[Canetti remix]
Il terribile non sono i Dimmu Borgir, bensì il loro graduale svigorire.

[Cioran remix]
Il dovere di un metallaro è di essere ancora più metallaro.

[Kafka remix]
Dormito, headbangato, dormito.

— 

Critica della ragione metallica, § 1 « Tabacaria

Fra Tabacaria e PuntoZero, Mr Potts distilla saggezze monacalmetallare.

E chi si stupisse dell'accordo torni a meditare !

Il mio contributo :

( Bao Remix )

il riff del perfetto riff non è il riff di cui si può parlare: chi lo suona lo conosce, chi ne parla no

variante : …chi lo sa non lo suona ancora, chi lo suona non lo sa già più

La prende da lontano, Emanuele Trevi, ma ci va molto vicino. Saranno le sue buone letture, la sua formazione familiare - un padre e un maestro non è facile siano la medesima persona - , quella culturale. Fatto sta che, dopo buone prove di letteratura critica e narrativa, con IL VIAGGIO INIZIATICO ( Laterza, 10€ ) , Trevi condensa in poco più di 100 pagine il suo rapporto con ( e a proposito della ) Letteratura. Consiglio la lettura ai molti che pur sapendo che la propria non lo sia ancora, anzi: proprio per questo, vogliano osar scoprire che, forse, non saranno mai scrittori. Leggere con attenzione queste pagine potrebbe però metterli nelle precondizioni necessarie ( ma non sufficienti ) per trovare la spinta, e saltare nel vuoto. E diventarlo.

credibilità ( faith full ness )

La FotoCanzone che è appesa sotto a questo testo, nel precedente post, è davvero perfetta: Nevver, sua Webbità, SA come si allude.

E, visto che ci siamo: piccola scontata sottolineatura per NEVVER, principe anonimo quanto celebre, ma non ancora a tutti, nè soprattutto ai miei 25, che sono come me, fuori dal giro grosso della Rete Italiana, e dunque ogni sorpresa per loro ( per me ) è ancora sorpresa, non nuova rinnovata occasione di critica, per mostrare quanto sono avanti, loro, loro che dei miei 25 saranno 3, forse 4… Insomma: cliccate ( anche ) qui e andate a scoprire ( non fermatevi al primo passo, cercate in basso… ) il prisma che non c’è, mai, ma con Due Emme, insomma Il Grande Peteski.

Fine della ” divagazione, ma non troppo “.

Dicevamo:

La FotoCanzone che è appesa sotto a questo testo, nel precedente post, è davvero perfetta: Nevver, sua Webbità, SA come si allude.

Una Semi Moderna Scatola da Musica, un volto famoso, una attrice e un film-commedia celeberrimo quanto frainteso, tragico. Una canzone-verità, che allude sia alla pellicola sia al volto della cantante-interprete, sia alla fabula dell’attrice, e della cantante…

Verità ?

Ieri sera a Maniago, al piccolo e ottimo Teatro Verdi, 420 posti balconata compresa, Marianne Faithfull ha suonato, cantato e fumato - durante Sister Morphine - per 90 minuti circa. Band composta e solida, suono perfetto, pubblico educatamente in delirio. Da Horses And High Heels al Roger Watersiano èncore, in un set nero illuminato dal bianco della camicetta di seta di Marianne, mani e bracia grosse, tatuaggio fra pollice e indice sinistro: ( un delfino, una lucertola, un uomo stilizzato ? ) anelli di pietra dura e argento, orecchini di perla, bolerino nero presto tolto su pantaloni neri con tasche in vita: addome pronunciato, sorriso mozzafiato. Ancora. A 64 anni ( l’età di quella canzonetta dei Beatles, ricordate, e di quella mia cosa romantico antiquaria … ) .

Voce ? Andiamo, mi chiedete del colore di Obama ?

Momento migliore: vedi prossimo post, la versione incalzante-robusta-disperatamente arresa di “Broken English”.

Il peggiore: le luci accese dopo il bis, SENZA aver interpretato ” Strange Weather “, che Tom Waits scrisse per Lei.

Anni, fa, ma proprio Aaaaaaaaaaaaaanni, in un tinello marron a Cuneo ASTI , l’uomo che avete inteso ( e se no: pazienza ) , disse a un poco più che ventenne Bao che lo intervistava per Rolling Stone Edizione Italiana ( sì, c’era. sì, il pezzo non uscì: RS fallì prima del debutto di Bao ) :

- Lui, ha il più alto tasso di credibilità vocale della Canzone Italiana

( le maiuscole erano nel suo tono pacato e roco, ecco perchè ce le ho messe )

Il LUI cui si riferiva l’avvocato era il Molleggiato.

Una canzonetta del primo era appena stata portata all'Olimpo di Hit Parade' dal secondo. Viola mi adorava. Lele e Dani erano già amici.

Ma questo esula.

Quel che volevo dire qui è che Marianne Faithfull ha quel tasso.

Ed è ancora bellissima, basta chiudere gli occhi su quel sorriso.

Come alla Gatta del Chesire, tutto il resto di lei scom-pa-ri-rà !

Forse un solo atto compulsivo ho frequentato con maggior lena di quello cui allude bene il post-memoir che avete appena letto, leggerete: le liste di cose da. Con simili esiti. Voglio loro bene, come a quel me stesso che avrei potuto, se solo mi fossi impegnato di più. E le detesto, perchè sono le pietre consolari di cui è fatto il mio tracciato, mentre io sembro continuar a camminare solo fra l’una e l’altra, sulla terra bruta quando non a piedi rovesciati nel cielo blu, grigio o incolore che sia. Tanto, come scrivevo altrove, ha il nostro colore.

Brava La Capa. Le andrà meglio, LO so.