoAntico #MagazziniDelCotone #Economia #Sviluppo #UnioneEuropea #GenovaMoreThanThis #Genoa #CommissioneEuropea #FinanziamentiEuropei #SviluppoEconomico #FondiStrutturali #PianoOperativoRegionale #Congressi #Conferenza #Conferenze #Unige #UniversitàGenova (at Centro Congressi Porto Antico Genova)

ALLEGRI: "Ristoranti da 100 euro? Basta prendere i piatti meno costosi. La quota scudetto è a 83 punti"

ALLEGRI: “Ristoranti da 100 euro? Basta prendere i piatti meno costosi. La quota scudetto è a 83 punti”

Dopo la grande impresa europea al Westfalenstadion, la Juve vuole continuare a dominare anche in campionato, nonostante il largo vantaggio sulla Roma. Per farlo, dovrà vedersela con il Genoa, match che si giocherà domenica alle 15 allo Juventus Stadium. Una gara sicuramente importante per dare un segnale di continuità, ma anche per “motivi di vendetta” visto che il Genoa è stata l’unica squadra…

View On WordPress

Il 16 marzo 2015, si è svolta al Università degli studi di Urbino Carlo Bo un interessantissima conferenza dal titolo “In vacanza dalla rete” in compagnia 

Marisandra Lizzi, giornalista pubblicista. Lella Mazzoli studiosa di comunicazione e dirigente dell’istituto per la formazione al giornalismo di Urbino. Luca conti, traduttore e giornalista italiano. Domitilla Ferrari, Digital Marketing di un grande gruppo editoriale e professoressa di Comunicazione Digitale e Social Network all’Università di Padova e Lia Celi, scrittrice, giornalista, autrice televisiva e conduttrice televisiva italiana.

Quest’ esperienza, a cui ho avuto l’opportunità di partecipare, mi ha lasciato davvero molto, sia come persona, assidua frequentatrice della rete che come aspirante giornalista, e voglio riassumervela attraverso quattro semplici domande…

Una pausa dalla rete?

Oggi, sopratutto nel ambito lavorativo si prevede una risposta immediata, per qualsiasi cosa. Questo perchè siamo noi stessi a dare una così grande importanza al immediatezza, non ci rendiamo conto che prenderci i nostri tempi e non rispondere subito, non cambia certo le cose, ovviamente bisogna sapere prendersi i propri spazzi e il proprio tempo con giudizio. Questo ci permette di comprendere allora che è si positivo essere connessi, ma non bisogna esserlo per forza, bisogna comprendere quand’è il momento giusto per connettersi e disconnettersi.

Rendere pubblici i propri argomenti su internet?

Il fatto di essere connessi, non significa che siamo presenti. Il desiderio di rendere pubblici i propri argomenti, come quello di rispondere immediatamente ed essere sempre presenti, come detto prima, deriva da un naturale e quasi infantile bisogno di approvazione, cerchiamo qualcuno che ci ascolti e ci dia attenzioni, e per questo siamo disposti a dalla. Il non rispondere nel immediato, ci porta un senso di colpa nei confronti di chi ci ha dato attenzione. Il bisogno di attenzione, ci porta alla dipendenza e questo non dipende dalla rete, questo è solo uno strumento che utilizziamo per colmare questo bisogno, proprio perchè sulla rete troviamo immediatamente l’attenzione ricercata. Non dobbiamo pubblicare in rete quello che non vorremmo fare leggere a chiunque. Per proteggere la privacy sul web quindi un un’unica regola: “non pubblicare online quello che non vorresti che tua nonna vedesse”. Bisogna comprendere che sulla rete tutto quello che può essere pubblicato può essere ripubblicato. Ogni uno di noi può comunque pubblicare i propri valori, idee esperienze e pensieri, ma non deve piangersi addosso dal momento in cui qualcuno dopo averlo cercato su internet decidesse di scartarlo e scegliere qualcun altro, perchè su internet ci distinguiamo dagli altri attraverso la nostra opinione. La vita privata e la rete, non possono essere separate nel 99% dei casi, perchè ogni cosa parla comunque di noi. In rete non si può nascondere nulla. Noi stessi abbiamo il potere di influenzare la nostra immagine. Spesso quello che pubblichiamo non lo pubblichiamo perchè giova a noi o a Qualcun’Altra, ma per pura noia, tanto per pubblicare. Non dobbiamo diventare schiavi degli altri e pubblicare tutto quello che giova agli altri.

