AL FUOCO! AL FUOCO! di Adrien Albert [PAPPALIBRI]

image

AL FUOCO! AL FUOCO!
di Adrien Albert _ Babalibri, 2014

Alla domanda “cosa vuoi fare da grande?” un’intrepida e piccina Sara rispondeva: “pilota di F16 o F24”. (galeotto fu: “Top gun”).
Ma solo per fare mille acrobazie e volare a testa in giù.
(Per la libreria mi sa che bisogna aspettare il 1999 con “C’è posta per te”).
Ma la risposta evergreen è senz’altro: il pompiere! (seguito a ruota da maestre d’asilo e veterinari).
E allora segnalo un bell’albo illustrato tutto dedicato a questa coraggiosissima professione. 
Storia originale che tiene con il fiato sospeso. Molto bella la scelta dei colori!

Corso di formazione "Raccontami una storia": il programma è servito.

image

A leggere, come ad amare,

non si impara da soli

Mariapia Veladiano

Come crescere lettori appassionati e sensibili? Come orientarsi nel vasto panorama della letteratura per l’infanzia?

Lapis Edizioni, in collaborazione con le Librerie del gruppo 3ELLE, vi invita a partecipare al corso di formazione Raccontami una storia - Conoscere e promuovere i libri per ragazzi in programma alla Libreria dei Ragazzi di Torino e alla Nuova Libreria il Delfino di Pavia tra settembre e novembre 2014.


Le iscrizioni sono aperte a partire dal 25 agosto. 


A CHI È RIVOLTO

Genitori, insegnanti, educatori, operatori del nido e della scuola dell’infanzia, curiosi, appassionati, e a chiunque voglia traghettare i bambini verso il piacere della lettura, leggendo e rileggendo libri insieme.
 

QUANDO E DOVE

TORINO, 27  Settembre | 25 Ottobre | 22 Novembre  2014

Libreria dei Ragazzi, Via Stampatori 21

Guarda il programma »

Interverranno: Beatrice Masini (scrittrice, esperta di Letteratura per l’infanzia, editor), Francesca Archinto (Babalibri), Flavia Manente (esperta di Letteratura per l’infanzia), Alessandro Riccioni (bibliotecario, scrittore), Andrea Valente (scrittore), Sabina Stavro (Editoriale Scienza), Sara Marconi (scrittrice), Alberto Arato (scrittore e docente), Guido Affini (libraio).


PAVIA, 11 Ottobre 2014

Nuova Libreria il Delfino, Piazza Cavagneria 10

Guarda il programma »

Interverranno: Francesca Archinto (Babalibri), Silvia Borando (autrice, Minibombo), Anna Parola (libraia della storica Libreria dei Ragazzi di Torino), Fabrizia Bovio e Gabriella Beltrami (esperte in promozione della lettura, Associazione Sillabaria).

Il costo di ogni giornata è di 90,00 euro. Potete decidere di partecipare a tutte o a una soltanto, come preferite!

Balene immaginarie e finestre vuote

 “Se vuoi vedere una balena, ti servirà una finestra.” Ho deciso che questo sarà il mio motto dell’estate, da recitare davanti a monitor, ventilatore e cornici vuote. L’albo illustrato aperto oggi sul leggio è Se vuoi vedere una balena di Erin E. Stead, illustratrice pubblicata in Italia da Babalibri, e la recensione la trovate sul prossimo numero di Andersen. Del libro (che è molto bello) non vi dirò altro. Parlando invece di balene – balene immaginarie che si possono trovare anche qui in città, lontano dal mare – mi tornano in mente due titoli dedicati a Moby Dick: il pop-up di Sam Ita, arrivato in Italia nel 2007, e il bellissimo libro d’artista firmato da Alessandro Sanna, un albo senza parole stampato su carta pregiata in un’edizione di grande formato, al confine tra cinema e fumetto. Una storia a due facce: da una parte l’uomo e dall’altra la balena bianca, destinati a incontrarsi a mezza via, dove s’incontrano i racconti e dove il destino dell’uomo si scontra con quello della natura. 

 > Erin E. Stead, illustratrice americana, ha vinto la prestigiosa Caldecott Medal con Il raffreddore di Amos Perbacco, realizzato insieme al marito Philip così come Orso ha una storia da raccontare (che ho recensito qui). Se vuoi vedere la balena è invece scritto da Julie Fogliano. La particolare tecnica utilizzata dall’artista è ben spiegata nel suo sito, che vi consiglio di visitare.

> La genesi del Moby Dick di Alessandro Sanna, e la sua struttura a due facce, è raccontata qui dall’autore. Il libro, difficile da trovare in libreria, si può richiedere nel sito dell’editore.

> Nemmeno l’edizione italiana del pop-up di Moby Dick realizzato da Sam Ita (allievo di Sabuda) è facile da reperire, ma per gli appassionati di libri a tre dimensioni è un titolo interessante, che unisce gli effetti della cartotecnica (utilizzata con semplicità) al linguaggio del fumetto. Qui potete dare un’occhiata agli interni.

Di sbarre si vogliono solo quelle dei codici

Un weekend da dedicare ai libri, alla lettura e al piacere di essere fuori…mercato! Eh…

View Post

LIBRI PER BAMBINI

Come al solito tiro fuori libri per bambini che forse non sono le ultimissime uscite, ma mi va di consigliare solo ciò che riscontro successo con i miei bambini e con coloro che mi seguono nelle mie attività creative.

Questo è uno di quei libri che mi piace leggere e che diverte un sacco, soprattutto i piccolini. L’ho preso in Biblioteca perché il mio piccolo ometto Giorgio (quasi tre anni) quando fa vedere i muscoli è uguale al lupo della copertina :-)

Questo libro piace a tutti e tre i miei bimbi, ma soprattutto a Giorgio! Ed Emma (che sta finendo di frequentare la prima elementare) si diverte a leggerlo, facendo anche le vocine!

Il lupo va in giro per il bosco e incontra tanti personaggi e alla fine …

Leggetelo, anche solo per ridere un po’ ;-)

La casa editrice Babalibri pubblica libri per bambini sempre interessanti, andate a dare un’occhiata!

:18: [PAPPALIBRI]

image

IL BRUCO MISURATUTTO
di Leo Lionni_ Babalibri, 2010

Ci sono bruchi e bruchi. Alcuni sono verde smeraldo con tante paia di zampette nere, altri sono verde smeraldo con tante paia di zampette nere e una grande capacità d’improvvisazione.
Se pensate che questa dote sia utile solo agli attori, bhè, vi sbagliate di grosso.
Alla seconda pagina del libro si legge di un pettirosso buongustaio che ha tutte le intenzioni di mangiarsi un bruco.
Se lo sarebbe pappato tutto intero, verde verde se… il suddetto bruco non avesse inventato, lì su due piedi e anche tutti gli altri, un’attività lavorativa mai udita nel regno animale e non solo. Riporto le esatte parole: “Ti prego non mi mangiare. Io sono un bruco Misuratutto e sono molto utile. Io misuro tutte le cose.”
Che cosa potrà mai fare un bruco con simili doti in mezzo a tucani, fenicotteri&co. molto vanitosi? Ovviamente misurare. Misura colli, becchi, zampe… E se a un certo punto della storia un usignolo intonatissimo chiede di misurare una canzone? Il bruco verde smeraldo con tante paia di zampette nere e una grande capacità d’improvvisazione, a modo suo, veloce veloce farà il suo lavoro di Misuratutto ;-)
Mi piace. Come del resto mi piacciono sempre le storie di Leo Lionni.
Dai 3 anni in su.