A senso pubblicare tutto o è meglio non pubblicare nulla?

Bisognerebbe pubblicare per dare senso a noi stessi, pubblicate quello che ha a che fare con le nostre passioni, questo potrebbe anche diventare una professione, per informare ed ispirare. Quando si scrive di una passione lo si fa con una forza persuasiva maggiore. La disconnessione deve sempre essere a portata di scelta, è importante digerirla e approfondirla. Come detto prima, non bisogna dare l’impressione di essere sempre disponibili, ma avere sempre un orecchi sul mondo. Se ho un interesse, posso informarmi su tutto quello che trovo in relazione a quel argomento, attraverso la rete, ma mi mancherebbe ancora una grande pezza. Per questo puntare un orecchi. Qualcosa che ci permetta di avere un occhi su tutto, non solo sul mondo digitale, ma anche su quello analogico che resta ancora il più grande.

Ma perchè sulla rete seguo quello che è più vicino a  me, e le mode della rete?

Nel momento in cui siamo attivi su una rete che non è il nostro sito web o blog, siamo influenzati da chi gestisce quella piattaforma. Se io su facebook pubblico qualsiasi cosa, l’algoritmo che regola questa piattaforma mi mostrerà e valorizzerà  quel contenuto che seguo  di più. Il pericolo della rete è quello che essa diventi una tana letargica in cui rifugiarsi tra chi ci da attenzione. Quindi in conclusione, la rete è uno strumento utilissimo per la nostra vita, ma non indispensabile, siamo noi stessi a gestirlo e dargli importanza, quindi è importanze saperlo utilizzare con giudizio.

Dobbiamo auto educare noi stessi attraverso regole, capendo in anzi tutto che internet è utilissimo, ma che la vita offre anche molto altro, spronarci ad avere altre passioni e assecondando i nostri interessi lontano dalla tecnologia. Proponendoci, ogni tanto, una giornata o bel week end (o più) lontano dalla tecnologia. Niente internet, niente videogiochi ma giochi di società, attività manuali, visite a parchi e musei, film da guardare, libri cartacei, palestra, o una giornata fuori con gli amici o la famiglia.

-PrincessBelle

Io vengo solo quando si perde male o quando c’è troppo entusiasmo” scherza ma neanche troppo il capitano del Bologna, perché oggi va in scena il secondo caso. “Non abbiamo fatto ancora niente” è infatti il messaggio ripetuto più e più volte da Alino, in funzione di smorzare i facili entusiasmi percepiti dopo le due vittorie consecutive. “Siamo sempre in fondo alla classifica – ricorda per rincarare ulteriormente la dose – e ci sono altre ventotto partite da giocare. Bisogna continuare così, lavorando a testa bassa e col paraocchi”.

Benitez da Mosca: "Ho fiducia nel Napoli. I conti si fanno alla fine".

Benitez da Mosca: “Ho fiducia nel Napoli. I conti si fanno alla fine”.

Benitez: siamo carichi e fiduciosi per passare il turno Il tecnico: convinto al 100% della mia squadra. Maggio: dobbiamo reagire, il mio azzurro è Napoli, lascio la Nazionale

Siamo carichi e fiduciosi per domani. Sono convinto al cento per cento della mia squadra, possiamo fare strada in Europa ed in campionato“.

Rafa Benitez determinato, concentrato ed incisivo nella conferenza stampa di…

View On WordPress

Comunicato Stampa IN PUNTA DI DONNA - 29 marzo 2015 - Teatro Italia - Roma

COMUNICATO STAMPA

Rassegna artistica culturale contro ogni forma di violenza sulle Donne

IN PUNTA DI DONNA

Domenica 29 marzo 2015 verrà dedicata un’intera giornata al tema DONNA, che torna purtroppo attuale nella cronaca nera. Artisti, professionisti, addetti ai lavori, istituzioni, famiglie, si riuniscono per dare un segnale forte contro ogni violenza.

La creatività come risposta al violenza di…

View On WordPress